Domenica 23 Settembre 2018

L'incontro di Palazzo San Gervasio che avrei dovuto moderare è l'occasione per lanciare un dibattito

Una vittima del caso Moro: Gero Grassi, l'uomo della verità

L'onorevole che porta in giro per l'Italia i risultati della commissione d'Inchiesta parlamentare sul rapimento e l'omicidio di Moro evita le domande e schiva i giornalisti. Ma i punti critici sono tanti e un giornalista li ha messi in luce

Una vittima del caso Moro: Gero Grassi, l'uomo della verità

Gero Grassi

PALAZZO SAN GERVASIO - Giovedì ho conosciuto una vittima del caso Moro: Gero Grassi, deputato pugliese da Terlizzi, giornalista, componente della commissione d'inchiesta sull'eccidio di via Fani, sul rapimento e la morte di Aldo Moro, dopo essere stato presentatore e relatore della proposta di legge istitutiva della Commissione stessa. La commissione, molto attiva, ha scavato e ha fatto un gran lavoro. Relazione finale approvata all'unanimità e applausi meritati. Il buon Gero Grassi, però, è rimasto imbrigliato in quella storia che, lo si percepisce dalle prime parole che usa come un cliché a ogni relazione, gli ha cambiato la vita. È così teso Gero Grassi che a ogni squillo di telefono fa un salto. Sente ancora il fiato sul collo della P2 di Licio Gelli, tanto da addebitare, durante la conferenza dell'altra sera, al cronista giudiziario Giovanni Bianconi le relazioni del Corrierone con la P2 (Bianconi negli anni del rapimento Moro era un collaboratore di Avvenire ed è approdato al Corriere dopo un lungo passaggio alla Stampa). Le paranoie per i giornalisti però non lasciano indenni neanche Bruno Vespa ed Enrico Mentana. Figuriamoci quando si è ritrovato, suo malgrado, a moderare l'incontro di Palazzo San Gervasio il sottoscritto, cronista della Verità diretta da Maurizio Belpietro. Ammetto subito di conoscere solo il processo Moro Ter: l'ho studiato qualche anno fa per capire bene il coinvolgimento del senatore Domenico Mimì Pittella, babbo di Gianni e Marcello. Ovviamente non ritengo di essere il più grande conoscitore di quegli atti, benché li abbia letti, confrontati e verificati con attenzione. Conosco di certo un po' meglio i documenti dell'inchiesta giudiziaria sulla morte di Enrico Mattei e sulla scomparsa del giornalista Mauro De Mauro. A quelli mi sono appassionato così tanto da usarli per scriverci VelEni, libro-inchiesta che ho pubblicato per il Castello edizioni. Il contesto storico raccontato da Grassi per arrivare alla morte di Moro, quindi, non mi è sconosciuto. Ma Grassi sente il peso del suo lavoro talmente tanto da ritenere di essere l'unico con la verità in tasca. Su Moro lui ne sa più di tutti. E forse è così. Evitare il confronto però rende debole la sua teoria. Io un po' di curiosità da cronista me le ero portate dietro. E purtroppo per me e per la platea me le sono dovute pure riportare a casa. La relazione di Grassi (che possiamo definire senza tema di smentita un monologo) non permetteva domande. «Non si fanno chiacchierate sul caso Moro», ha tuonato in sala l'onorevole. Che è andato avanti per abbondanti cinque minuti con una ramanzina da maestrino, finché mi sono permesso di richiamarlo perché guardando le facce sorprese della platea quell'atteggiamento era alquanto imbarazzante. Per lui. Preso dalle sue paranoie ha rincarato la dose: «Non posso accettare domande da chi non conosce come me il caso Moro». Insomma: l'incontestabile Gero Grassi si sente il Dio del caso Moro. O meglio, si sente un messia, visti i predicozzi che lascia in giro qua e là per l'Italia da quando ha dovuto dismettere l'abito da commissario d'inchiesta. Per farla breve, una volta capito il personaggio, mi sono ritirato in buon ordine e sono rimasto in silenzio, anche quando il presidente della biblioteca mi ha chiesto se volessi concludere i lavori. Per educazione ho preferito non mettere gli organizzatori in imbarazzo con l'incontestabile ospite. In un luogo neutro però il confronto con Grassi sono tenuto a cercarlo. E quindi ho deciso di rivolgergli pubblicamente qualche critica. In realtà, documentandomi velocemente (ma mi riprometto di fare un'inchiesta giornalistica sull'attività della commissione tanto sbandierata da Gero Grassi), è saltata già fuori qualche contraddizione, sottolineata da un collega che stimo molto, Pino Cassamassima. Bene. Per non togliervi altro tempo vi lascio con le contestazioni, certo di produrre nei lettori qualche spunto di riflessione. E sperando che l'onorevole risponda pubblicamente, questa volte senza filippiche alla Demostene (spero che le risparmi durante le sue orazioni pubbliche ).

Da cronista, come vi dicevo, prendo in prestito il dossier di Casamassima, al quale mi sono permesso di ritoccare solo la prima contestazione (Casamassima, che forse aveva sentito tempo prima Grassi, ricordava un dato inferiore sul numero di pagine complessive del caso Moro) e l'esistenza della pianta digitalis purpurea (che Casamassima ignorava):

1. Non è vero che il numero delle pagine del caso Moro sia di 6 milioni («Ho letto e studiato i 6 milioni di pagine del caso Moro: processi e commissioni», dice Grassi). Prendendo per buono questo dato fasullo sotto ogni aspetto e assegnando almeno 2’ a ogni pagina, verrebbero fuori 12 milioni di minuti, cioè 200.000 ore, ossia 8.333 giorni, vale a dire oltre 22 anni.
2. Non è vero che prima del sequestro Moro ci fosse stato solo quello di Sossi.
3. Non è vero che Carlo Bo fosse rettore di Siena, ma di Urbino.
4. Non è vero che Kissinger abbia mai detto “testualmente” né nel ’74, né mai – come sostiene Grassi – «Il mio è un avvertimento ufficiale» a smettere la politica di apertura al Pci altrimenti l’avrebbe pagata «a caro prezzo». L’informazione arriva de relato da Eleonora Moro e da Giovanni Galloni e quel passaggio - «Il mio è un avvertimento ufficiale» - non c’è.
5. Non è vero che sia stato Grassi a scoprire presso l’aeronautica militare di Bologna quali fossero le condizioni del tempo del 2 aprile 1978 della famosa seduta spiritica, scoprendo che non era vero che piovesse: questa “scoperta” era stata resa pubblica dal giornalista Antonio Selvatici.
6. Non è vero che Moro sia stato fatto scendere dall’Italicus da agenti dei servizi segreti ma da due funzionari del ministero degli Esteri da lui retto in quel momento.
7. Non è vero che «la polvere pirica usata per piazza Fontana è la stessa di piazza Loggia e Italicus»! (a disposizione – a detta di Grassi – di Gladio)
8. È pretestuoso usare una delle tante scritte sui muri del ’77 (contro Publio Fiori, gambizzato) per annunciare l’uccisione di Moro. Si sa che non c’era personalità democristiana di rilievo che non fosse minacciata sui muri (Kossiga docet).
9. Non è vero che Gallinari (che nel suo guazzabugliesco pamphlet che Grassi spaccia per suo libro mentre si tratta di stralci di audizioni riportate alla rinfusa scambia per Maccari) fu fatto evadere dai servizi e da Hyperion.
10. La faccenda di Antonino Arconte (il gladiatore agente G. 71) e del documento consegnato a Beirut, firmato 2 marzo 1978, in cui si chiedeva la mobilitazione per la liberazione dell’ancora non sequestrato Moro, è stata ampiamente chiarita e sbugiardata. Ma Grassi ne fa uno dei suoi punti cardine nella “requisitoria” che porta in giro per l’Italia.
11. Non è vero che il percorso di Moro da via del Forte Trionfale 79 cambiasse sempre, anzi, era sempre lo stesso, con una sola variante in caso di intasamento del traffico. Lo dice il responsabile delle scorte del ministero dell’Interno Guido Zecca, le cui parole Grassi capovolge. (Basta leggere le deposizioni di Zecca e degli abitanti di via Fani).
12. Le BR tagliano le gomme del fioraio Spiriticchio perché non intralci l’agguanto l’indomani, proprio perché sanno che Moro passerà da via Fani perché è quel che risulta dall’inchiesta fatta dalle BR dopo che Bonisoli aveva visto un giorno scendere da lì Moro e la sua scorta. Grassi utilizza pretestuosamente questa conoscenza del «percorso di quella mattina» affermano che le BR erano state avvertite da “qualcuno” (lasciando intendere qualcuno dei servizi).
13. Non è vero che una scorta composta da carabinieri e poliziotti sia «anomala».
14. Non è vero che Leonardi viene ucciso da una pistola 7, 65. L’unica arma certa che colpisce Leonardi è, secondo tutte le perizie, un mitra FNAB 43.
15. Non è vero che i proiettili senza data sparati in via Fani erano riservate a “ Forze Armate non convenzionali”. Ampie prove e documenti provano che appartenevano a normali stock bellici della seconda guerra mondiale.
16. Non è vero che Aldo Moro viene ucciso con 2 colpi silenziati e 9 no. La perizia ha accertato che tutti i colpi furono sparati con il silenziatore.
17. Non è vero che Moro non viene colpito al cuore.
18. Non è vero che don Antonello Mennini sia mai entrato nella prigione di Moro per confessarlo. (Qui si apre un capitolo sulla totale mancanza di conoscenza della storia delle BR, che mai avrebbero compiuto una leggerezza simile).
19. Non è vero, e comunque non è mai stato accertato né si è mai avuta alcuna prova, che il capitano Bonaventura abbia portato il memoriale Moro al generale Dalla Chiesa o abbia sottratto parte di esso.
20. Non è vero che una donna sia passata da via Caetani il 9 maggio con un mazzo di fiori. Né è vero che nel linguaggio dei servizi i fiori indichino il segnale di “servizi in azione”.
21. Non è vero che nel linguaggio dei servizi un foglio bianco formato A4 posto in evidenza in una automobile (nella fattispecie l’Austin Morris di via Fani) indichi “servizi in azione”.
22. Non è vero che per i servizi il termine “invito a pranzo” significhi “stare sul pezzo”.
23. Non è vero che Tullio Moscardi fosse di Gladio: era un reduce della X Mas.
24. Giorgio Conforto non era «il capo del Kgb in Italia», ma un agente.
25. Non è vero che della Austin Morris parcheggiata in via Fani non si sia mai conosciuto il nome di l’avesse parcheggiata. L’auto era stata parcheggiata da Patrizio Bonanni che ha ampiamente chiarito che era andato in via Fani per passare la notte insieme alla sua fidanzata e futura moglie. Affermare che l’Austin Morris (una macchinetta) fosse stata messa dai sevizi lì, in via Fani, per impedire alla 130 di Moro di trovare una via di fuga sulla destra nell’agguato significa avere doti di “preveggenza”: sapere cioè che lì, proprio lì, si sarebbe fermata la 130 – con tutte le variabili che un’azione avrebbe potuto comportare. Che idioti poi questi servizi a usare una macchinetta come quella e non una ben più ingombrante Volvo SW. Idiota anche usare una macchina “di servizio”. Ne sarebbe stata rubata una apposta per quella azione.
26. Il tamponamento della Fiat 128 di Moretti c’è stato. I fendinebbia posticci, in caso di tamponamento, non si rompevano come sostiene l’ignorante (automobilistico) Grassi, ma si piegavano, proprio perché posticci.
27. Non è vero che in via Fani ci fosse un superkiller. Non ce n’era bisogno perché la distanza fra i BR e le macchine era di centimetri, non di metri, e chiunque non avrebbe sbagliato da quella distanza. Ecco anche perché riuscirono a evitare di colpire Moro.
28. Non è vero che «il motorino di Alessandro Marini viene sparato» come dice testualmente Grassi. Il suo parabrezza è infatti intatto, come risulta da una fotografia agli atti.
29. Non è vero che sia stata accertata la veridicità della lettera inviata a La Stampa di Torino dal “moribondo” motociclista Honda nel 2009. È invece facilmente dimostrabile come essa derivi da Piazza delle Cinque lune, film di Martinelli uscito nelle sale 6 anni prima.
30. Non è vero che Camillo Guglielmi, alla data del 16 marzo dell’agguato, facesse parte del Sismi: ci sarebbe entrato solo nell’agosto successivo.
31. Non è vero che il colonnello Guglielmi fosse iscritto alla P2.
32. Non è vero che il colonnello Guglielmi abbia mai subito condanne per la strage di Bologna. (La famiglia Guglielmi ha tutto il diritto di sporgere querela per questa affermazione diffamatoria nei confronti del loro congiunto ormai defunto).
33. Non è vero che «Musumeci mandò Guglielmi in via Fani per proteggere le Br».
34. Il colonnello Guglielmi non è mai stato il “ vice comandante generale di Gladio”.
35. Non è vero che l’ambasciatore sapesse in anticipo che a rapire Moro fossero state le BR. Dice Grassi: «L’ambasciatore inglese in Italia scrisse un telegramma alle 9,10 per informare il premier britannico che le BR avevano rapito Moro, ma le BR rivendicarono l’attentato solo il giorno dopo». Le BR rivendicarono il rapimento con una telefonata effettuata da Valerio Morucci un’ora dopo l’agguato: esattamente alle 10,10.
36. Non è vero che Gallinari abbia mai detto di aver ucciso Moro.
37. Non è vero che in via Fani furono usati mitra AK47 detti Kalasnikov. Nelle perizie balistiche non vi è traccia di questa arma.
38. Non è vero che il pentito di ‘ndrangheta Saverio Morabito affermi che il rullino di Gherardo Nucci perso ritraesse persone esterne alle Br. Morabito aveva solo detto di aver saputo della presenza in via Fani di Antonio Nirta, senza specificare se prima o dopo l’agguato, circostanza che non ha mai trovato alcun riscontro nelle indagini e nei processi.
39. Non è vero che Maria Cristina Rossi, giornalista dell’ Asca, scattò le foto in via Fani: a farle fu il suo ex marito, Gherardo Nucci.
40. Non è vero che secondo la magistratura Moro sia stato tenuto in due prigioni diverse.
41. Non è vero che la magistratura abbia mai indagato sul fatto che tale Gismondi abbia portato bombole di gas in via Gradoli 96.
42. Non è vero che esista un agente di pubblica sicurezza, tale “Felli”, iscritto alla loggia P2.
43. Non è vero che Cutolo si sia mai rifugiato nel palazzo accanto a quello di via Montalcini 8 dove Moro era tenuto prigioniero.
44. Non è vero che Prospero Gallinari abbia scritto il libro “Ho sentito Aldo Moro che piangeva”. L’autore è una persona che usa lo pseudonimo di Dantes Edmond (e non è Gallinari).
45. Non è vero che «Dopo l’agguato, Licio Gelli disse: “Il più è fatto”». Dove si trova questa dichiarazione del capo della P2?
46. Non è vero che la magistratura abbia acquisito come veritiere le affermazioni di Steve Pieczenik sulla uccisione di Moro da parte di Cossiga e Andreotti. L’affermazione «Abbiamo ucciso noi Moro, io, Cossiga e Andreotti» fu successivamente smentita dallo stesso psichiatra americano.
47. Non è vero che Noretta Moro suggerì a Cossiga di cercare via Gradoli a Roma, ma al funzionario del ministero dell’Interno.
48. Non è vero che vigili del fuoco e forze dell’ordine si trovarono in via Gradoli davanti a «una scena raccapricciante». Non c’è nessuna scopa messa in piedi per reggere il citofono della doccia contro una mattonella incrinata, ma è stesa sulla vasca da bagno, come risulta dalle fotografie scattate dalla polizia scientifica.
49. Non è vero che Toni Chicchiarelli fosse «il vice capo della banda della Magliana» né, tantomeno, come Grassi dice in altre sue “orazioni”, «il capo».
50. Che Dalla Chiesa sia stato ucciso per aver letto il memoriale Moro è solo un'ipotesi. Tutte le indagini portano alla pista mafiosa.
51. Non è vero che la segretaria di Mino Pecorelli fosse la moglie di Antonio Varisco, ma Franca Mangiavacca (che era anche la sua donna).
52. Non è vero che il giornalista Mino Pecorelli abbia fatto vedere a Giorgio Ambrosoli il memoriale Moro.
53. Non è vero che «Massimo Carminati ha ucciso Mino Pecorelli». (L’ex Nar ora implicato nella cosiddetta “mafia capitale” fu scagionato da quella accusa e immagino che ora sporgerà querela per questa affermazione).
54. Non è vero che quando è stato ucciso, «Roberto Peci era un ragazzino di 23 anni»: era infatti un prossimo padre di famiglia di 26 anni.
55. Non è vero che sono stati «dimostrati i legami delle BR con mafia, camorra e ‘ndrangheta». (Questa affermazione – se ce ne fosse bisogno – dimostra la totale ignoranza di Grassi sulla storia delle BR).
56. Non è vero che Sergej Sokolov fosse un agente del Kgb, ma uno studente russo, come dimostrato in più libri con un rigore che ne ha spiegato anche il patronimico.
57. Non è vero che sia stato perso un rullino di foto scattate in via Fani da alcun “giornalista dell’ Ansa” . Grassi allude a Gherardo Nucci, che non era un giornalista ma era di professione meccanico.
58. Non è vero che le BR chiesero a Marco Barbone di uccidere Tobagi. (Anche qui Grassi dimostra tutta la sua ignoranza sulla storia delle BR).
59. Non è vero che Morucci abbia mai detto che «Sossi si “sbracò” davanti a noi», semplicemente perché entrerà nelle BR solo due anni dopo il rapimento Sossi. (Ignoranza già conclamata).
60. Non è vero che nella tasca di Valerio Morucci venne ritrovato un biglietto con il numero di telefono del capitano Esposito.
61. Non è vero che la perizia necroscopica su Moro stabilisca la sua uccisione fra le 9 e le 10, ma la sua morte.
62. Non è vero che Moro sia stato ucciso altrove rispetto al garage di via Montalcini. Grassi dice che Moro non fu ucciso nella R4 (ma chissà dove: non lo dice).
63. Non è vero che Moro sia stato in altre “prigioni”. Grassi sostiene questa tesi basandosi sul fatto che la “prigione” di via Montalcini fosse troppo piccola per consentire di mantenere la perfetta funzionalità delle articolazioni, che si accertò con Moro. (Perché mai poi sarebbe stato necessario spostarlo dopo aver preparato quella “prigione” per mesi?)
64. Non è vero che la morte di Maccari sia «misteriosa», ma dovuta a un infarto.
65. Non è vero che Curcio abbia mai affermato che Moretti fosse un infiltrato.
66. Non è vero che, come fa intendere Grassi, il colonnello Umberto Bonaventura fu di fatto ucciso. «Mi dicono giudici seri che esiste un’erba, chiamata digitalis purpurea che avvicinata al corpo di un uomo gli procura un infarto e non lascia traccia». Non è in dubbio la serietà dei giudici…
67. Non è vero che Dalla Chiesta sia stato ucciso dai servizi, per impedirgli di usare – prima o poi – il vero memoriale Moro. La fonte di Grassi sarebbe quel Totò Riina. Cioè il capo di quella mafia indicata appunto da «giudici seri» (non cialtroni, insomma) come la responsabile dell’uccisione del prefetto di Palermo.

Chissà: tra dieci anni un'altra commissione parlamentare d'inchiesta ci dirà che il lavoro di quella precedente è parziale. Le inchieste, d'altra parte sono così. E mi auguro per Grassi che nessuno pensi che ci siano state omissioni volute e malafede. Amen.

Il Castello Edizioni

I miti dei mitici alunni della I D

Prezzo di vendita 15,00

I miti dei mitici alunni della I D

di AA.VV.

«So che ogni interpretazione impoverisce il mito e lo soffoca: coi miti non bisogna aver fretta; è meglio lasciarli depositare nella memoria, fermarsi a meditare su ogni dettaglio, ragionarci sopra senza uscire dal loro linguaggio d’immagini. La lezione che possiamo trarre da un mito sta nella letteralità del racconto, non in ciò che vi aggiungiamo noi dal di fuori».

Italo Calvino

 
Premio Lupo 2016

Prezzo di vendita 20,00

Premio Lupo 2016

di AA.VV.

Quattro parole, “Facciamo un concorso letterario”. La sfida era stata aperta. “Lo chiameremo “Premio Lupo” - dissi, in onore del nostro territorio che, per similitudine, ha visto nello scorso secolo una netta diminuzione della presenza dei suoi abitanti e del braccato animale, migrati a fiotti altrove. Eravamo tutti perplessi e non solo per il nome del concorso... Ma per sfida o per incoscienza intraprendemmo un percorso che, pur essendo molto impegnativo, è ricco di grandi soddisfazioni. Seminare su terreno incolto è sempre impresa ardua, ne sanno qualcosa i nostri contadini, ma a volte loro stessi, scarpe grosse e cervello fino, ci hanno dimostrato di saper ottenere, da incolti e pascoli, grandi risultati. Tanto sta avvenendo per il progetto “Premio Lupo”. Impensabile concepire nel lontano 2006 il ‘raccolto’ del 2016...

 
Donne di carta

Prezzo di vendita 18,00

Donne di carta

di Mara Cinquepalmi

 
Processo farsa: un'invenzione di Terenzio e Molière

Prezzo di vendita 15,00

Processo farsa: un'invenzione di Terenzio e Molière

di Antonella Tedeschi

L’indagine relativa agli aspetti strutturali, linguistici e tematici delle sezioni della fabula terenziana, che maggiormente hanno influenzato la stesura di Molière, gettano luce sulla fucina dove ha lavorato il commediografo francese, che sapientemente ha adattato molteplici elementi e ha ‘confuso’ echi antichi e moderni, dotandoli di stilemi comici personalissimi.

 
Rico Garofalo, una vita per la musica

Prezzo di vendita 20,00

Rico Garofalo, una vita per la musica

di Marcello e Riccardo Garofalo

 


«Il suo rapporto con il piano era una straordinaria relazione d’amore: nelle mani del Maestro il piano subiva una trasfigurazione figurale, da oggetto inanimato ad essere vivente, da strumento musicale a confidente, ad interlocutore, testimone attento delle sue ricerche continue per ottenere brillanti esecuzioni».

Gaetano Zenga

 
TraPassato&Presente

Prezzo di vendita 35,00

TraPassato&Presente

di AA.VV.

Le diverse forme intellettuali della cultura moderna sono debitrici verso la grande esperienza della civiltà antica. Eppure, il modello culturale a centralità umanistica viene ripetutamente esposto al rischio di essere emarginato dalla scuola, poi dall’università, e infine dalla coscienza comune della nazione.

 
Antiquam exquirite matrem

Prezzo di vendita 25,00

Antiquam exquirite matrem

di AA.VV.

Da subito best-seller, alla pari del suo modello, l’Eneide si fa modello essa stessa, entrando nell’immaginario culturale e offrendosi quale inesauribile forziere di esemplarità, analogie, metafore, sentenze. Evidentemente, appartiene al ‘tesoro’ che ne deriva il titolo di questo nostro libro: antiquam exquirite matrem. L’emistichio è, notoriamente, stralciato dal comando del Timbreo a «cercar l’antica madre»: male inteso, l’oracolo fuorvia i Troiani, sicché, la trama che avrebbe potuto / dovuto essere svanisce a causa di (o semmai grazie a) questo fraintendimento, che genera errores e, con gli errores, la ‘vera’ storia del viaggio di Enea. Per altri versi, questa frase ci è parsa emblematica un po’ del lavoro esegetico, che ora spiega, ora tradisce il testo; un po’ di quello degli imitatori, che intendendo o fraintendendo, fanno comunque un testo nuovo.

 
Salvatore Tatarella

Prezzo di vendita 15,00

Salvatore Tatarella

di Natale Labia

«Salvatore, mio fratello, la parte migliore di me, il superamento di me stesso, è sindaco di Cerignola» Pinuccio Tatarella (Cerignola 10.12.1993)

 
Passando di là, gettate un fiore

Prezzo di vendita 15,00

Passando di là, gettate un fiore

di G. Cipriani - A. Tedeschi - V. Vescera

In occasione del I°‭ ‬Centenario della Prima Guerra Mondiale si è voluto recuperare un episodio bellico che ne ha segnato l’incipit‭, ‬all’alba del 24‭ ‬maggio 1915‭: ‬l’affondamento‭, ‬al largo di Vieste‭, ‬del cacciatorpediniere‭ ‬‘Turbine’‭ ‬da parte dell’incrociatore austriaco Helgoland‭. 

 

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di AA.VV.

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Premio Lupo 2015

Prezzo di vendita 20,00

Premio Lupo 2015

di AA. VV.

Il concorso letterario “Premio Lupo” nasce nel 2006 su iniziativa dell’Amministrazione comunale di Roseto Valfortore (FG), quando, al fine di generare novelle da utilizzarsi per la realizzazione di cortometraggi, si ritenne di promuovere un concorso letterario. Perché “Premio Lupo”? Si è voluto intestare il concorso al lupo, abitante supremo, austero e intelligente di questo territorio, in ragione di una comunanza rappresentativa delle diverse realtà presenti sui Monti Dauni (30 comuni).

 
Non domini nostri sed duces

Prezzo di vendita 20,00

Non domini nostri sed duces

di Andrea Musio - Tiziana Ragno - Antonella Tedeschi

«I rapporti di forza tra antico e moderno sembrano pendere in favore della modernità o, per meglio dire, della sua capacità di rifarsi ai modelli modificandone contenuti e connotati. Il presente, insomma, condiziona – è ovvio – la percezione del passato. E, questo, anche in vista della costruzione di identità e immaginari comuni: il ricorso a paradigmi già noti garantisce – o, dovremmo dire, dovrebbe garantire – che si realizzi un’immagine coerente e condivisa dell’attualità. 

 
Foggiani

Prezzo di vendita 15,00

Foggiani

di Gioacchino Rosa Rosa

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 
Il carme su San Michele Arcangelo di Flodoardo di Reims

Prezzo di vendita 20,00

Il carme su San Michele Arcangelo di Flodoardo di Reims

di Francesca Sivo


Il poeta francese condensa gli elementi più significativi della leggenda micaelica di matrice garganica, seguendo l’ordine in cui essa viene narrata nel cosiddetto "Liber de apparitione sancti Michaelis in monte Gargano": l’anonima operetta agiografica che, narrando soprattutto le manifestazioni dell’Arcangelo sul promontorio dauno, rappresenta la leggenda di fondazione del più antico dei luoghi alti dell’Occidente europeo a lui dedicati

 
In nome dell'olio italiano

Prezzo di vendita 25,00

In nome dell'olio italiano

di Colomba Mongiello

 
VelEni

Prezzo di vendita 13,00

VelEni

di Fabio Amendolara

Poteri forti, fortissimi, che muovono soldi, faccendieri e barbe finte, che decidono le sorti energetiche ed economiche del Paese, e che hanno potere di vita e di morte. Un intrigo tutto italiano che ha sullo sfondo l’ombra della mafia siciliana. Personaggi di primo piano della Prima Repubblica, rimasti più o meno nascosti, muovono le pedine su uno scacchiere alla cui base ci sono potere e petrolio; figure importanti, poi annoverate tra i martiri dello Stato, mostrano un’altra faccia e intellettuali considerati tutti d’un pezzo si lasciano condizionare da un padrone o dal denaro. Un testimone importante viene ignorato, con molta probabilità conosceva una parte della storia che è rimasta segreta e che forse lo rimarrà per sempre.

 
Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

Prezzo di vendita 25,00

Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

di Marisa Squillante

Nel volume rifluiscono sette studi che indagano testi legati da un comune filo conduttore, costituito dalla riflessione sul massiccio riuso del classico operato, in modalità differenti, dai secoli della tarda antichità e dell’alto Medioevo.

 
Son'io, Marina

Prezzo di vendita 15,00

Son'io, Marina

di Michele Sisbarra

Marina aveva sempre concepito la vita come un frammento di concretezza nell’immaterialità del nulla. Sì, il nulla, quello che la precede e che sarà dopo di lei, dopo ognuno di noi. Un peso che inconsapevolmente si portava dietro da troppo tempo

 
I racconti del cortile

Prezzo di vendita 15,00

I racconti del cortile

di Alberto Mangano

 Quanto tempo abbiamo trascorso sotto casa, chi in un cortile, chi in mezzo alla strada! Quante giornate ci son sembrate noiose perché esattamente l’una uguale all’altra! Eppure proprio quelle giornate sono risultate fondamentali per la nostra crescita, quella che ci ha permesso di arrivare ad essere come quegli adulti che allora osservavamo con distacco e ammirazione al tempo stesso.

 
Follia d'amore

Prezzo di vendita 20,00

Follia d'amore

di Francesca Sivo

In che modo bisogna amare? Perché mai l’essere umano è spinto ad andare alla ricerca di una passione erotica che gli provoca sofferenza e che la ragione, invece, senza appello condanna?

 
Il lumicino della Speranza

Prezzo di vendita 12,00

Il lumicino della Speranza

di Piero Cicolella

La storia d’amore tra Mattia e Carol è sconvolta da un evento lieto ma allo stesso tempo tragico, che ne cambierà radicalmente la vita sentimentale. Solo grazie alla forza della speranza e al loro grande amore i due protagonisti riusciranno ad affrontare e superare le avversità della vita.

 
Un invito, poi un viaggio

Prezzo di vendita 15,00

Un invito, poi un viaggio

di Alessia Roberta Scopece

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 
Il Foggia del '76

Prezzo di vendita 15,00

Il Foggia del '76

di Giuseppe Baldassarre - Domenico Carella

«Di quel campionato vinto dal Foggia di Balestri ricordo due promettenti giovani della primavera: Corrado Tamalio, lanciato in casa contro la Reggiana, che fece esplodere lo Zaccheria con un gol superbo all’esordio, e Moreno Grilli, che firmò a La Favorita il gol che valse l’1-1 contro il Palermo. Due ragazzi, Tamalio e Grilli, che Roberto Balestri aveva allevato con la mollichella al Florio, centro di allenamento della formazione Primavera. Entrambi hanno fatto una buona carriera e io li ricordo con molto affetto».

 

 
Premio Lupo 2015 - Sezione Pittura

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo 2015 - Sezione Pittura

di AA.VV.

La pittura, in tutte le sue espressioni, rappresenta il linguaggio comune di tutte le arti attraverso il tempo della creatività umana. Se osserviamo i grandi capolavori, ci rendiamo conto che in essi troviamo tante suggestioni, emozioni, ricordi, nonché un forte senso di compattezza, una costante circolazione di idee sempre innovative e una enorme quantità di modelli figurativi...

 
Premio Lupo 2016 - Sezione pittura

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo 2016 - Sezione pittura

di AA. VV.

«L’arte è capace di esprimere e rendere visibile il bisogno dell’uomo di andare oltre ciò che si vede, manifesta la sete e la ricerca dell’infinito. Anzi, è come una porta aperta verso l’infinito, verso una bellezza e una verità che vanno al di là del quotidiano. E un’opera d’arte può aprire gli occhi della mente e del cuore, sospingendoci verso l’alto». (Papa Benedetto XVI)

 
Sono solo uno che fa click

Prezzo di vendita 35,00

Sono solo uno che fa click

di Michele Sepalone

Un fotoracconto di Foggia, dei suoi cittadini e dei momenti salienti che la città ha vissuto negli ultimi anni. Dai paesaggi di rara bellezza, all'impegno civico, al mondo della cultura e del teatro, Sepalone racconta attraverso i suoi scatti cos'è Foggia attraverso le sue infinite sfaccettature

 
Vernacolo in musica 2

Prezzo di vendita 25,00

Vernacolo in musica 2

di Alfredo Amatruda - Sereno Labbozzetta

Questo secondo volume di raccolta di canzoni in dialetto foggiano completa il primo "Vernacolo in Musica" e ha ancora una volta il merito di mettere in mostra pregevoli testi dei poeti dialettali Marisa Amatruda, Osvaldo Anzivino, Alfredo Ciannameo, Giuseppe Esposto, Raffaele Lepore, Urbano Marano, Guido Mucelli, Raffaele Pagliara, Ottavio De Stefano, Amelia Rabbaglietti, Raffaele Ventura, nonché - oltre ovviamente a Sereno Labbozzetta e Alfredo Amatruda - i compositori Ferdinando e Rico Garofalo e la stessa Mariateresa Labbozzetta. Un vero patrimonio culturale che abbraccia ormai un secolo e che va aggiornato e rivalutato.

 
Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

Prezzo di vendita 25,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di AA.VV.

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Virgilio sul set

Prezzo di vendita 20,00

Virgilio sul set

di Andrea Musio

Se un classico si riconosce - come affermava Calvino - anche perché «non ha mai finito di dire quel che ha da dire», cosa avviene quando il classico più vitale e rappresentativo della latinità incontra il linguaggio contemporaneo più diffuso e prolifico? Quali sono gli avvincenti processi di riscrittura intervenuti fra i versi virgiliani e la loro trasposizione sul grande schermo? 

 
FOREVER

Prezzo di vendita 15,00

FOREVER

di Michele Panunzio

Questo libro è il frutto di un serio corteggiamento: tra Michele Panunzio, l'autore, e i suoi tantissimi e attentissimi lettori che ogni domenica mattina lo aspettano al varco di internet per leggere un suo nuovo post del blog "Forever" che tiene su "Il Mattino di Foggia"

 
Verba puerpera

Prezzo di vendita 20,00

Verba puerpera

di Giovanni Cipriani

 


L’inventario delle situazioni che controllano il momento del parto in Roma antica si sostanzia in uno stupefacente deposito di superstizioni e di ricette, in cui la magia spadroneggia con i suoi principi di carattere analogico e simpatetico e di cui il folklore locale conserva vivida traccia; non mancano altresì le specifiche ‘parole del parto’, connotate - ieri come oggi - da un sofferto intreccio di paura e di fede, com’è naturale nei delicati ‘riti di passaggio’.

 
Forever 2018

Prezzo di vendita 20,00

Forever 2018

di Michele F. Panunzio


«La prevenzione nutrizionale è la più potente medicina, ma non ama la solitudine; ancelle le sono tutte le altre discipline mediche. Si accontenta di stare in disparte, ma in cuor suo sa di essere la padrona di casa per accogliere tutti. Non è esclusiva, né ha la puzza sotto il naso. La collettività e l’individuo, il gruppo e il singolo, i sani e i malati, la prevenzione nutrizionale è per tutti ed è per sempre»

 
Multas per gentes: il confronto con l'altro

Prezzo di vendita 20,00

Multas per gentes: il confronto con l'altro

di AA.VV.

«A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che “ogni straniero è nemico”. Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente; [...] quando questo avviene, [...] allora, al termine della catena, sta il Lager» (Primo Levi, Se questo è un uomo, 1947).

 
Ciccio Patino

Prezzo di vendita 20,00

Ciccio Patino

di Domenico Carella

Patino era un’ala di quelle di un tempo mai passato di moda che vivevano ai confini del rettangolo; quasi una sorta di reclusi dentro una striscia piccolissima di campo, per preparare poi gli scatti, i dribbling e gli allunghi, i cross per le teste dorate di Nocera e Oltramari, di Matteo Rinaldi che avanzava ad ogni calcio d’angolo come gli capitò di fare, tra l’incredulità collettiva, a Firenze nel debutto assoluto in serie A, segnando un gol che ammutolì lo stadio.

 
Il ruolo della Scuola nella tradizione dei classici latini

Prezzo di vendita 40,00

Il ruolo della Scuola nella tradizione dei classici latini

di AA.VV.

Non si può non convenire sul fatto che l’analisi del Fortleben dei classici nel loro impiego scolastico costituisce una ulteriore occasione di riflessione sulla capacità impressionante degli antichi di precorrere i tempi anche in una sfera nevralgica e quanto mai attuale come quella didattica.

 
La grandezza dei nani

Prezzo di vendita 7,00

La grandezza dei nani

di Raffaele di Mauro

 
In nome dell'olio italiano

Prezzo di vendita 25,00

In nome dell'olio italiano

di Colomba Mongiello

Un prodotto agroalimentare assolutamente tipico dell'Italia: l'olio. Una parlamentare appassionata e caparbia: Colomba Mongiello. 5 anni di lavoro per una giusta causa: tutelare la qualità e l'identità dell'extravergine made in Italy.

 
Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di Sergio Audano - Giovanni Cipriani (a cura di)

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Metamorfosi di metamorfosi

Prezzo di vendita 25,00

Metamorfosi di metamorfosi

di G. M. Masselli - F. Sivo (a cura di)

In occasione del bimillenario della morte di Ovidio, si è tenuto a Foggia un convegno dedicato alle ‘meraviglie letterarie’ che il poeta delle "Metamorfosi" ha compiuto e, attraverso la penna di altri autori, continua ancora a compiere. Questo volume ne raccoglie i frutti: un viaggio affascinante, alla scoperta del potere generativo e trasformativo della scrittura, per ascoltare, ancora una volta, la voce di un Classico e non dimenticare.

 
Le storie dei SIAN

Prezzo di vendita 15,00

Le storie dei SIAN

di AA.VV.

Interviste ai direttori del Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione a margine del III Seminario Nazionale "Integrazione tra sicurezza alimentare e nutrizionale" (Foggia, 5-7 maggio 2016)