Venerdì 09 Dicembre 2016

Almanacco dauno

Oggi, 8 ottobre 2011, l'Organizzazione mondiale della sanità nel ghetto di Rignano: l'inferno ai piedi del Gargano

Oggi, 8 ottobre 2011, l'Organizzazione mondiale della sanità nel ghetto di Rignano: l'inferno ai piedi del Gargano

Il ghetto di Rignano Garganico (Ph. Marco Valli)

Oggi, 8 ottobre del 2011, ispezione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità nelle campagne di Rignano Garganico, nel cosiddetto ghetto in cui vivono oltre 2 mila extracomunitari dediti alla raccolta del pomodoro*

 

(dall'Agenda 2014 della Fondazione Banca del Monte di Foggia. Progetto editoriale: Filippo Santigliano. Ricerca e testi: Davide Grittani. Editing e curatela: Saverio Russo, Filippo Santigliano)

  

*DENTRO IL GHETTO DI RIGNANO

(Reportage di Marco Valli per vice.com del 25 novembre 2013)

 

I neon colorati e la musica afro sparata da qualche cassa perforano il silenzio della campagna pugliese. Dovrei essere in mezzo al nulla, eppure la zona è abbastanza trafficata: ci sono automobili, motorini, biciclette e passanti che vanno e vengono. Sono circa le 10 di sera, e dopo quasi due ore di disorientamento nelle dissestate strade della provincia di Foggia arrivo in quello che gli abitanti del luogo chiamano il Grande Ghetto, o più semplicemente il ghetto di Rignano. Il ghetto è sorto spontaneamente più di 15 anni fa, dopo lo sgombero di uno zuccherificio dismesso che ospitava molti braccianti stranieri sfruttati nei campi del “triangolo della schiavitù”, una zona che copre quasi tutta la provincia di Foggia. Lo sfruttamento dei migranti nell'agricoltura non si ferma solo alla Puglia, ma si estende ad altre parti d'Italia. Secondo un rapporto del 2012 realizzato da Flai-Cgil, sarebbero 700 mila i lavoratori regolari e irregolari impiegati nei campi, di cui circa 400 mila coinvolti in forme di caporalato.  Il “villaggio” di Rignano è cresciuto e si è strutturato negli anni fino ad arrivare alla forma attuale. La demografia varia a seconda delle stagioni e della necessità di manodopera legata alla raccolta di pomodori e altre colture: d’inverno ospita più o meno 200 migranti (prevalentemente dall’Africa francofona), d’estate si arriva anche a 800. Alcuni abitanti del Ghetto sono arrivati in Italia in aereo anche più di 20 anni fa, mentre gli ultimi in ordine d’arrivo hanno attraversato il deserto e si sono imbarcati illegalmente. Quando riescono ad attraversare il Mediterraneo, i braccianti delle campagne del sud sono costretti ad accamparsi in fabbriche abbandonate, sopravvivono a stento con una paga da fame e devono subire ogni tipo di angheria, mentre i proprietari terrieri azzerano del tutto il costo del lavoro e incassano profitti. È una situazione degna del Medioevo. Tuttavia la polizia—che ovviamente è a conoscenza del ghetto—non interviene mai, fondamentalmente perché nessuno crea problemi. Il ragionamento è tipicamente italiano: se tu non fai casino, io faccio finta di niente. A ben vedere, l'esistenza stessa del ghetto è illegale da ogni punto di vista; ma al tempo stesso è ampiamente tollerata, visto che gli abitanti non rubano, non uccidono e non fanno altro che lavorare come degli schiavi. La Regione Puglia ha fornito l’acqua potabile, tramite cisterne che vengono riempite periodicamente, solo qualche anno fa, dopo la pressione esercitata da alcune associazioni. In passato, riporta Frontierenews, l’assenza di acqua aveva causato la morte di diversi migranti, “affogati dentro vasconi per l’irrigazione dove volevano lavarsi o attingere acqua.” Stesso discorso per i bagni, installati nell’estate del 2011: prima, ricorda Nigrizia, “ragazzi, donne, bambini e adulti urinavano e defecavano nei campi, trasformando l’intero villaggio in una latrina.” Nel novembre del 2012 è scoppiato un incendio (probabilmente a causa di una candela accesa inavvertitamente) che ha distrutto una trentina di baracche, senza causare vittime.  Appena arrivo Madi, originario del Burkina Faso e macellaio ufficioso del ghetto, si prodiga per trovarmi un posto dove dormire e mi offre la prima cena: pezzetti di pecora cotti alla brace e poi affumicati. A stomaco pieno faccio un giro di ricognizione: è quasi tutto avvolto nell’oscurità, e solo qualche generatore porta l’elettricità a baracche con neon blu e rossi. Mi avvicino a una di queste e vengo fermato da due ragazze che, senza troppi complimenti, mi accarezzano il mento. Capisco subito di essere in una sorta di bar/bordello. Rifiuto l’invito e mi addentro nel locale per bere una birra. Me la serve il primo bianco che vedo da quando sono arrivato, e dalla sua faccia mi accorgo che la conversazione non è esattamente tra le sue priorità. Mi limito a pagare e comincio a camminare per le strade principali del ghetto: gli abitanti sono tutti impegnati in lente camminate verso il nulla. Qualcuno gioca a calcio balilla.  

Torno alla macelleria di Madi che mi accompagna al mio alloggio, consistente in un materasso appoggiato sul retro di un “bar” illuminato da neon blu. Fuori dal bar conosco Ba, un giovane della Guinea che mi spiega che in questo periodo non sta facendo praticamente nulla: “Qui il lavoro è finito.” Ba si limita a passare le giornate aspettando il momento giusto per spostarsi a Rosarno, città in provincia di Reggio Calabria divenuta “famosa” per la condizione di schiavitù a cui sono costretti i migranti che raccolgono mandarini e arance. Nel 2010, proprio a Rosarno era scoppiata una clamorosa rivolta dopo che qualcuno aveva ferito alcuni immigrati con un’arma ad aria compressa.La luce del sole del mattino mi dà un’idea della vera conformazione del ghetto: una lunga distesa di baracche in plastica, lamiera e cartone nel mezzo di una terra di nessuno. Le baracche sono costruite personalmente dai migranti, che naturalmente non pagano alcun affitto. Quando lasciano il ghetto, la loro baracca viene affidata o regalata a un amico o un parente. Poiché negli ultimi anni il flusso di africani si è intensificato, il Ghetto di Rignano è in continua espansione, allargandosi a vista d’occhio nel "deserto" pugliese. Qualche migrante sbuca dai passaggi strettissimi tra una baracca e l'altra e mi guarda perplesso. Nel Grande Ghetto c'è davvero di tutto: macellai, piccoli negozi di fortuna con beni di prima necessità e cianfrusaglie varie e ristoranti fatiscenti che in realtà sono la dimora delle poche donne che lo popolano. In fondo a una delle strade principali scorgo anche un'officina meccanica all'aperto nella quale stanno lavorando quattro o cinque persone. Qui trovo le prime difficoltà: i ragazzi si scaldano e dicono che non vogliono essere fotografati per nessun motivo, e mi invitano ad andarmene. Raccolgo il consiglio e mi limito discretamente a farmi vedere in giro per il ghetto, camminando, chiacchierando con qualche residente e consumando un pranzo a base di fagioli e interiora di non-so-quale-animale nella baracca di una signora che, stranita dal fatto che dei bianchi mangino lì, mi guarda e sorride. Gli abitanti del ghetto di Rignano si dividono fondamentalmente in due tipologie: c’è chi vuole parlare e farmi capire la loro condizione e chi invece è quasi spaventato e preferisce solo salutare. Incontro dei ragazzi del Mali che mi forniscono alcune cifre: il lavoro nei campi di pomodori, che in estate va per la maggiore, è pagato tra i 2,50 e i 3,50 euro l'ora, sempre che il “capo-bianco” (ossia il caporale) non paghi a cottimo. In media un lavoratore riesce a guadagnare 25 euro al giorno. Peccato che il solo tratto Ghetto-Foggia e Foggia-Ghetto gliene costi 10. Altri mi dicono che a Rosarno pagano un euro a cassetta di mandarini e 70 centesimi per le arance. Torno al mio alloggio. Fuori c'è Fatima, la proprietaria del locale. Lei vive nel ghetto da 13 anni e ha tutta l'aria di essere una specie di portavoce dell'intera baraccopoli. Fatima mi spiega che la maggior parte degli abitanti ne ha le palle piene dei giornalisti che vengono a fare riprese e interviste: “Tutti dicono che vengono qui ad aiutare. Ma poi se ne vanno, e non aiutano mai.” Un signore sulla cinquantina, che si trova lì accanto, dice di essersi visto in televisione e di non essere stato particolarmente contento. Al tramonto è il momento dello shopping. Dal campo rom limitrofo ogni giorno arrivano macchine e furgoni carichi di giacche, scarpe, stereo e paccottiglia varia, acquistabile a cifre molto ragionevoli. C'è anche un italiano a vendere, una specie di cowboy sulla sessantina con il baule pieno di scarpe e il sigaro in bocca. Di notte, invece, i neon e la musica si riaccendono e le prostitute si preparano per iniziare il turno. A me viene fame, e così torno a mangiare i bocconcini di pecora affumicata nella macelleria di Madi. I più fortunati possono mangiare del fegato grigliato avvolto nel grasso. 

Alle sette del mattino seguente un'insolita nebbia avvolge il ghetto. L'atmosfera è fredda e umida, e le vie sono quasi deserte. Qualcuno sbuca fuori dalla propria baracca stiracchiandosi. Bevo un caffè orrendamente annacquato e faccio un giro tra le vie più piccole e interne. Qui incontro Ibrahim, un uomo sulla trentina che mi invita nella sua baracca. Ibrahim vive con altre otto persone, e ha molta voglia di spiegarmi la sua situazione: "Il lavoro è poco, tra una settimana o due ci saranno da raccogliere le olive ma per massimo dieci giorni. La paga è di un euro per ogni cassetta di olive."

Dopo qualche minuto Ibrahim cambia discorso e mi chiede un passaggio per Foggia, dove—dice lui—deve andare a giocare a calcio. Durante il tragitto capisco che in realtà vuole andare in un centro di scommesse, e non in un campo da calcio. Lo accompagno al primo centro, dove si ferma brevemente incassando una vincita di sessanta euro. Nel secondo centro passa più tempo: gioca un numero spropositato di schedine puntando venti dei sessanta euro guadagnati. Alla fine mi comunica, non senza soddisfazione, che “oggi non mangio, ho speso troppi soldi per giocare.” Una volta tornati al ghetto mi confida il suo vero sogno: quello di “vincere così tanti soldi con il calcio da potermi sposare.” 

Le uniche attività per evadere il tedio pomeridiano sono il calcio balilla, la dama, le sigarette e partite improvvisate di calcio a cinque. All’interno del ghetto c’è anche la sede di “Radio Ghetto”, dove però non c’è nessuno. La radio funziona solo d’estate, quando il ghetto è più popolato. In un certo senso, “Radio Ghetto” è l’unico contatto con il mondo esterno, il mezzo con il quale chi vive lì può raccontare cosa succede dentro e nei campi.

Un ragazzo del Mali, Ibrahim, mi spiega cosa succede in un campo di zucche a un paio di chilometri dal ghetto: “Il ‘capo-bianco’ gira per il campo con il bastone, e se ti alzi per accenderti una sigaretta lui ti rimette subito giù con quello.” I caporali sono gli uomini pagati da agricoltori e proprietari terrieri per garantire il regolare svolgimento dei raccolti. Per assicurarsi ciò, come hanno evidenziato diverse inchieste giornalistiche, i caporali non si sono mai fatti troppi scrupoli nel ricorrere a pestaggi, cacce all’uomo e anche omicidi. Ad ogni modo non c’è solo il “capo-bianco”. Esiste anche il “capo-nero”, ossia un migrante che si occupa di reclutare il personale necessario a svolgere un determinato lavoro. Il problema, mi spiega un cinquantenne africano, è che “il capo-bianco paga quattro euro l'ora, il capo-nero dice a noi che il bianco paga tre euro e lui guadagna un euro su ogni testa, ogni ora.” Quando gli chiedo come si fa a diventare “capo-nero”, l’uomo mi risponde di non saperlo. 

Il capolarato, che è diventato reato solo nel 2011, è considerato dagli investigatori un “reato spia” di infiltrazioni mafiose nel settore. Si stima che il giro d’affari connesso alle agromafie sia compreso tra i 12 e i 17 miliardi di euro, ossia il 5-10 percento di tutta l’economia mafiosa. Anche la grande distribuzione è pesantemente infiltrata dalle organizzazioni criminali. Yvan Sagnet—delegato sindacale per la Cgil originario del Camerun, nonché uno dei leader della rivolta del 2011 nelle campagne di Nardò—ha scritto che l’agricoltura nella provincia di Foggia “subisce forti condizionamenti da parte della camorra. Durante la stagione agricola centinaia di camionisti partono quotidianamente dalla Campania verso le campagne foggiane, affittano le terre ai contadini con il cosiddetto fenomeno del ‘prestanome’, e trasportano la merce verso le imprese del salernitano.”

Ma non è solo la schiavitù lavorativa a trattenere gli abitanti del ghetto: almeno quattro ragazzi mi hanno raccontato che ogni giorno vanno dal “capo-bianco” a reclamare il salario, ma questo non fa altro che procrastinare il pagamento. C’è chi aspetta di essere pagato da più di due settimane. Molti non vedono l’ora di andarsene e spostarsi in una città o in altri slum in cui guadagnare. Ma senza soldi non si può raggiungere nemmeno Rosarno. La scorsa estate un ragazzo che aveva lavorato una settimana in un campo ha trovato il coraggio di denunciare i caporali che l’avevano sfruttano senza pagarlo. Grazie al supporto di un avvocato è riuscito a ottenere i suoi soldi. Ma a caro prezzo: i “capo-bianchi” di fatto l’hanno emarginato e non lo chiamano più a lavorare. Si è fatta sera. Consumo nuovamente i pezzetti di pecora affumicati e decido di fare un giro al bordello nel quale ero stato la prima sera. Il locale è piuttosto vuoto: ci sono un paio di clienti italiani che si appartano con le prostitute. Dopo aver declinato un paio di offerte mi metto a parlare con una donna, Zahra, che comincia a raccontarmi la sua storia: "Nel 2010 sono dovuta scappare dal Marocco perché con la morte di mio marito non sapevo più dove trovare i soldi per dare da mangiare a mia figlia. Così sono venuta in Italia a fare questo lavoro." Durante l'inverno Zahra lavora a Foggia. In estate nel ghetto. Mi spiega anche che il bordello "è di un bianco, si chiama Nicola. Lui vuole 20 euro al giorno per l'uso della stanza in cui lavoriamo." Nella stanza dormono e lavorano cinque ragazze. Le tariffe sono di 25 euro per i bianchi e 15 per i neri. 

Il risveglio della mattina seguente è piuttosto traumatico: ho nausea, mal di gola e una quantità industriale di catarro. Non faccio fatica a credere che siano gli effetti collaterali della “cucina locale”. Madi si procaccia il cibo quotidianamente caricando qualche pecora sul furgone. Gli animali vengono uccisi, smembrati, puliti e distribuiti direttamente nel ghetto. Il problema è che opera in condizioni igieniche del tutto inesistenti, tra la polvere ed eserciti di mosche che amano defecare sulla carne.

Passo un giorno a letto, in preda alla febbre e al vomito. Ma è bastato un paracetamolo per far andare via tutto. In seguito ho saputo anche che Fatima ha pregato per la mia guarigione.

All'alba sono pronto per ripartire. Nel ghetto non c’è anima viva, e si respira desolazione. Dopo quattro notti passate in questo modo, solo una cosa mi è chiara: il ghetto di Rignano non né in Puglia né in Europa. È una baraccopoli della quale non frega un cazzo a nessuno, lontana dagli occhi di chi è convinto sia davvero inconcepibile che un posto del genere possa esistere nell’Italia del 2013.

Il Castello Edizioni

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di AA.VV.

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Premio Lupo, Rassegna di pittura

Prezzo di vendita 15,00

Premio Lupo, Rassegna di pittura

di AA.VV.

«La pittura è un viaggio circolare, nel labirinto dell’anima, dell’ispirazione, dell’espressione che ci regala libertà di stimoli e sensazioni, ci proietta nella dimensione poetica avvincente, che ci avvince ogni giorno», scrive Lina Franza nella presentazione di questo catalogo che raccoglie le opere artistiche per la prima volta in consorso al "Premio Lupo", giunto alla sua settima edizione.

 
In punta di piedi

Prezzo di vendita 15,00

In punta di piedi

di G. Cipriani - G.M. Masselli - R. Verdone

Un itinerario che va dall’Antichità agli Anni ’50-’70 del Secolo scorso sul modello di gestione della fase delicata del parto.

 
Premio Lupo 2015

Prezzo di vendita 20,00

Premio Lupo 2015

di AA. VV.

Il concorso letterario “Premio Lupo” nasce nel 2006 su iniziativa dell’Amministrazione comunale di Roseto Valfortore (FG), quando, al fine di generare novelle da utilizzarsi per la realizzazione di cortometraggi, si ritenne di promuovere un concorso letterario. Perché “Premio Lupo”? Si è voluto intestare il concorso al lupo, abitante supremo, austero e intelligente di questo territorio, in ragione di una comunanza rappresentativa delle diverse realtà presenti sui Monti Dauni (30 comuni).

 
Ricordare...

Prezzo di vendita 12,00

Ricordare...

di Claudia Di Dio

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Il figlio di NessuNo

Prezzo di vendita 20,00

Il figlio di NessuNo

di Gino, Paolo e Vittorio Frattulino

Mino Capocollo nel momento della morte del padre Amleto viene a conoscenza di un terribile segreto: coloro che credeva i suoi genitori in realtà sono dei perfetti estranei

 
Risonanze

Prezzo di vendita 35,00

Risonanze

di AA.VV.

"Risonanze" è finalizzato allo studio delle forme di presenza dei miti classici nelle letterature di età successive, come anche nelle arti figurative e nella musica.

 
Premio Lupo 2015 - Sezione Pittura

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo 2015 - Sezione Pittura

di AA.VV.

La pittura, in tutte le sue espressioni, rappresenta il linguaggio comune di tutte le arti attraverso il tempo della creatività umana. Se osserviamo i grandi capolavori, ci rendiamo conto che in essi troviamo tante suggestioni, emozioni, ricordi, nonché un forte senso di compattezza, una costante circolazione di idee sempre innovative e una enorme quantità di modelli figurativi...

 
Donne del Mediterraneo

Prezzo di vendita 35,00

Donne del Mediterraneo

di AA.VV.


Il mare nostrum è bacino di miti, che viaggiano nel tempo e nello spazio. Veleggiando sulle ali del mito, celebri eroine toccano approdi lontani, attraversando terree culture del Mediterraneo.

 
Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

Prezzo di vendita 25,00

Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

di Marisa Squillante

Nel volume rifluiscono sette studi che indagano testi legati da un comune filo conduttore, costituito dalla riflessione sul massiccio riuso del classico operato, in modalità differenti, dai secoli della tarda antichità e dell’alto Medioevo.

 
Viaggio nella terra degli ultimi

Prezzo di vendita 15,00

Viaggio nella terra degli ultimi

di AA.VV.

Papa Francesco, con la sua visita a Isernia, ha solcato in maniera indelebile la storia della nostra città. Un ricordo emozionante, intenso, l’eco del quale non si è spento nei cuori e nelle menti di quanti hanno avuto il privilegio di poterlo vedere da vicino e di ascoltare il suo messaggio d’amore, speranza, fratellanza, solidarietà per i più deboli. Questo libro vuol essere un omaggio a Sua Santità e un dono per quanti, quel giorno, non hanno potuto viverlo lasciandosi trasportare dal fervido affetto di cui è stato portatore Papa Francesco. (Luigi Brasiello, Sindaco di Isernia)

 
Grafologia e Letteratura

Prezzo di vendita 15,00

Grafologia e Letteratura

di Mario D'Ascanio

Da Parini all'Alfieri, da Leopardi a Carducci, a Pascoli, D'Annunzio, Gozzano, Ungaretti, Novaro: ecco cosa ci "mostrano", attraverso la Grafologia, alcuni grandi autori della Letteratura

 
Storia della Letteratura Latina

Prezzo di vendita 80,00

Storia della Letteratura Latina

di Giovanni Cipriani

Una letteratura che non porti visibili i segni dell’evoluzione culturale di un popolo (in termini di ideologie, religioni, folclore, ambiente, architettura, arte e lingua) equivale - ci si perdoni il gioco di parole - a una letteratura ‘senza storia’. È indispensabile, dunque, ‘tornare indietro’ a sentire le voci di quegli uomini, senza penalizzanti distinzioni o esclusioni, e a percepire le loro ansie in termini di imitatio e aemulatio, prima di godere in piena consapevolezza della loro conseguita coscienza di impegnati esponenti culturali e prima di indagare le cause del loro successo fino a noi.

 
Il Foggia del '76

Prezzo di vendita 15,00

Il Foggia del '76

di Giuseppe Baldassarre - Domenico Carella

«Di quel campionato vinto dal Foggia di Balestri ricordo due promettenti giovani della primavera: Corrado Tamalio, lanciato in casa contro la Reggiana, che fece esplodere lo Zaccheria con un gol superbo all’esordio, e Moreno Grilli, che firmò a La Favorita il gol che valse l’1-1 contro il Palermo. Due ragazzi, Tamalio e Grilli, che Roberto Balestri aveva allevato con la mollichella al Florio, centro di allenamento della formazione Primavera. Entrambi hanno fatto una buona carriera e io li ricordo con molto affetto».

 

 
Il Maestro Rotelli

Prezzo di vendita 15,00

Il Maestro Rotelli

di a cura di Rosa Labriola

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 
I miti dei mitici alunni della I D

Prezzo di vendita 15,00

I miti dei mitici alunni della I D

di AA.VV.

«So che ogni interpretazione impoverisce il mito e lo soffoca: coi miti non bisogna aver fretta; è meglio lasciarli depositare nella memoria, fermarsi a meditare su ogni dettaglio, ragionarci sopra senza uscire dal loro linguaggio d’immagini. La lezione che possiamo trarre da un mito sta nella letteralità del racconto, non in ciò che vi aggiungiamo noi dal di fuori».

Italo Calvino

 
Vernacolo in musica 2

Prezzo di vendita 25,00

Vernacolo in musica 2

di Alfredo Amatruda - Sereno Labbozzetta

Questo secondo volume di raccolta di canzoni in dialetto foggiano completa il primo "Vernacolo in Musica" e ha ancora una volta il merito di mettere in mostra pregevoli testi dei poeti dialettali Marisa Amatruda, Osvaldo Anzivino, Alfredo Ciannameo, Giuseppe Esposto, Raffaele Lepore, Urbano Marano, Guido Mucelli, Raffaele Pagliara, Ottavio De Stefano, Amelia Rabbaglietti, Raffaele Ventura, nonché - oltre ovviamente a Sereno Labbozzetta e Alfredo Amatruda - i compositori Ferdinando e Rico Garofalo e la stessa Mariateresa Labbozzetta. Un vero patrimonio culturale che abbraccia ormai un secolo e che va aggiornato e rivalutato.

 
Premio Lupo 2014

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo, settima edizione

di AA.VV.

«Alla giuria del premio letterario quest’anno sono arrivati 75 racconti e 36 dipinti per raffigurare “paesaggi, monumenti, luoghi, persone dell’Appennino Dauno”. Nel passato il Premio Lupo ha registrato la partecipazione di oltre 700 scrittori di tutta Italia: mille racconti e 6 milioni di parole per raccontare i Monti Dauni e per parlare di lui, il nostro lupo pre-appenninico, descrivere un singolare paesaggio umano in un territorio ricco di cultura e di antichissima storia» (Giuseppe Trincucci, presidente della Commissione del Concorso Letterario)

 
I racconti del cortile

Prezzo di vendita 15,00

I racconti del cortile

di Alberto Mangano

 Quanto tempo abbiamo trascorso sotto casa, chi in un cortile, chi in mezzo alla strada! Quante giornate ci son sembrate noiose perché esattamente l’una uguale all’altra! Eppure proprio quelle giornate sono risultate fondamentali per la nostra crescita, quella che ci ha permesso di arrivare ad essere come quegli adulti che allora osservavamo con distacco e ammirazione al tempo stesso.

 

Prezzo di vendita 15,00

Il singhiozzo dell'albero assetato

di Giovanna Irmici

 
Un invito, poi un viaggio

Prezzo di vendita 15,00

Un invito, poi un viaggio

di Alessia Roberta Scopece

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 
Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di Antonio Blasotta

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
RaccontiAMO

Prezzo di vendita 10,00

RaccontiAMO

di P. Grillo, V.M.V. Francillotti, F. Del Vecchio

Viviamo in mezzo alle storie e bisogna raccontarle bene, con rispetto. E’ un compito civile, come quello del panettiere qua sotto. Io ho bisogno di lui e lui di me. Gli uomini hanno bisogno di storie. non soltanto per trasmettere sapere. Ogni storia è la custodia della speranza che questa vita non sia l’unica, che se uno volesse potrebbe avere un’esistenza differente. 

 
Quattro amici al bar

Prezzo di vendita 12,00

Quattro amici al bar

di Domenico Farina

20 anni di vita politica a Cerignola e in Capitanata, senza trascurare una dimensione più ampia: quella regionale e quella nazionale vissute con i protagonisti di allora.

 
Ti ho amata per sempre

Prezzo di vendita 15,00

Ti ho amata per sempre

di Michele Sisbarra

Dopo le raccolte di poesie, l’autore decide di cimentarsi con un lungo racconto su un tema mai così attuale come quello dell’amore tra un uomo e un donna vittima della violenza che tante donne spesso subiscono e la difficoltà ad emanciparsi dall’aguzzino. L’incontro, in una di “quelle parti del Sud che ti colorano l’anima rendendola gaudente tra le mille difficoltà di vite aspre” dell’amore adolescenziale al quale lei si aggrappa per fuggire dalla prigione.

 
Da quel momento in poi...

Prezzo di vendita 15,00

Da quel momento in poi...

di Rita Colucci - Filippo Fedele

«Per Filippo e Rita il passato, ricostruito e metabolizzato, è il punto di partenza per una nuova fase. Chi, come me, c’era confronta il proprio percorso con il loro, prova a capire cosa si è perso o guadagnato, cosa è stato importante o secondario, cosa è rimasto uguale o è cambiato. I più giovani, nati negli anni dell’innovazione tecnologica, rimarranno sorpresi per le numerose domande che questo scritto genererà soprattutto in loro, che prima non c’erano. A tutti voi che vi apprestate a gustare queste pagine lievi, un avvertimento: sentirete forte la voglia di cercare al più presto qualche risposta. Non datevene troppe: le troverete semplicemente vivendo».

 
La riconquista di Roma

Prezzo di vendita 20,00

La riconquista di Roma

di Francesco Bochicchio

Ecco come la nostra nazione e la sua storia possono essere paragonate alla vita di un qualunque adolescente che affronta il suo processo di crescita, ossia la ricerca di se stesso per affermarsi ed emanciparsi.

 
Passando di là, gettate un fiore

Prezzo di vendita 15,00

Passando di là, gettate un fiore

di G. Cipriani - A. Tedeschi - V. Vescera

In occasione del I°‭ ‬Centenario della Prima Guerra Mondiale si è voluto recuperare un episodio bellico che ne ha segnato l’incipit‭, ‬all’alba del 24‭ ‬maggio 1915‭: ‬l’affondamento‭, ‬al largo di Vieste‭, ‬del cacciatorpediniere‭ ‬‘Turbine’‭ ‬da parte dell’incrociatore austriaco Helgoland‭. 

 
Foggiani

Prezzo di vendita 15,00

Foggiani

di Gioacchino Rosa Rosa

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 
Integrazione Sicurezza Alimentare e Nutrizionale

Prezzo di vendita 10,00

Integrazione Sicurezza Alimentare e Nutrizionale

di Aa.Vv.

Il libro racchiude gli abstract forniti dai medici partecipanti al convegno omonimo, in programma il 19 e 20 marzo 2015 presso l'Aula Magna "Valeria Spada" dell'Università Degli Studi di Foggia.

 
TraPassato&Presente

Prezzo di vendita 35,00

TraPassato&Presente

di AA.VV.

Le diverse forme intellettuali della cultura moderna sono debitrici verso la grande esperienza della civiltà antica. Eppure, il modello culturale a centralità umanistica viene ripetutamente esposto al rischio di essere emarginato dalla scuola, poi dall’università, e infine dalla coscienza comune della nazione.

 
Maria, la canzone triste

Prezzo di vendita 10,00

Maria, la canzone triste

di Sofia Pia Annarelli

 «Maria, la canzone triste sviluppa, senza lamentosi pietismi, la vicenda di Maria, orfana di una giovane coppia morta durante la strage di Capaci, rimasta segnata nel fisico e nell’animo, e della sua crescita verso una sofferta consapevolezza di sé. Quello che sorprende è il modo con cui Sofia Pia Annarelli modula lo stile con l’alternare vari piani narrativi e registri stilistici e con un’attenta contestualizzazione della storia» (Mariolina Cicerale).

 
Sono solo uno che fa click

Prezzo di vendita 35,00

Sono solo uno che fa click

di Michele Sepalone

Un fotoracconto di Foggia, dei suoi cittadini e dei momenti salienti che la città ha vissuto negli ultimi anni. Dai paesaggi di rara bellezza, all'impegno civico, al mondo della cultura e del teatro, Sepalone racconta attraverso i suoi scatti cos'è Foggia attraverso le sue infinite sfaccettature

 
Fortunato, anatomia di un Santo

Prezzo di vendita 15,00

Fortunato, anatomia di un Santo

di Cristoforo Pomara

Un viaggio tra fede e razionalità, tra trattati di medicina e perquisizioni della storia. Perché, come diceva Indro Montanelli, «in America Latina e in Italia, le storie migliori sono sepolte insieme alla verità».

 
Il lumicino della Speranza

Prezzo di vendita 12,00

Il lumicino della Speranza

di Piero Cicolella

La storia d’amore tra Mattia e Carol è sconvolta da un evento lieto ma allo stesso tempo tragico, che ne cambierà radicalmente la vita sentimentale. Solo grazie alla forza della speranza e al loro grande amore i due protagonisti riusciranno ad affrontare e superare le avversità della vita.

 
Verba puerpera

Prezzo di vendita 20,00

Verba puerpera

di Giovanni Cipriani

 


L’inventario delle situazioni che controllano il momento del parto in Roma antica si sostanzia in uno stupefacente deposito di superstizioni e di ricette, in cui la magia spadroneggia con i suoi principi di carattere analogico e simpatetico e di cui il folklore locale conserva vivida traccia; non mancano altresì le specifiche ‘parole del parto’, connotate - ieri come oggi - da un sofferto intreccio di paura e di fede, com’è naturale nei delicati ‘riti di passaggio’.

 
Vaffankulo Bridget Jones

Prezzo di vendita 15,00

Vaffankulo Bridget Jones

di Alessandro Maselli del Giudice

Roman Jones, programmatore insoddisfatto che sogna di produrre t-shirt con i disegni da lui realizzati, il 9 agosto 2014 compirà quarant’anni. Non ha legami stabili né li ha mai cercati, ma la caccia all'autore di un sms anonimo lo condurrà a scoprire realmente chi sono le persone che lo circondano e quali sono i sentimenti che provano nei suoi confronti.

 
Per sempre Zaccheria

Prezzo di vendita 15,00

Per sempre Zaccheria

di Pino Autunno

Curioso che uno stadio di calcio ricordi un pioniere del basket locale. Accade a Foggia con Pino Zaccheria, morto al fronte in Albania il 4 aprile del ’41 durante il secondo conflitto bellico, ed alla cui memoria è stato intitolato l’impianto di viale Ofanto nel 1946. In molti lo hanno ribattezzato Zac, forse per un vezzo, forse per rimarcare che nel glorioso ground di via Ascoli inaugurato il 22 novembre del ’25 ed ormai prossimo ai 90 anni si sono disputate epiche battaglie. E che spesso gli avversari ci hanno rimesso le penne. Trafitti dalle acuminate lame degli irriducibili nero-rossi di Capitanata. Zac!

 
Mare Omnium

Prezzo di vendita 35,00

Mare Omnium

di AA.VV.

Il mare è di tutti. Personaggi, racconti e vite vere lo attraversano, nutrendosi di cultura o pagando lo scotto delle ingiustizie della storia. Lì è la nostra origine, lì il nostro approdo: «il tutto o il niente, come un grande mare, circonda l’isola di naufraghi che è la vita» (Fernando Pessoa).

 
VelEni

Prezzo di vendita 13,00

VelEni

di Fabio Amendolara

Poteri forti, fortissimi, che muovono soldi, faccendieri e barbe finte, che decidono le sorti energetiche ed economiche del Paese, e che hanno potere di vita e di morte. Un intrigo tutto italiano che ha sullo sfondo l’ombra della mafia siciliana. Personaggi di primo piano della Prima Repubblica, rimasti più o meno nascosti, muovono le pedine su uno scacchiere alla cui base ci sono potere e petrolio; figure importanti, poi annoverate tra i martiri dello Stato, mostrano un’altra faccia e intellettuali considerati tutti d’un pezzo si lasciano condizionare da un padrone o dal denaro. Un testimone importante viene ignorato, con molta probabilità conosceva una parte della storia che è rimasta segreta e che forse lo rimarrà per sempre.