Domenica 04 Dicembre 2016

Almanacco dauno

Oggi, 21 Maggio 1806, Bonaparte sopprime la storica Regia Dogana delle Pecore a Foggia

Oggi, 21 Maggio 1806, Bonaparte sopprime la storica Regia Dogana delle Pecore a Foggia

Palazzo Dogana

Oggi, 21 Maggio del 1806, con una legge promulgata da Giuseppe Bonaparte viene soppressa la Regia Dogana della Mena delle Pecore di Foggia*

(dall'Agenda 2014 della Fondazione Banca del Monte di Foggia. Progetto editoriale: Filippo Santigliano. Ricerca e testi: Davide Grittani. Editing e curatela: Saverio Russo, Filippo Santigliano)

 

APPROFONDIMENTO*

LA STORIA DELLA DOGANA DELLE PECORE (da manganofoggia.it)

La Dogana ebbe sede inizialmente a Lucera e poi a Serracapriola (sede destinata però solo alla conta delle pecore ) ; nel 1468 si trasferì a Foggia, in un edificio che si affacciava sulla "strada maestra di Pozzo Rotondo" (Piazza Federico II), nello stesso sito probabilmente occupato nell'epoca sveva e angioina dal Palazzo dei Cambi. L'edificio aveva muri di spessore considerevole, a doppia fodera in tufo al piano superiore e nei cantinati, mentre le volte, che nel piano terra erano anch'esse in tufo, erano coperte da solai in legno al primo piano ; il secondo piano era coperto dal tetto. Al piano terra trovavano posto le scuderie e la rimessa della carrozza del Governatore, il Corpo di Guardia e le carceri (carcere criminale, nuovo carcere dei locati, carcere della corsea , carcere delle donne, carcere di S. Francesco e carcere di Sant'Antonio). Un cortile, tramite diciassette scalini portava al "passetto bislunco" del primo piano, attraverso cui si accedeva direttamente alla Sala delle Udienze del Governatore, a destra, e al grande Salone dei locati o del teatro, a sinistra.
Il primo piano ospitava, oltre all'alloggio del Governatore e ai servizi di cucina e dispensa, la segretaria e il libromaggiore, la percettoria, il Tribunale, con cui comunicavano la stanza della Ruota (sorta di camera di consiglio), la stanza della Corda (dove gli inquisiti venivano "energicamente" interrogati) e la cappella.
Al secondo piano erano sistemati, in due camere, gli archivi della Dogana, mentre i vari locali sottotetto venivano adibiti a granai.

La distruzione del 1731

Il violento terremoto che dal 20 marzo al 7 maggio sconvolge Foggia non risparmia il Palazzo della Dogana, che viene gravemente danneggiato.
Lo stesso Presidente Governatore, marchese don Carlo Ruoti, è costretto a trovare un alloggio di fortuna in una baracca sistemata nei pressi della Chiesa di Gesù e Maria, mentre l'Uditore del tempo trova la morte tra le macerie. Sono incaricati di verificare la statica del vecchio Palazzo e di suggerire i rimedi per il suo ripristino i regi ingegneri Giuseppe Stendardo e Nicolò Tagliacizzi-Canale i quali, con due diverse relazioni, propongono notevoli varianti e modifiche allo stabile, con una spesa così notevole che suggerisce, piuttosto la completa ricostruzione del palazzo. Di fronte a cifre considerevoli la Corte di Napoli esita a lungo, tanto che alla fine, si invia un certo ingegnere, Giustino Lombardi, il quale non può fare altro che associarsi al parere dei due colleghi che lo hanno preceduto. Si decide, comunque, per la ricostruzione dello stabile, ma proprio quando già fervono i lavori, il 23 Aprile 1733, il Presidente Governatore marchese Ruoti acquista da Mons. Giovanni Pietro Faccolli, vescovo di Troia, il seminario, sito in località Madonnella, appena fuori da porta Reale.

Il nuovo Palazzo della Dogana

Monsignor Cavalieri, santo vescovo di Troia, zio di Sant'Alfonso Maria de' Liguori, ha avuto in dono dall'Universitas quel sito, per l'edificazione di un "Collegio oppure casa di residenza" dei Padri della Compagnia di Gesù. Purtroppo egli muore quando la nuova opera è appena iniziata. Non sono stati tirati su che i locali terranei, affittati subito come magazzini o botteghe - com'è consuetudine per ricavare una fonte di reddito - e una chiesa con atrio, salone e tenaglia e pochi altri ambienti. Al primo piano sono ubicate una grande libreria (donata da mons. Cavalieri assieme a quattro quadri del Solimena ed altri oggetti di valore) e le stanzette dei seminaristi. Il corpo principale di fabbrica si affaccia sull'attuale Via Schiraldi.
La struttura muraria è a doppia fodera, in tufo all'interno, in mattoni all'esterno ; struttura che non verrà modificata con la costruzione del nuovo Palazzo della Dogana. L'urgenza di trovare altra sede alla Dogana spinge il regio ingegnere Giustino Lombardi, presente a Foggia per il ripristino del vecchio edificio nel sito di Pozzo Rotondo, ad accelerare i lavori sull'ex Seminario : in un primo tempo si ricavano gli ambienti per le carceri e l'archivio (febbraio 1734) e, nell'estate del 1735, si completano i lavori del primo piano : Nel suo primo nucleo il palazzo ospita al piano terra le carceri, la cappella e il corpo di guardia, serviti da un portone e, al primo piano, l'archivio, il tribunale con annessa cappella, la segretaria, la percettoria, il libromaggiore, la stanza della corda e il Salone dei locati, tutti accessibili da un secondo portone. La facciata appare semplice nella parte inferiore, graziosamente mossa nella parte superiore dai fregi dei balconi, di impronta tipicamente barocca. Ma il nuovo Palazzo non è ancora finito che già se ne scopre la limitatezza degli ambienti : nel 1740 il Tribunale è costretto a trasferirsi nel Palazzo Belvedere (nella foto), nei pressi della Chiesa di S. Tommaso ; nel 1743 si dà inizio ai nuovi lavori, eseguiti dal mastro muratore Francesco Delfino e successivamente da mastro Leonardo Romito, sempre su progetto del Lombardi.

Tra ampliamenti e rimaneggiamenti

Col 1749 iniziano i grandi lavori di ampliamento che, pur rifacendosi all'originario progetto del Lombardi, metodicamente se ne discostano, con una serie di aggiunte, ripensamenti, ridistribuzioni degli spazi, demolizioni, ricostruzioni dettate dalle volubili esigenze del momento e di chi a turno le esprimeva. E' anche per questo motivo che il 26 febbraio del 1775 il Re, da Torre Guevara, annuncia al presidente Governatore l'invio del Regio ingegnere don Luigi Vanvitelli, col compito formale di esaminare l'eventualità di una nuova progettazione. Per la verità, il Vanvitelli si limita a fornire indicazioni e suggerimenti, ma oltre non va, anche se poi saranno in molti ad attribuire proprio ad un presunto progetto del Vanvitelli lo scenografico scalone d'onore dell'edificio. Nel 1762 il regio ingegnere Felice Bottiglieri procede ad una stima delle opere realizzate in tredici anni di lavoro, che hanno portato l'edificio alla sua volumetria pressoché definitiva. Il palazzo si sviluppa su tre corpi di fabbrica continui, è il quarto interrotto da un giardinetto. Della primitiva facciata sullo stradone del Salvatore (ora Corso Garibaldi), Palazzo Dogana si è andato sviluppando con un nuovo prospetto principale su Largo Palazzo (l'attuale Piazza XX Settembre) ; la terza facciata insiste su Vicolo del Sale (vico Palazzo), mentre il quarto corpo, il più consistente nell'originario Seminario, dà su Via Schiraldi. Nel piano interrato hanno trovato posto la "pagliera" del Presidente Governatore mentre alcune "grotte" sono desinate alle esigenze dell'Avvocato fiscale e dell'Uditore.
Al piano terra, nella nuova facciata principale su largo Palazzo, improntata già nel Neoclassico si apre il portone principale in castagno e, alla destra, l'ingresso privato del Presidente. Tutt'intorno al cortile maggiore, da cui si accede dal portone principale attraverso un atrio coperto, e nel cui centro è un pozzo, corrono stalle, magazzini, pagliere, depositi, vari bassi o fondaci. Sullo stradone del Salvatore, il vecchio portone principale costituisce l'accesso privato dell'Avvocato fiscale, mentre da un altro attiguo portone si raggiunge, oltre un atrio coperto, il corpo di guardia e, attraverso esso, le carceri (criminale, civile, delle donne) e la cappella. Il piano nobile è per la gran parte occupato, sulla facciata principale e nei due versanti laterali fino alla fine del cortile maggiore, dagli appartamenti del Presidente e dalla sua Sala delle udienze particolari. Dal cortile maggiore, salito lo scalone d'onore, oltre che alla sala del Presidente si ha accesso al Salone del Tribunale (impreziosita nel 1769 da uno splendido altare in marmo bianco, con riquadrature in verde antico e cornicette in marmo giallo di Verona), all'Archivio, alle stanze della Ruota e della Corda. Sempre al Salone del Tribunale, attraverso la Banca delle Passate e un corridoio, si giunge agli uffici della percettoria, del libromaggiore, della segretaria e della Banca delle Terre Salde e dei Cambi. Al secondo piano, sul versante di via del Sale, sono disposti gli undici ambienti dell'Uditore, mentre nella parte opposta, sullo stradone del Salvatore, sono le dodici stanze dell'Avvocato fiscale, collegate da una scala segreta attigua alla cappella del piano nobile. Il Presidente ha un altro piccolo appartamento, che occupa parte della loggia soprelevata sull'atrio coperto dello scalone d'onore per giungere fino al piccolo cortile con giardino, sulla sottostante stanza della Banca delle Passate. Il palazzo conserva questo assetto fino al 1776 quando, diventa impellente la necessità di dare maggiore spazio all'Archivio, si decide di rifinire ed arredare tre stanze al secondo piano, collegate con una scala interna al primo piano. Due anni dopo, mentre le cinque arcate della loggia vengono chiuse con vetrate, si occupano gli ultimi quattro vani del secondo piano non ancora utilizzati : saranno destinati agli scrivani del regio patrimonio. E' del 1778 la decisione di Ferdinando IV di Borbone di ridurre in Collegio il Tribunale e di affiancare un secondo Uditore alle autorità doganali, nel tentativi di rimettere sotto controllo un situazione amministrativa e giudiziaria sempre più caotica.
Viene, perciò in tutta fretta, ricavato al secondo piano, sull'area dei sottostanti uffici amministrativi - e, sottraendo qualche stanza al primo Uditore - un altro appartamento, anch'esso servito da una scala indipendente.

Nozze Reali

Diciotto anni dopo (1796) Palazzo Dogana viene di nuovo invaso da muratori, stuccatori, decoratori, fabbri e falegnami : il matrimonio tra il principe ereditario Francesco di Borbone e la principessa Clementina d'Austria. Il palazzo viene ridipinto a nuovo all'interno e all'esterno, si chiudono porte ed altre se ne aprono, molti soffitti vengono rifatti, si spostano le cucine e si creano una bottigliera e una biscotteria con forno esterno. Stucchi, decorazioni, dipinti nobilitano e completano gli ambienti. Al primo piano sono allestiti gli appartamenti reali, quello dello sposo e quello della sposa. Alle dame di compagnia ed alle cameriere viene riservato il secondo piano, mentre le carceri maschili, al piano terra, sono sgomberate e accuratamente disinfestate per ospitare i granatieri reali. Le nozze si svolgono il 28 giugno del 1797 e per qualche giorno Foggia diventa capitale del Regno. Il Salone del Tribunale, dopo la cerimonia religiosa in Cattedrale, è il centro di grandi festeggiamenti, allietati anche dall'esecuzione del melodramma gioioso "Daunia Felice", composto per l'occasione da Giovanni Paisiello. Tanto calda e generosa è l'accoglienza di Foggia e delle sue più ricche famiglie (che hanno contribuito generosamente al prestito pubblico lanciato per finanziare i preparativi) che il Re eleva al rango di marchesi i casati di Freda, dei Celentano, dei Filiasi e dei Saggese. Non gioiscono più di tanto le autorità della Dogana : il Re si riserva il piano nobile, il Governatore deve trasferirsi nell'appartamento dell'Avvocato fiscale, il Fiscale deve trasferirsi nell'appartamento del Primo Uditore, mentre entrambi gli Uditori devono prendere casa in affitto. Soltanto nel 1799, dopo una breve apparizione dei Francesi che, venuti a saldare i moti delle Repubblica partenopea, occupano il primo piano del palazzo, le autorità doganali possono riprendere possesso dei loro appartamenti.

La fine dell'Istituzione della Dogana

Alla fine del XVIII secolo la Dogana vive stancamente e disordinatamente gli ultimi anni della sua vita. Gli abusi crescenti, l'avvento del brigantaggio, l'instabilità del Governo centrale, hanno ridotto il Tavoliere a terra di frontiera. Nel tentativo di porre un freno alla decadenza dell'istituzione, Ferdinando di Borbone, nel 1804, dà avvio ad un progetto di riforma attraverso la censuazione e, nell'anno successivo, concede l'affrancazione dei canoni al quattro per cento sulle terre demaniali poste a coltura. Ma siamo ormai all'epilogo della storia della Dogana : nel 1806 ritornano i Francesi e Giuseppe Bonaparte, il 21 maggio, sopprime la Dogana e il 1 settembre decreta la divisione di tutte le terre demaniali, baronali, ecclesiastiche e comunali e la concessione in affitto - dietro corresponsione di un canone annuo - agli attuali beneficiari, cioè ai locati. Nel 1808 Gioacchino Murat destina l'ufficio della Dogana a sede del Tribunale criminale ; ma, per contrasti tra il Mastrogiurato e l'Intendente del tempo, si decide, voltasi la disputa a favore dell'Intendente, di trasferire il Tribunale a Lucera.
Mentre il contenzioso presente presso il Tribunale della Dogana passa alla competenza dei Giudici ordinari, si istituisce la Giunta del Tavoliere, col compito di provvedere alla censuazione delle terre. Il controllo delle procedura di divisione delle terre è affiato ai consigli di intendenza ; i comuni, poi, provvedono ad assegnare le quote ai singoli. Gli eccessivi oneri posti a carico dei censuari, tuttavia, limitano la portata e gli effetti dei provvedimenti adottati e, al tempo stesso, confinano in una condizione di ancora maggiore di miseria le plebi rurali ed i terrazzani in particolare. Dopo la parentesi murattiana, Ferdinando I di Borbone riduce a quattro le locazioni e, con vari provvedimenti, aumenta la pressione fiscale sui censuari, col risultato di ricomprimere lo sviluppo agricolo e di far ricadere l'intera economia del territorio in una situazione gravissima. Palazzo Dogana assume il nome di Palazzo del Tavoliere e poi di Palazzo dell'Indipendenza ; le ristrutturazioni e le varianti distributive continuano e si moltiplicano, volgendo ora a favore dell'Amministrazione del Tavoliere, ora a favore dell'Intendenza.
L'enorme patrimonio di archivio della Dogana viene disperso e trascurato e una tardiva sistemazione non può non evidenziare quali ingenti danni abbia subito.

Dall'unità ai giorni nostri

Con l'unità d'Italia, tra il 1862 ed il 1864, il Palazzo viene "sottoposto" ad ulteriori modifiche, con l'aggiunta di un porticato e di un loggiato che vanno a ridurre il cortile minore con giardinetto. Il 26 febbraio del 1865 il giovane Parlamento nazionale sancisce la soppressione dell'Amministrazione del Tavoliere, fiscalmente avida e di nessuna utilità per l'economia del territorio. Nel 1876 l'Amministrazione provinciale di Capitanata acquista dal Demanio il piano terra e il primo piano di Palazzo Dogana. Al momento della stipula dell'atto di vendita, il palazzo ospita a piano terra le Regie Poste, la Pubblica Sicurezza, la Tesoriera Provinciale, i magazzini del sale e dei tabacchi, l'archivio e l'ufficio tecnico dell'Amministrazione Provinciale, la sala del Consiglio Provinciale e il Gabinetto e l'alloggio del Prefetto, qui insediatosi dopo l'Unità ; al secondo piano l'intendenza di Finanza, gli uffici della Prefettura e gli uffici della Ricevitoria del Tavoliere, ultimo retaggio della passata amministrazione. Agli inizi del secolo, nell'ambito di alcuni lavori di restauro, viene rivestito in marmo in basamento dello scalone d'onore, abbellito pure dalla pregevole balaustra modanata a colonnine tornite (originariamente vi era una modesta ringhiera in ferro battuto). Nel 1923, per sopperire al bisogno di nuovi ambienti sia da parte dell'Intendenza che dell'Amministrazione Provinciale, si pensa addirittura di soprelevare il palazzo, ma un esame dello stato delle strutture suggerisce, piuttosto, di por mano ad opere di consolidamento. Nel1934 la Prefettura e la Questura si trasferiscono nel nuovo edificio su corso Garibaldi, mentre nel Palazzo degli Uffici Statali, in piazza Lanza : nuovi edifici della grande Foggia del piano Albertini, che in un primo momento porta ad ipotizzare l'inaudito progetto di demolire lo stesso Palazzo Dogana... I locali lasciati liberi al piano terra vengono occupati dalla Biblioteca Provinciale (istituita proprio in quegli anni), dall'Opera Nazionale Maternità ed Infanzia e dell' Archivio di Stato. Al primo piano, con l'Amministrazione Provinciale, hanno trovato posto gli uffici della federazione provinciale dei Fasci di Combattimento. Il Salone del Tribunale e la stanza della Ruota sono stati adibiti a deposito della Biblioteca. I bombardamenti aerei del 1943 distruggono proprio quei locali, arrecando, dunque, un doppio danno alla memoria storica della Capitanata.
Con l'arrivo degli anglo-americani, Palazzo Dogana viene destinato ad ospitare, al primo piano, il Tribunale alleato ed i relativi uffici. Al secondo piano ritornato la Prefettura e la Questura e vari istituti scolastici di istruzione superiore. Ad essi si aggiunge la scuola media "De Sanctis". Nel 1948 si riparano i danni dei bombardamenti e si ricostituisce, in banale forma razionalistica, il Salone del Tribunale. In questa occasione viene anche realizzato il terzo porticato a fronte dell'ingresso principale. Nel 1952 si trasferiscono gli istituti scolastici superiori, mentre la scuola media abbandona il palazzo nel 1963.
Nel 1967, infine, libera le stanze del secondo piano anche la Squadra Mobile della Questura. Tra il 1968 ed il 1972 si procede ai limitati lavori di consolidamento delle fondazioni lungo piazza XX Settembre e vico Palazzo, mentre gli interni vengono sottoposti a restauri e ad ennesime varianti distributive.
Negli anni successivi lasciano il palazzo anche la Biblioteca Provinciale e parte nell'Archivio di Stato. L'antico palazzo, dopo aver accolto tra le sue mura, in un vorticoso mutar di scena, baroni e pastori, re e ladroni, burocrati e scolari, oggi appare come un grande teatro della storia e della memoria collettiva.
Usato da sempre come un edificio in continuo divenire, quasi come un vestito da adattare a tutte le taglie, oggi non conserva, al suo interno che pochi ambienti che possono far intuire gli antichi splendori : il salone delle udienze del governatore, l'ambiente meglio conservato e recentemente restaurato, ora sala del Consiglio Provinciale ; la stanza della Ruota, ora sala della Giunta Provinciale ; le stanze dell'antico Archivio, ora occupate dal Presidente della Giunta Provinciale ; le stanze dell'antico Archivio, ora occupate dal Presidente della Giunta Provinciale ; il salone del Tribunale, deturpato - come si è detto - dalla guerra e da una maldestra ricostruzione. Dopo tante vicissitudini e cambi di destinazione, Palazzo della Dogana sembra avere acquisito una sua "fisionomia" definitiva ospitando l'Amministrazione Provinciale di Foggia o, per essere più precisi, la Provincia di Capitanata, secondo la nuova dizione prevista dallo statuto. Dire Palazzo Dogana (come avviene per i più illustri Palazzo Chigi, Palazzo Madama, Palazzo Montecitorio) significa ormai identificare immediatamente l'istituzione che vi è ospitata.

fonte: "Palazzo Dogana", promosso dalla Prov. di FG e curato dal Cenacolo Culturale " Ferrini" e stampato, nel 1997-1998, dal Centrografico Francescano di Foggia.

Il Castello Edizioni

Viaggio nella terra degli ultimi

Prezzo di vendita 15,00

Viaggio nella terra degli ultimi

di AA.VV.

Papa Francesco, con la sua visita a Isernia, ha solcato in maniera indelebile la storia della nostra città. Un ricordo emozionante, intenso, l’eco del quale non si è spento nei cuori e nelle menti di quanti hanno avuto il privilegio di poterlo vedere da vicino e di ascoltare il suo messaggio d’amore, speranza, fratellanza, solidarietà per i più deboli. Questo libro vuol essere un omaggio a Sua Santità e un dono per quanti, quel giorno, non hanno potuto viverlo lasciandosi trasportare dal fervido affetto di cui è stato portatore Papa Francesco. (Luigi Brasiello, Sindaco di Isernia)

 
Verba puerpera

Prezzo di vendita 20,00

Verba puerpera

di Giovanni Cipriani

 


L’inventario delle situazioni che controllano il momento del parto in Roma antica si sostanzia in uno stupefacente deposito di superstizioni e di ricette, in cui la magia spadroneggia con i suoi principi di carattere analogico e simpatetico e di cui il folklore locale conserva vivida traccia; non mancano altresì le specifiche ‘parole del parto’, connotate - ieri come oggi - da un sofferto intreccio di paura e di fede, com’è naturale nei delicati ‘riti di passaggio’.

 
Foggiani

Prezzo di vendita 15,00

Foggiani

di Gioacchino Rosa Rosa

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 
La riconquista di Roma

Prezzo di vendita 20,00

La riconquista di Roma

di Francesco Bochicchio

Ecco come la nostra nazione e la sua storia possono essere paragonate alla vita di un qualunque adolescente che affronta il suo processo di crescita, ossia la ricerca di se stesso per affermarsi ed emanciparsi.

 
Premio Lupo 2015

Prezzo di vendita 20,00

Premio Lupo 2015

di AA. VV.

Il concorso letterario “Premio Lupo” nasce nel 2006 su iniziativa dell’Amministrazione comunale di Roseto Valfortore (FG), quando, al fine di generare novelle da utilizzarsi per la realizzazione di cortometraggi, si ritenne di promuovere un concorso letterario. Perché “Premio Lupo”? Si è voluto intestare il concorso al lupo, abitante supremo, austero e intelligente di questo territorio, in ragione di una comunanza rappresentativa delle diverse realtà presenti sui Monti Dauni (30 comuni).

 

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di AA.VV.

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Risonanze

Prezzo di vendita 35,00

Risonanze

di AA.VV.

"Risonanze" è finalizzato allo studio delle forme di presenza dei miti classici nelle letterature di età successive, come anche nelle arti figurative e nella musica.

 
RaccontiAMO

Prezzo di vendita 10,00

RaccontiAMO

di P. Grillo, V.M.V. Francillotti, F. Del Vecchio

Viviamo in mezzo alle storie e bisogna raccontarle bene, con rispetto. E’ un compito civile, come quello del panettiere qua sotto. Io ho bisogno di lui e lui di me. Gli uomini hanno bisogno di storie. non soltanto per trasmettere sapere. Ogni storia è la custodia della speranza che questa vita non sia l’unica, che se uno volesse potrebbe avere un’esistenza differente. 

 
Per sempre Zaccheria

Prezzo di vendita 15,00

Per sempre Zaccheria

di Pino Autunno

Curioso che uno stadio di calcio ricordi un pioniere del basket locale. Accade a Foggia con Pino Zaccheria, morto al fronte in Albania il 4 aprile del ’41 durante il secondo conflitto bellico, ed alla cui memoria è stato intitolato l’impianto di viale Ofanto nel 1946. In molti lo hanno ribattezzato Zac, forse per un vezzo, forse per rimarcare che nel glorioso ground di via Ascoli inaugurato il 22 novembre del ’25 ed ormai prossimo ai 90 anni si sono disputate epiche battaglie. E che spesso gli avversari ci hanno rimesso le penne. Trafitti dalle acuminate lame degli irriducibili nero-rossi di Capitanata. Zac!

 
I miti dei mitici alunni della I D

Prezzo di vendita 15,00

I miti dei mitici alunni della I D

di AA.VV.

«So che ogni interpretazione impoverisce il mito e lo soffoca: coi miti non bisogna aver fretta; è meglio lasciarli depositare nella memoria, fermarsi a meditare su ogni dettaglio, ragionarci sopra senza uscire dal loro linguaggio d’immagini. La lezione che possiamo trarre da un mito sta nella letteralità del racconto, non in ciò che vi aggiungiamo noi dal di fuori».

Italo Calvino

 
Integrazione Sicurezza Alimentare e Nutrizionale

Prezzo di vendita 10,00

Integrazione Sicurezza Alimentare e Nutrizionale

di Aa.Vv.

Il libro racchiude gli abstract forniti dai medici partecipanti al convegno omonimo, in programma il 19 e 20 marzo 2015 presso l'Aula Magna "Valeria Spada" dell'Università Degli Studi di Foggia.

 
Premio Lupo, Rassegna di pittura

Prezzo di vendita 15,00

Premio Lupo, Rassegna di pittura

di AA.VV.

«La pittura è un viaggio circolare, nel labirinto dell’anima, dell’ispirazione, dell’espressione che ci regala libertà di stimoli e sensazioni, ci proietta nella dimensione poetica avvincente, che ci avvince ogni giorno», scrive Lina Franza nella presentazione di questo catalogo che raccoglie le opere artistiche per la prima volta in consorso al "Premio Lupo", giunto alla sua settima edizione.

 
TraPassato&Presente

Prezzo di vendita 35,00

TraPassato&Presente

di AA.VV.

Le diverse forme intellettuali della cultura moderna sono debitrici verso la grande esperienza della civiltà antica. Eppure, il modello culturale a centralità umanistica viene ripetutamente esposto al rischio di essere emarginato dalla scuola, poi dall’università, e infine dalla coscienza comune della nazione.

 
Vaffankulo Bridget Jones

Prezzo di vendita 15,00

Vaffankulo Bridget Jones

di Alessandro Maselli del Giudice

Roman Jones, programmatore insoddisfatto che sogna di produrre t-shirt con i disegni da lui realizzati, il 9 agosto 2014 compirà quarant’anni. Non ha legami stabili né li ha mai cercati, ma la caccia all'autore di un sms anonimo lo condurrà a scoprire realmente chi sono le persone che lo circondano e quali sono i sentimenti che provano nei suoi confronti.

 
Sono solo uno che fa click

Prezzo di vendita 35,00

Sono solo uno che fa click

di Michele Sepalone

Un fotoracconto di Foggia, dei suoi cittadini e dei momenti salienti che la città ha vissuto negli ultimi anni. Dai paesaggi di rara bellezza, all'impegno civico, al mondo della cultura e del teatro, Sepalone racconta attraverso i suoi scatti cos'è Foggia attraverso le sue infinite sfaccettature

 
Premio Lupo 2014

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo, settima edizione

di AA.VV.

«Alla giuria del premio letterario quest’anno sono arrivati 75 racconti e 36 dipinti per raffigurare “paesaggi, monumenti, luoghi, persone dell’Appennino Dauno”. Nel passato il Premio Lupo ha registrato la partecipazione di oltre 700 scrittori di tutta Italia: mille racconti e 6 milioni di parole per raccontare i Monti Dauni e per parlare di lui, il nostro lupo pre-appenninico, descrivere un singolare paesaggio umano in un territorio ricco di cultura e di antichissima storia» (Giuseppe Trincucci, presidente della Commissione del Concorso Letterario)

 
In punta di piedi

Prezzo di vendita 15,00

In punta di piedi

di G. Cipriani - G.M. Masselli - R. Verdone

Un itinerario che va dall’Antichità agli Anni ’50-’70 del Secolo scorso sul modello di gestione della fase delicata del parto.

 
Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di Antonio Blasotta

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Da quel momento in poi...

Prezzo di vendita 15,00

Da quel momento in poi...

di Rita Colucci - Filippo Fedele

«Per Filippo e Rita il passato, ricostruito e metabolizzato, è il punto di partenza per una nuova fase. Chi, come me, c’era confronta il proprio percorso con il loro, prova a capire cosa si è perso o guadagnato, cosa è stato importante o secondario, cosa è rimasto uguale o è cambiato. I più giovani, nati negli anni dell’innovazione tecnologica, rimarranno sorpresi per le numerose domande che questo scritto genererà soprattutto in loro, che prima non c’erano. A tutti voi che vi apprestate a gustare queste pagine lievi, un avvertimento: sentirete forte la voglia di cercare al più presto qualche risposta. Non datevene troppe: le troverete semplicemente vivendo».

 
Il Maestro Rotelli

Prezzo di vendita 15,00

Il Maestro Rotelli

di a cura di Rosa Labriola

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 
Il figlio di NessuNo

Prezzo di vendita 20,00

Il figlio di NessuNo

di Gino, Paolo e Vittorio Frattulino

Mino Capocollo nel momento della morte del padre Amleto viene a conoscenza di un terribile segreto: coloro che credeva i suoi genitori in realtà sono dei perfetti estranei

 
Passando di là, gettate un fiore

Prezzo di vendita 15,00

Passando di là, gettate un fiore

di G. Cipriani - A. Tedeschi - V. Vescera

In occasione del I°‭ ‬Centenario della Prima Guerra Mondiale si è voluto recuperare un episodio bellico che ne ha segnato l’incipit‭, ‬all’alba del 24‭ ‬maggio 1915‭: ‬l’affondamento‭, ‬al largo di Vieste‭, ‬del cacciatorpediniere‭ ‬‘Turbine’‭ ‬da parte dell’incrociatore austriaco Helgoland‭. 

 
Ricordare...

Prezzo di vendita 12,00

Ricordare...

di Claudia Di Dio

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Maria, la canzone triste

Prezzo di vendita 10,00

Maria, la canzone triste

di Sofia Pia Annarelli

 «Maria, la canzone triste sviluppa, senza lamentosi pietismi, la vicenda di Maria, orfana di una giovane coppia morta durante la strage di Capaci, rimasta segnata nel fisico e nell’animo, e della sua crescita verso una sofferta consapevolezza di sé. Quello che sorprende è il modo con cui Sofia Pia Annarelli modula lo stile con l’alternare vari piani narrativi e registri stilistici e con un’attenta contestualizzazione della storia» (Mariolina Cicerale).

 
Grafologia e Letteratura

Prezzo di vendita 15,00

Grafologia e Letteratura

di Mario D'Ascanio

Da Parini all'Alfieri, da Leopardi a Carducci, a Pascoli, D'Annunzio, Gozzano, Ungaretti, Novaro: ecco cosa ci "mostrano", attraverso la Grafologia, alcuni grandi autori della Letteratura

 
Donne del Mediterraneo

Prezzo di vendita 35,00

Donne del Mediterraneo

di AA.VV.


Il mare nostrum è bacino di miti, che viaggiano nel tempo e nello spazio. Veleggiando sulle ali del mito, celebri eroine toccano approdi lontani, attraversando terree culture del Mediterraneo.

 
Storia della Letteratura Latina

Prezzo di vendita 80,00

Storia della Letteratura Latina

di Giovanni Cipriani

Una letteratura che non porti visibili i segni dell’evoluzione culturale di un popolo (in termini di ideologie, religioni, folclore, ambiente, architettura, arte e lingua) equivale - ci si perdoni il gioco di parole - a una letteratura ‘senza storia’. È indispensabile, dunque, ‘tornare indietro’ a sentire le voci di quegli uomini, senza penalizzanti distinzioni o esclusioni, e a percepire le loro ansie in termini di imitatio e aemulatio, prima di godere in piena consapevolezza della loro conseguita coscienza di impegnati esponenti culturali e prima di indagare le cause del loro successo fino a noi.

 
I racconti del cortile

Prezzo di vendita 15,00

I racconti del cortile

di Alberto Mangano

 Quanto tempo abbiamo trascorso sotto casa, chi in un cortile, chi in mezzo alla strada! Quante giornate ci son sembrate noiose perché esattamente l’una uguale all’altra! Eppure proprio quelle giornate sono risultate fondamentali per la nostra crescita, quella che ci ha permesso di arrivare ad essere come quegli adulti che allora osservavamo con distacco e ammirazione al tempo stesso.

 
Vernacolo in musica 2

Prezzo di vendita 25,00

Vernacolo in musica 2

di Alfredo Amatruda - Sereno Labbozzetta

Questo secondo volume di raccolta di canzoni in dialetto foggiano completa il primo "Vernacolo in Musica" e ha ancora una volta il merito di mettere in mostra pregevoli testi dei poeti dialettali Marisa Amatruda, Osvaldo Anzivino, Alfredo Ciannameo, Giuseppe Esposto, Raffaele Lepore, Urbano Marano, Guido Mucelli, Raffaele Pagliara, Ottavio De Stefano, Amelia Rabbaglietti, Raffaele Ventura, nonché - oltre ovviamente a Sereno Labbozzetta e Alfredo Amatruda - i compositori Ferdinando e Rico Garofalo e la stessa Mariateresa Labbozzetta. Un vero patrimonio culturale che abbraccia ormai un secolo e che va aggiornato e rivalutato.

 
Il Foggia del '76

Prezzo di vendita 15,00

Il Foggia del '76

di Giuseppe Baldassarre - Domenico Carella

«Di quel campionato vinto dal Foggia di Balestri ricordo due promettenti giovani della primavera: Corrado Tamalio, lanciato in casa contro la Reggiana, che fece esplodere lo Zaccheria con un gol superbo all’esordio, e Moreno Grilli, che firmò a La Favorita il gol che valse l’1-1 contro il Palermo. Due ragazzi, Tamalio e Grilli, che Roberto Balestri aveva allevato con la mollichella al Florio, centro di allenamento della formazione Primavera. Entrambi hanno fatto una buona carriera e io li ricordo con molto affetto».

 

 
Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

Prezzo di vendita 25,00

Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

di Marisa Squillante

Nel volume rifluiscono sette studi che indagano testi legati da un comune filo conduttore, costituito dalla riflessione sul massiccio riuso del classico operato, in modalità differenti, dai secoli della tarda antichità e dell’alto Medioevo.

 
Fortunato, anatomia di un Santo

Prezzo di vendita 15,00

Fortunato, anatomia di un Santo

di Cristoforo Pomara

Un viaggio tra fede e razionalità, tra trattati di medicina e perquisizioni della storia. Perché, come diceva Indro Montanelli, «in America Latina e in Italia, le storie migliori sono sepolte insieme alla verità».

 
Quattro amici al bar

Prezzo di vendita 12,00

Quattro amici al bar

di Domenico Farina

20 anni di vita politica a Cerignola e in Capitanata, senza trascurare una dimensione più ampia: quella regionale e quella nazionale vissute con i protagonisti di allora.

 
Mare Omnium

Prezzo di vendita 35,00

Mare Omnium

di AA.VV.

Il mare è di tutti. Personaggi, racconti e vite vere lo attraversano, nutrendosi di cultura o pagando lo scotto delle ingiustizie della storia. Lì è la nostra origine, lì il nostro approdo: «il tutto o il niente, come un grande mare, circonda l’isola di naufraghi che è la vita» (Fernando Pessoa).

 
Il lumicino della Speranza

Prezzo di vendita 12,00

Il lumicino della Speranza

di Piero Cicolella

La storia d’amore tra Mattia e Carol è sconvolta da un evento lieto ma allo stesso tempo tragico, che ne cambierà radicalmente la vita sentimentale. Solo grazie alla forza della speranza e al loro grande amore i due protagonisti riusciranno ad affrontare e superare le avversità della vita.

 

Prezzo di vendita 15,00

Il singhiozzo dell'albero assetato

di Giovanna Irmici

 
Un invito, poi un viaggio

Prezzo di vendita 15,00

Un invito, poi un viaggio

di Alessia Roberta Scopece

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 
Ti ho amata per sempre

Prezzo di vendita 15,00

Ti ho amata per sempre

di Michele Sisbarra

Dopo le raccolte di poesie, l’autore decide di cimentarsi con un lungo racconto su un tema mai così attuale come quello dell’amore tra un uomo e un donna vittima della violenza che tante donne spesso subiscono e la difficoltà ad emanciparsi dall’aguzzino. L’incontro, in una di “quelle parti del Sud che ti colorano l’anima rendendola gaudente tra le mille difficoltà di vite aspre” dell’amore adolescenziale al quale lei si aggrappa per fuggire dalla prigione.

 
VelEni

Prezzo di vendita 13,00

VelEni

di Fabio Amendolara

Poteri forti, fortissimi, che muovono soldi, faccendieri e barbe finte, che decidono le sorti energetiche ed economiche del Paese, e che hanno potere di vita e di morte. Un intrigo tutto italiano che ha sullo sfondo l’ombra della mafia siciliana. Personaggi di primo piano della Prima Repubblica, rimasti più o meno nascosti, muovono le pedine su uno scacchiere alla cui base ci sono potere e petrolio; figure importanti, poi annoverate tra i martiri dello Stato, mostrano un’altra faccia e intellettuali considerati tutti d’un pezzo si lasciano condizionare da un padrone o dal denaro. Un testimone importante viene ignorato, con molta probabilità conosceva una parte della storia che è rimasta segreta e che forse lo rimarrà per sempre.

 
Premio Lupo 2015 - Sezione Pittura

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo 2015 - Sezione Pittura

di AA.VV.

La pittura, in tutte le sue espressioni, rappresenta il linguaggio comune di tutte le arti attraverso il tempo della creatività umana. Se osserviamo i grandi capolavori, ci rendiamo conto che in essi troviamo tante suggestioni, emozioni, ricordi, nonché un forte senso di compattezza, una costante circolazione di idee sempre innovative e una enorme quantità di modelli figurativi...