Domenica 11 Dicembre 2016

ALMANACCO DAUNO

Oggi, 14 aprile 1939, nasce la Fiera di Foggia. Sempre oggi, nel 1973, il presidente della Repubblica Leone inaugura il casello autostradale

Oggi, 14 aprile 1939, nasce la Fiera di Foggia. Sempre oggi, nel 1973, il presidente della Repubblica Leone inaugura il casello autostradale

Il Ministro Tassinari all'inaugurazione della Fiera del 1939 (Ph. manganofoggia.it)

Oggi, 14 Aprile del 1939, viene emanato il Regio Decreto che istituisce la Fiera di Foggia*

Sempre oggi, 14 Aprile 1973, alla presenza del Presidente della Repubblica Giovanni Leone, viene inaugurato il casello autostradale di Foggia dell'A14**

(dall'Agenda 2014 della Fondazione Banca del Monte di Foggia. Progetto editoriale: Filippo Santigliano. Ricerca e testi: Davide Grittani. Editing e curatela: Saverio Russo, Filippo Santigliano)

 

APPROFONDIMENTO**

L'USCITA A FOGGIA COMPLETA LA BOLOGNA CANOSA

Il 14 aprile 1973, con l'apertura al traffico dei tratti Ancona Sud - Pescara Nord e Vasto Sud - Foggia (per un totale di 234 km), veniva inaugurato il completamento dell'autostrada Bologna - Canosa: l'autostrada A14 Adriatica.  Il primo tratto Bologna - Cesena era entrato in funzione nel 1966 e il prolungamento fino a Taranto venne aperto al traffico nel dicembre 1975.

 

APPROFONDIMENTO*

LA FIERA DI FOGGIA DAL 1900 AI GIORNI NOSTRI

(dal sito di Alberto Mangano www.maganofoggia.it)

La Fiera di Foggia ha origine centinaia di anni or sono ma in questa pagina ci si vuole dedicare agli sviluppi che la stessa ha avuto a partire dai primi del 900 e che la ha portata ad essere quella che oggi appare ai nostri occhi tra la fine di aprile e i primi di maggio di ogni anno.
Agli inizi del secolo la trasformazione agricola della Capitanata, iniziata con l’abolizione del Tavoliere e con il passaggio definitivo dalla pastorizia alla cerealicoltura, si è ormai realizzata. Tale trasformazione comportò, come è noto, l’affermazione del tipo di impresa capitalistica, con la meccanizzazione sempre crescente delle coltivazioni.
Tuttavia al notevole aumento delle possibilità mercantili offerte dal vivace momento che attraversava il mondo agricolo, non corrispose un incremento della Fiera.
Cessato il mercato armentario, che aveva trovato suoi canali alternativi, si deve constatare che in tale periodo la fiera di Foggia raggiunse il punto più basso del suo livello mercantile, limitandosi gli organizzatori a gestire il tradizionale mercato del bestiame come una qualunque delle tante fiere che si svolgevano nei comuni della provincia.
Intanto il 1900 si era aperto per la fiera con una novità che riguardava la data di effettuazione. Per decisione delle autorità comunali fu stabilito che la data tradizionale della fiera sarebbe stata fissa, con inizio il 25 Maggio di ogni anno, per la durata di tre giorni. Le  autorità comunali e il Consorzio Agrario Provinciale, in data 1904, presero l’iniziativa di abbinare alla fiera le Esposizioni Provinciali Zootecniche volte a premiare i migliori soggetti equini, bovini, ovini e suini allevati nelle aziende agrarie della provincia. Era evidente l’importanza di tale iniziativa che serviva a ben differenziare la fiera di Foggia dalle altre fiere pugliesi nelle quali il mercato zootecnico era lasciato alla libera presenza di commercianti e “sensali” di bestiame, figure caratteristiche delle fiere paesane che per alcuni settori (es. quello equino) erano in mano ai famigerati “zingari” dei quali ancora oggi si raccontano i leggendari “trucchi”, capaci di spacciare uno scheletrico ronzino per un autentico purosangue. L’esposizione iniziava il 23 Maggio, due giorni prima della fiera e terminava il giorno dell’apertura della stessa; l’iniziativa coinvolse tutto il mondo politico ed agricolo del tempo con la fondazione di un Comitato d’onore presieduto dal Ministro dell’Agricoltura Rava e di un Comitato Organizzatore presieduto da Emilio Perrone, Sindaco di Foggia.
Per gli anni successivi, riguardanti il periodo della prima guerra mondiale e del turbolento dopoguerra, nessun riferimento alla fiera viene riportato nelle cronache cittadine. Poche note sul Calendario delle “Fiere e Mercati” della Provincia di Foggia che la Camera di Commercio era obbligata a pubblicare quale programma per gli ambulanti.
Una certa vivacità si ebbe nelle fiere del periodo bellico quale mercato di concentramento dei quadrupedi per gli acquisti del Regio Esercito. Null’altro.
Bisognerà attendere il periodo fascista per quello che la stampa locale chiamerà la rinascita della fiera.
Che il fascismo abbia individuato nelle Fiere uno dei più qualificati ed efficaci strumenti di propaganda ed “immagine” del proprio regime è indiscutibile. A dimostrazione il fatto che il primo provvedimento che modificava il vecchio e certamente insufficiente sistema fieristico italiano (che risaliva al 1866) veniva adottato appunto nel 1923 e cambiava sostanzialmente tutta la materia fieristica, annullando di colpo le competenze dei Comuni e delle Amministrazioni Provinciali, centralizzando le manifestazioni fieristiche e ponendole sotto la disciplina del Governo: tale norma (R.D.L. 16 dicembre n.2740) di fatto creava il nuovo istituto dell’Ente Fieristico.
Scopo della creazione dell’Ente era naturalmente, oltre a quello della creazione di uno strumento autonomo di gestione della complessa materia fieristica, anche quello di sottrarre le fiere alle iniziative locali e a quelle produttive e commerciali private, instaurando un organo dirigistico nel quale il Presidente, il Consiglio di Amministrazione, il Segretario Generale erano di nomina ministeriale e facenti capo al Presidente del Consiglio e al Ministero delle Corporazioni.
Il Governo intervenne sugli Enti Fieristici di Milano (1929), di Verona (1930), di Padova, che già funzionavano perfettamente come emanazione degli enti locali, ponendo alla testa degli stessi uomini del Regime e istituì nuove fiere quali quelle del Levante di Bari, quella dell’Oltremare di Napoli e quella di Tripoli.
La necessaria modernizzazione della Fiera di Foggia il cui ruolo era ormai scaduto alla spontanea presenza del mercato zootecnico e alle sporadiche iniziative, iniziò nell’anno 1923 con la istituzione delle Mostre Campionarie agricole-industriali.
Le mostre, in concomitanza con la tradizionale fiera di Maggio, si svolsero dal 20 al 30 Maggio e ebbero luogo nella Villa Comunale dove vennero costruiti “stands” e tettoie. Le mostre si svolsero negli anni 1923 – 1924 – 1925 ma si interruppero successivamente a causa delle difficoltà economiche e della mancanza di spazio.
Mussolini, nel settembre del 1934, di ritorno da Bari dove aveva inaugurata la Fiera del Levante, aveva riproposto alla classe dirigente di Capitanata “con ferrea volontà fascista” il problema della nuova fiera di Foggia. Infatti proprio in quegli anni si era verificata una vera e propria esplosione della meccanizzazione agricola in Capitanata. Essa riguardava non solo le trattrici, ma le prime ed imponenti mietitrebbia a ciclo completo, i potenti “aratri talpa” per il drenaggio dei terreni, che avevano trovato, intorno agli anni 30, le primissime applicazioni in Italia proprio nel Tavoliere, anche per opera di tecnici agrari di elevata competenza che facevano capo alla Scuola Agraria di Portici (De Cillis, Pantanelli, De Dominicis). Tutto ciò rendeva indispensabile una particolare organizzazione di mercato in sede locale.
Al mercato delle macchine agricole si poteva aggiungere poi quello dei fertilizzanti e dei concimi chimici e il settore zootecnico, specie per l’ovinicoltura, rilanciata ad opera dell’Ovile nazionale di Foggia di Nicola Tortorelli e per l’obligatorio ammasso della lana, attuato in regime autarchico.
Alla realizzazione del progetto contribuirono il primo podestà di Foggia, Alberto Perrone, il Presidente del Consorzio Agrario, Giovanni Barone, Duca di Jelsi e due altri esponenti del partito fascista, Giuseppe Caradonna e Dario Lombardi.
La secolare collocazione della fiera foggiana fuori la Porta Arpana, alla confluenza dei tratturi pastorali e al Piano delle Fosse granarie, non era più pensabile. La città andava espandendosi velocemente verso la zona della stazione e della villa comunale e il nuovo piano regolatore Albertini, del 1933, prevedeva la destinazione di quelle zone dove per secoli era confluito il bestiame per la fiera, a edilizia residenziale.
La Civica Amministrazione da tempo aveva provveduto a dirottare in una zona della città, che in passato aveva già visto svolgere le corse dei cavalli, la contrada Pila e Croce, il mercato del bestiame. In tale zona seguendo la secolare tradizione, confluiva il bestiame che spontaneamente veniva a Foggia, per il mercato di due o tre giorni, dal 25 al 27 Maggio e dal 24 al 25 Novembre. In quella zona si decise di far sorgere il quartiere fieristico, per una scelta che, del resto, rispondeva pienamente al piano Albertini, basato sulla “zonizzazione” extra-urbana dei nuovi insediamenti (cartiere, silos, industrie, borghi rurali…) anche se, al tempo, tale soluzione fu giudicata fuori mano.
Successivamente il Comune destinò tutta la zona a “Campo fiera” provvedendo con opportune permute ad accorpare tutta la superficie in un quasi regolare quadrato, alla confluenza delle strade per Cerignola e sulla circonvallazione e con possibilità di un raccordo ferroviario.
La Civica Amministrazione fece le cose con ampiezza di vedute, destinando alla fiera oltre 250 mq. di superficie, dotandola di servizi e provvedendo a dotare la zona antistante di un’ampia pineta, mentre l’Amministrazione Provinciale provvide alla rete viaria e l’Acquedotto Pugliese ad una rete idrica.
La prima fiera nel nuovo “campo fiera” si tenne nel maggio del 1936: si trattò di una edizione di prova, nella nuova zona, limitata al settore zootecnico e alle macchine agricole, indetta dall’Amministrazione Comunale che provvide a collocarvi il bestiame in improvvisate rimessine. L’anno successivo, e cioè nel 1937, si svolse la Fiera Agricola di Foggia: all’inaugurazione ci ritrovò di fronte un quartiere fieristico non ancora recintato, ma abbastanza funzionale, attrezzato come era con tettoie in ferro per il bestiame, una struttura in muratura per mostre espositive, anche se ancora priva dell’ingresso monumentale.
Così relazionava il Presidente Perrone alla fine della manifestazione dell’anno 1937:
“ Il numero dei capi resentati (n. 10.840) e delle macchine agricole poste in vendita e l’entità degli affari conclusesi sono stati notevoli. Nel campo della fiera sono già sorti, nello spazio di pochi mesi, vari padiglioni stabili fra cui quello del Consorzio Generale per la Bonifica della Capitanata e quelli dell’Ente Nazionale per la Cellulosa, della Stazione Zooprofillatica di Foggia, dell’Ente Provinciale per il Turismo (nel quale sono stati collocati il telegrafo, il telefono, il caffè-ristorante ed altri esercizi), del Consorzio per la Cotonicoltura e dell’Ovile Nazionale di Foggia.
… non appena costituitosi l’Ente Morale esso provvederà alle proprie costruzioni soprattutto per accogliervi il bestiame più pregiato. Dette installazioni renderanno possibile realizzare delle iniziative a latere anche a carattere permanente, prima fra tutti la istituzione di un foro boario che sarà di immenso beneficio per il commercio delle carni della intera provincia. Le possibilità future della fiera sono rilevantissime e tali da trascendere i limiti dell’interesse regionale specie se la istituzione si ponga in rapporto all’attuale orientamento autarchico del Paese.”
La fiducia del Presidente Perrone e del Comitato Organizzatore trovò piena giustificazione nell’anno successivo, 1938, durante il quale si svolse una delle manifestazioni più importanti del periodo fascista, quella che portò all’istituzione dell’Ente e alla sua affermazione in campo nazionale.
Nel quartiere fieristico si erano completate le strutture, quali la rete illuminante e i vari servizi e si era provveduto alla costruzione di un Ingresso Monumentale, in pieno stile fascista, con 8 colonne di fasci allineati e con la dotazione di vari uffici e servizi. Vi erano poi strutture in legno, 300 rimessine per i gruppi di allevamento, un chilometro di staccionata per gli animali isolati.
La manifestazione del 1938 impose la necessità da parte del Comitato Organizzatore, di adoprarsi per il riconoscimento in Ente della manifestazione fieristica. A tal proposito si costituirono in enti fondatori il Comune, l’Amministrazione Provinciale, la Camera di Commercio alle quali poi si associò il Banco di Napoli, che garantirono per la parte patrimoniale ed economica. Le entrate furono assicurate da contributi fissi degli enti fondatori. Fu chiesto infine il parere del Consiglio di Stato (per lo Statuto) e del Ministero dell’Agricoltura e nel giro di pochi mesi la pratica fu portata a compimento.
Quindi in data 14 aprile 1939 fu emanato il Regio Decreto n. 771 che così recitava: “Su proposta del Ministero delle Corporazioni viene istituito in Foggia un Ente Autonomo avente personalità giuridica denominato Fiera di Foggia e ne viene approvato lo statuto.”
La manifestazione del 1939, la prima indetta dal nuovo Ente fieristico foggiano, vide una solenne inaugurazione alla presenza di Giuseppe Tassinari, Sottosegretario alla Bonifica Integrale, personalmente impegnato quale tecnico agrario di riconosciuta fama e quale autore degli indirizzi del regime nel campo della bonifica, e certamente la figura più eminente del momento nel mondo agricolo italiano. Con lui erano il Prefetto Avenanti, il sindaco Pepe, il Presidente della provincia De Meo, i tecnici agricoli Iandolo e Carrante, interpreti del piano di bonifica in Capitanata ed infine il nuovo Presidente dell’ente, Giovanni Barone, Duca di Jelsi che aveva sostitutito Alberto Perrone.
Quella inaugurazione segnò l’inizio di uno stretto legame della fiera con la politica agraria del Regime. Infatti subito dopo il Foglio Disposizioni del partito Nazionale Fascista rendeva noto che dall’anno 1940 a Foggia dal 25 al 30 maggio la fiera avrebbe avuto una nuova denominazione e si sarebbe chiamata Fiera per il progresso autarchico dell’agricoltura italiana.
Il 12 febbraio 1940 alla presenza del Prefetto Vella e del Segretario Federale Frattarelli, dell’ing. Dario Lombardi, Segretario Generale dell’Ente, avvenne l’insediamento del Primo Consiglio di Amministrazione dell’Ente. Questo fu il telegramma inviato a Mussolini: “Nel vostro nome, Duce, l’Ente Autonomo della Fiera di Foggia inizia oggi la sua attività. Questo pluricentenario mercato zootecnico che per vostro volere si rinnova e si potenzia vuol diventare uno strumento sempre più possente di realizzazioni economiche e di attivissimi scambi nel settore di quell’autarchia alimentare per la quale lo sterminato Tavoliere è stato esaltato e sarà presto vinto nella serenità costruttiva di quella giustizia sociale che è alimento e ragione della nostra ruralità”.
Ma purtroppo dopo la seconda edizione della Fiera e precisamente il 14 Giugno 1940, 4 giorni dopo la fatale dichiarazione di guerra, giunse al Presidente dell’Ente un ordine del Ministero della Guerra per il quale il quartiere fieristico di Foggia veniva requisito dall’autorità militare per crearvi un deposito quadrupedi e un campo di concentramento per le truppe. E’ la fine inattesa di tutte le ambizioni e speranze dell’Ente appena istituito; il “campo fiera” da quella data inizierà la sua lunga vicissitudine che lo vedrà diventare acquartieramento delle truppe italiane, specie durante il periodo della campagna di Grecia, poi rifugio degli sfollati durante i feroci bombardamenti dell’estate del 1943 ed infine autocentro e deposito di carburante per le truppe di occupazione alleata. Solo nel 1947 l’Ente riuscirà a rientrare in possesso del quartiere fieristico ridotto in condizioni pietose.
Comunque, nonostante tutto, l’Ente non interruppe la sua attività e le fiere del 1941 e 1942 si svolsero ugualmente ma nel parco Pila e Croce, la zona a fianco della Villa Comunale, davanti al Deposito Stalloni e alla palestra della Gioventù Italiana del Littorio, zona del resto tradizionale della fiera, che aveva ospitato per tanto tempo le corse dei cavalli. Furono ovviamente due manifestazioni svolte in forma ridotta e limitate al solo settore zootecnico per disposizioni del Ministero delle Corporazioni.
Tra il il 1941 e il 1942 ci fu un nuovo cambio alla guardia al vertice dell’Ente: Giuseppe Caradonna subentro a Giovanni Barone.
Nel maggio del 1943, data tradizionale per lo svolgimento della fiera, cominciarono i bombardamenti sulla città che coinvolsero anche il quartiere fieristico e praticamente gli anni della fiera nel periodo fascista terminano con il ben noto telegramma che il Prefetto Benigni indirizzava a Roma nel luglio del 1943: “ Confermo città Foggia essere totalmente distrutta”.
Nel 1945, poiché l’Ente non aveva provveduto ad inviare ai sensi della legge i bilanci relativi al ’43 e ’44, il Ministero dell’Industria, Commercio e del Lavoro comunicava di voler procedere alla soppressione dell’Ente Autonomo per le Fiere di Foggia in quanto creato per considerazioni di carattere politico. A questo punto il commissario dell’Ente, Vincenzo Bruno, decide di rivolgersi direttamente al senatore Benedetto Croce che aveva un forte legame, da parte di madre, con la terra di Capitanata e che spesso veniva a Foggia per motivi di interesse familiare e per amicizie varie.
Nel frattempo il Comune, retto dal sindaco Luigi Sbano, la Camera di Commercio retta dall’on. Recca, la stessa Prefettura indirizzarono al Ministero ordini del giorno contro la soppressione facendo presente che “la Fiera di Foggia è nata prima del regime fascista, è stata un grande mercato e farebbe una pessima impressione nelle nostre popolazioni una eventuale soppressione dell’Ente, che non troverebbe alcuna giustificazione legittima nel momento in cui Foggia cerca di rifarsi dalle sue infinite distruzioni belliche e vuole giungere alla sua ricostruzione”.
Tale mobilitazione compatta della città e l’intervento di Croce servirono a salvare l’Ente dalla soppressione e il Ministero si contentò dell’espediente di chiedere una modifica dello Statuto, togliendo alla Fiera la denominazione di “Fiera del Progresso Autarchico”.
Quindi L’Ente, ancor privo del possesso del suo quartiere fieristico, riprese la sua attività che fu limitata al solo settore zootecnico il cui mercato si svolse presso il Deposito Stalloni. A Vincenzo Bruno subentrò alla guida della Fiera l’ing. Luigi Turtur sotto la cui presidenza si ritornò al possesso della sede per la manifestazione che purtroppo versava in condizione disastrate ma il nuovo Consiglio di Amministrazione decise che bisognava ritornare in quell’area nonostante tutto e pertanto la Fiera del 48 si svolse, a partire dalla tradizionale data del 25 maggio, nel quartiere fieristico. In quella occasione e in quella successiva del 49 ci si affidò sempre al settore zootecnico e l’Ente provvide alla recinzione per il  bestiame. Ma per una ricostruzione del quartiere necessitavano somme ingenti e le difficoltà venivano ampliate dalla mancata liquidazione dei danni bellici e il mancato appoggio degli Enti locali e del Governo: ecco il motivo per cui Luigi Turtur, nel marzo del 1951, si dimise dalla Presidenza.
A quel punto l’on.Recca resse contemporaneamente la Camera di Commercio e l’Ente Fiera e fu lui che istituì le Fiere Campionarie di Primavera che si svolsero sino al 1953 che prendevano esempio della vicina Fiera del Levante di Bari, sotto il cui analogo profilo essa avrebbe dovuto interessare, nel periodo primaverile gli stessi operatori economici: ma proprio per la vicinanza della fiera barese e per la assoluta mancanza di vocazione commerciale, l’esperimento non fu felice; le stesse “Campionarie” evidenziavano sempre il settore portante della fiera che restava quello agricolo-zootecnico, tanto è vero che i tentativi di anticipare la data fuori della secolare tradizione di fine maggio, si rivelarono un fallimento. A complicare il tutto, nel 54 venne a mancare all’improvviso l’on.Recca e l’Ente fu affidato dalla Giunta esecutiva ad Ippolito che volle comunque andare avanti con un’altra Fiera Campionaria.
Alla fine del 54 le forze politiche ed imprenditoriali locali, su pressione del Ministro dell’Industria, affrontarono la questione della Presidenza della Fiera convincendo l’on. Gustavo De Meo ad accettare l’incarico. Fu una decisione unanime e concorde, in quanto era convinzione comune che solo il giovane e dinamico deputato foggiano avrebbe potuto risollevare le sorti dell’Ente il quale, a 15 anni dalla sua istituzione e a 10 anni dalla fine della guerra, versava in condizioni di totale e assoluta insicurezza per una prospettiva futura. Il neo presidente De Meo pose una sola condizione: il ritorno all’antica e secolare tradizione della fiera, quella agricola-zootecnica, l’unica in grado di assicurare un futuro all’Ente. Ad affiancarlo in tale impresa chiamò accanto a sé, come Segretario generale, il dr. Antonio Vitulli. Ecco quindi che grazie
anche al pieno appoggio del Comune, della Provincia e della Camera di Commercio, il 23 Maggio del 1955 viene inaugurata la Prima Fiera Nazionale dell’Agricoltura e della Zootecnia, la stessa che dopo oltre 50 anni resiste ancora nella nostra città. Quella prima edizione ebbe risultati più che soddisfacenti anche per la presenza di numerose ditte espositrici e all’inaugurazione, il Ministro dell’Agricoltura Medici, esperto conoscitore della storia agraria della Capitanata, ebbe a dire: “… ora il Tavoliere ha concluso le sue vicende pastorali per iniziare una nuova grande vicenda agricola-zootecnica”
Da allora di strada la Fiera ne ha compiuto restando un punto cardine per gli operatori del settore sino al riconoscimento, nel 1972, del carattere internazionale della Fiera di Foggia grazie alla sempre maggiore presenza di organizzazioni commerciali, di delegazioni e di esperti del mondo economico e politico estero: un bel traguardo considerando le numerose difficoltà presentatesi per questa importante istituzione nel corso del XX secolo.

 

 

Il Castello Edizioni

Premio Lupo 2015 - Sezione Pittura

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo 2015 - Sezione Pittura

di AA.VV.

La pittura, in tutte le sue espressioni, rappresenta il linguaggio comune di tutte le arti attraverso il tempo della creatività umana. Se osserviamo i grandi capolavori, ci rendiamo conto che in essi troviamo tante suggestioni, emozioni, ricordi, nonché un forte senso di compattezza, una costante circolazione di idee sempre innovative e una enorme quantità di modelli figurativi...

 
RaccontiAMO

Prezzo di vendita 10,00

RaccontiAMO

di P. Grillo, V.M.V. Francillotti, F. Del Vecchio

Viviamo in mezzo alle storie e bisogna raccontarle bene, con rispetto. E’ un compito civile, come quello del panettiere qua sotto. Io ho bisogno di lui e lui di me. Gli uomini hanno bisogno di storie. non soltanto per trasmettere sapere. Ogni storia è la custodia della speranza che questa vita non sia l’unica, che se uno volesse potrebbe avere un’esistenza differente. 

 
Il figlio di NessuNo

Prezzo di vendita 20,00

Il figlio di NessuNo

di Gino, Paolo e Vittorio Frattulino

Mino Capocollo nel momento della morte del padre Amleto viene a conoscenza di un terribile segreto: coloro che credeva i suoi genitori in realtà sono dei perfetti estranei

 
Un invito, poi un viaggio

Prezzo di vendita 15,00

Un invito, poi un viaggio

di Alessia Roberta Scopece

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 
Ricordare...

Prezzo di vendita 12,00

Ricordare...

di Claudia Di Dio

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Risonanze

Prezzo di vendita 35,00

Risonanze

di AA.VV.

"Risonanze" è finalizzato allo studio delle forme di presenza dei miti classici nelle letterature di età successive, come anche nelle arti figurative e nella musica.

 
Fortunato, anatomia di un Santo

Prezzo di vendita 15,00

Fortunato, anatomia di un Santo

di Cristoforo Pomara

Un viaggio tra fede e razionalità, tra trattati di medicina e perquisizioni della storia. Perché, come diceva Indro Montanelli, «in America Latina e in Italia, le storie migliori sono sepolte insieme alla verità».

 
Il lumicino della Speranza

Prezzo di vendita 12,00

Il lumicino della Speranza

di Piero Cicolella

La storia d’amore tra Mattia e Carol è sconvolta da un evento lieto ma allo stesso tempo tragico, che ne cambierà radicalmente la vita sentimentale. Solo grazie alla forza della speranza e al loro grande amore i due protagonisti riusciranno ad affrontare e superare le avversità della vita.

 
Vaffankulo Bridget Jones

Prezzo di vendita 15,00

Vaffankulo Bridget Jones

di Alessandro Maselli del Giudice

Roman Jones, programmatore insoddisfatto che sogna di produrre t-shirt con i disegni da lui realizzati, il 9 agosto 2014 compirà quarant’anni. Non ha legami stabili né li ha mai cercati, ma la caccia all'autore di un sms anonimo lo condurrà a scoprire realmente chi sono le persone che lo circondano e quali sono i sentimenti che provano nei suoi confronti.

 
La riconquista di Roma

Prezzo di vendita 20,00

La riconquista di Roma

di Francesco Bochicchio

Ecco come la nostra nazione e la sua storia possono essere paragonate alla vita di un qualunque adolescente che affronta il suo processo di crescita, ossia la ricerca di se stesso per affermarsi ed emanciparsi.

 

Prezzo di vendita 15,00

Il singhiozzo dell'albero assetato

di Giovanna Irmici

 
TraPassato&Presente

Prezzo di vendita 35,00

TraPassato&Presente

di AA.VV.

Le diverse forme intellettuali della cultura moderna sono debitrici verso la grande esperienza della civiltà antica. Eppure, il modello culturale a centralità umanistica viene ripetutamente esposto al rischio di essere emarginato dalla scuola, poi dall’università, e infine dalla coscienza comune della nazione.

 
Storia della Letteratura Latina

Prezzo di vendita 80,00

Storia della Letteratura Latina

di Giovanni Cipriani

Una letteratura che non porti visibili i segni dell’evoluzione culturale di un popolo (in termini di ideologie, religioni, folclore, ambiente, architettura, arte e lingua) equivale - ci si perdoni il gioco di parole - a una letteratura ‘senza storia’. È indispensabile, dunque, ‘tornare indietro’ a sentire le voci di quegli uomini, senza penalizzanti distinzioni o esclusioni, e a percepire le loro ansie in termini di imitatio e aemulatio, prima di godere in piena consapevolezza della loro conseguita coscienza di impegnati esponenti culturali e prima di indagare le cause del loro successo fino a noi.

 
Viaggio nella terra degli ultimi

Prezzo di vendita 15,00

Viaggio nella terra degli ultimi

di AA.VV.

Papa Francesco, con la sua visita a Isernia, ha solcato in maniera indelebile la storia della nostra città. Un ricordo emozionante, intenso, l’eco del quale non si è spento nei cuori e nelle menti di quanti hanno avuto il privilegio di poterlo vedere da vicino e di ascoltare il suo messaggio d’amore, speranza, fratellanza, solidarietà per i più deboli. Questo libro vuol essere un omaggio a Sua Santità e un dono per quanti, quel giorno, non hanno potuto viverlo lasciandosi trasportare dal fervido affetto di cui è stato portatore Papa Francesco. (Luigi Brasiello, Sindaco di Isernia)

 
Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di Antonio Blasotta

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Per sempre Zaccheria

Prezzo di vendita 15,00

Per sempre Zaccheria

di Pino Autunno

Curioso che uno stadio di calcio ricordi un pioniere del basket locale. Accade a Foggia con Pino Zaccheria, morto al fronte in Albania il 4 aprile del ’41 durante il secondo conflitto bellico, ed alla cui memoria è stato intitolato l’impianto di viale Ofanto nel 1946. In molti lo hanno ribattezzato Zac, forse per un vezzo, forse per rimarcare che nel glorioso ground di via Ascoli inaugurato il 22 novembre del ’25 ed ormai prossimo ai 90 anni si sono disputate epiche battaglie. E che spesso gli avversari ci hanno rimesso le penne. Trafitti dalle acuminate lame degli irriducibili nero-rossi di Capitanata. Zac!

 
I miti dei mitici alunni della I D

Prezzo di vendita 15,00

I miti dei mitici alunni della I D

di AA.VV.

«So che ogni interpretazione impoverisce il mito e lo soffoca: coi miti non bisogna aver fretta; è meglio lasciarli depositare nella memoria, fermarsi a meditare su ogni dettaglio, ragionarci sopra senza uscire dal loro linguaggio d’immagini. La lezione che possiamo trarre da un mito sta nella letteralità del racconto, non in ciò che vi aggiungiamo noi dal di fuori».

Italo Calvino

 
Quattro amici al bar

Prezzo di vendita 12,00

Quattro amici al bar

di Domenico Farina

20 anni di vita politica a Cerignola e in Capitanata, senza trascurare una dimensione più ampia: quella regionale e quella nazionale vissute con i protagonisti di allora.

 
Ti ho amata per sempre

Prezzo di vendita 15,00

Ti ho amata per sempre

di Michele Sisbarra

Dopo le raccolte di poesie, l’autore decide di cimentarsi con un lungo racconto su un tema mai così attuale come quello dell’amore tra un uomo e un donna vittima della violenza che tante donne spesso subiscono e la difficoltà ad emanciparsi dall’aguzzino. L’incontro, in una di “quelle parti del Sud che ti colorano l’anima rendendola gaudente tra le mille difficoltà di vite aspre” dell’amore adolescenziale al quale lei si aggrappa per fuggire dalla prigione.

 
Premio Lupo 2015

Prezzo di vendita 20,00

Premio Lupo 2015

di AA. VV.

Il concorso letterario “Premio Lupo” nasce nel 2006 su iniziativa dell’Amministrazione comunale di Roseto Valfortore (FG), quando, al fine di generare novelle da utilizzarsi per la realizzazione di cortometraggi, si ritenne di promuovere un concorso letterario. Perché “Premio Lupo”? Si è voluto intestare il concorso al lupo, abitante supremo, austero e intelligente di questo territorio, in ragione di una comunanza rappresentativa delle diverse realtà presenti sui Monti Dauni (30 comuni).

 
Maria, la canzone triste

Prezzo di vendita 10,00

Maria, la canzone triste

di Sofia Pia Annarelli

 «Maria, la canzone triste sviluppa, senza lamentosi pietismi, la vicenda di Maria, orfana di una giovane coppia morta durante la strage di Capaci, rimasta segnata nel fisico e nell’animo, e della sua crescita verso una sofferta consapevolezza di sé. Quello che sorprende è il modo con cui Sofia Pia Annarelli modula lo stile con l’alternare vari piani narrativi e registri stilistici e con un’attenta contestualizzazione della storia» (Mariolina Cicerale).

 
Passando di là, gettate un fiore

Prezzo di vendita 15,00

Passando di là, gettate un fiore

di G. Cipriani - A. Tedeschi - V. Vescera

In occasione del I°‭ ‬Centenario della Prima Guerra Mondiale si è voluto recuperare un episodio bellico che ne ha segnato l’incipit‭, ‬all’alba del 24‭ ‬maggio 1915‭: ‬l’affondamento‭, ‬al largo di Vieste‭, ‬del cacciatorpediniere‭ ‬‘Turbine’‭ ‬da parte dell’incrociatore austriaco Helgoland‭. 

 
Integrazione Sicurezza Alimentare e Nutrizionale

Prezzo di vendita 10,00

Integrazione Sicurezza Alimentare e Nutrizionale

di Aa.Vv.

Il libro racchiude gli abstract forniti dai medici partecipanti al convegno omonimo, in programma il 19 e 20 marzo 2015 presso l'Aula Magna "Valeria Spada" dell'Università Degli Studi di Foggia.

 
Donne del Mediterraneo

Prezzo di vendita 35,00

Donne del Mediterraneo

di AA.VV.


Il mare nostrum è bacino di miti, che viaggiano nel tempo e nello spazio. Veleggiando sulle ali del mito, celebri eroine toccano approdi lontani, attraversando terree culture del Mediterraneo.

 
Premio Lupo, Rassegna di pittura

Prezzo di vendita 15,00

Premio Lupo, Rassegna di pittura

di AA.VV.

«La pittura è un viaggio circolare, nel labirinto dell’anima, dell’ispirazione, dell’espressione che ci regala libertà di stimoli e sensazioni, ci proietta nella dimensione poetica avvincente, che ci avvince ogni giorno», scrive Lina Franza nella presentazione di questo catalogo che raccoglie le opere artistiche per la prima volta in consorso al "Premio Lupo", giunto alla sua settima edizione.

 
Foggiani

Prezzo di vendita 15,00

Foggiani

di Gioacchino Rosa Rosa

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 
Premio Lupo 2014

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo, settima edizione

di AA.VV.

«Alla giuria del premio letterario quest’anno sono arrivati 75 racconti e 36 dipinti per raffigurare “paesaggi, monumenti, luoghi, persone dell’Appennino Dauno”. Nel passato il Premio Lupo ha registrato la partecipazione di oltre 700 scrittori di tutta Italia: mille racconti e 6 milioni di parole per raccontare i Monti Dauni e per parlare di lui, il nostro lupo pre-appenninico, descrivere un singolare paesaggio umano in un territorio ricco di cultura e di antichissima storia» (Giuseppe Trincucci, presidente della Commissione del Concorso Letterario)

 

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di AA.VV.

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
In punta di piedi

Prezzo di vendita 15,00

In punta di piedi

di G. Cipriani - G.M. Masselli - R. Verdone

Un itinerario che va dall’Antichità agli Anni ’50-’70 del Secolo scorso sul modello di gestione della fase delicata del parto.

 
Da quel momento in poi...

Prezzo di vendita 15,00

Da quel momento in poi...

di Rita Colucci - Filippo Fedele

«Per Filippo e Rita il passato, ricostruito e metabolizzato, è il punto di partenza per una nuova fase. Chi, come me, c’era confronta il proprio percorso con il loro, prova a capire cosa si è perso o guadagnato, cosa è stato importante o secondario, cosa è rimasto uguale o è cambiato. I più giovani, nati negli anni dell’innovazione tecnologica, rimarranno sorpresi per le numerose domande che questo scritto genererà soprattutto in loro, che prima non c’erano. A tutti voi che vi apprestate a gustare queste pagine lievi, un avvertimento: sentirete forte la voglia di cercare al più presto qualche risposta. Non datevene troppe: le troverete semplicemente vivendo».

 
Verba puerpera

Prezzo di vendita 20,00

Verba puerpera

di Giovanni Cipriani

 


L’inventario delle situazioni che controllano il momento del parto in Roma antica si sostanzia in uno stupefacente deposito di superstizioni e di ricette, in cui la magia spadroneggia con i suoi principi di carattere analogico e simpatetico e di cui il folklore locale conserva vivida traccia; non mancano altresì le specifiche ‘parole del parto’, connotate - ieri come oggi - da un sofferto intreccio di paura e di fede, com’è naturale nei delicati ‘riti di passaggio’.

 
VelEni

Prezzo di vendita 13,00

VelEni

di Fabio Amendolara

Poteri forti, fortissimi, che muovono soldi, faccendieri e barbe finte, che decidono le sorti energetiche ed economiche del Paese, e che hanno potere di vita e di morte. Un intrigo tutto italiano che ha sullo sfondo l’ombra della mafia siciliana. Personaggi di primo piano della Prima Repubblica, rimasti più o meno nascosti, muovono le pedine su uno scacchiere alla cui base ci sono potere e petrolio; figure importanti, poi annoverate tra i martiri dello Stato, mostrano un’altra faccia e intellettuali considerati tutti d’un pezzo si lasciano condizionare da un padrone o dal denaro. Un testimone importante viene ignorato, con molta probabilità conosceva una parte della storia che è rimasta segreta e che forse lo rimarrà per sempre.

 
Grafologia e Letteratura

Prezzo di vendita 15,00

Grafologia e Letteratura

di Mario D'Ascanio

Da Parini all'Alfieri, da Leopardi a Carducci, a Pascoli, D'Annunzio, Gozzano, Ungaretti, Novaro: ecco cosa ci "mostrano", attraverso la Grafologia, alcuni grandi autori della Letteratura

 
Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

Prezzo di vendita 25,00

Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

di Marisa Squillante

Nel volume rifluiscono sette studi che indagano testi legati da un comune filo conduttore, costituito dalla riflessione sul massiccio riuso del classico operato, in modalità differenti, dai secoli della tarda antichità e dell’alto Medioevo.

 
I racconti del cortile

Prezzo di vendita 15,00

I racconti del cortile

di Alberto Mangano

 Quanto tempo abbiamo trascorso sotto casa, chi in un cortile, chi in mezzo alla strada! Quante giornate ci son sembrate noiose perché esattamente l’una uguale all’altra! Eppure proprio quelle giornate sono risultate fondamentali per la nostra crescita, quella che ci ha permesso di arrivare ad essere come quegli adulti che allora osservavamo con distacco e ammirazione al tempo stesso.

 
Il Maestro Rotelli

Prezzo di vendita 15,00

Il Maestro Rotelli

di a cura di Rosa Labriola

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 
Mare Omnium

Prezzo di vendita 35,00

Mare Omnium

di AA.VV.

Il mare è di tutti. Personaggi, racconti e vite vere lo attraversano, nutrendosi di cultura o pagando lo scotto delle ingiustizie della storia. Lì è la nostra origine, lì il nostro approdo: «il tutto o il niente, come un grande mare, circonda l’isola di naufraghi che è la vita» (Fernando Pessoa).

 
Il Foggia del '76

Prezzo di vendita 15,00

Il Foggia del '76

di Giuseppe Baldassarre - Domenico Carella

«Di quel campionato vinto dal Foggia di Balestri ricordo due promettenti giovani della primavera: Corrado Tamalio, lanciato in casa contro la Reggiana, che fece esplodere lo Zaccheria con un gol superbo all’esordio, e Moreno Grilli, che firmò a La Favorita il gol che valse l’1-1 contro il Palermo. Due ragazzi, Tamalio e Grilli, che Roberto Balestri aveva allevato con la mollichella al Florio, centro di allenamento della formazione Primavera. Entrambi hanno fatto una buona carriera e io li ricordo con molto affetto».

 

 
Sono solo uno che fa click

Prezzo di vendita 35,00

Sono solo uno che fa click

di Michele Sepalone

Un fotoracconto di Foggia, dei suoi cittadini e dei momenti salienti che la città ha vissuto negli ultimi anni. Dai paesaggi di rara bellezza, all'impegno civico, al mondo della cultura e del teatro, Sepalone racconta attraverso i suoi scatti cos'è Foggia attraverso le sue infinite sfaccettature

 
Vernacolo in musica 2

Prezzo di vendita 25,00

Vernacolo in musica 2

di Alfredo Amatruda - Sereno Labbozzetta

Questo secondo volume di raccolta di canzoni in dialetto foggiano completa il primo "Vernacolo in Musica" e ha ancora una volta il merito di mettere in mostra pregevoli testi dei poeti dialettali Marisa Amatruda, Osvaldo Anzivino, Alfredo Ciannameo, Giuseppe Esposto, Raffaele Lepore, Urbano Marano, Guido Mucelli, Raffaele Pagliara, Ottavio De Stefano, Amelia Rabbaglietti, Raffaele Ventura, nonché - oltre ovviamente a Sereno Labbozzetta e Alfredo Amatruda - i compositori Ferdinando e Rico Garofalo e la stessa Mariateresa Labbozzetta. Un vero patrimonio culturale che abbraccia ormai un secolo e che va aggiornato e rivalutato.