I libri che liberano le tue emozioni

Best Sellers

L'iniziativa

Il castello di Deliceto a portata di "app"

Inaugurazione della ‘Sala del Camino’ e presentazione dell’app ‘Il Castello di Deliceto: un racconto digitale alla portata di tutti’ dell’associazione ‘HericoolDigitools’ nata grazie al finanziamento di ‘Bollenti Spiriti – Principi Attivi’

Una

Una

L’associazione, composta dai foggiani Lorenzo Baldassarro, Andrea Fratta e Cristiano Moscaritolo, ha stipulato con il Comune di Deliceto una convezione e un patrocinio a titolo gratuito per proseguire il lavoro di ricerca e approfondimento sul castello di Deliceto. La forma grafica e narrativa di un libro ma su un motore grafico tipico di un app da smartphone e tablet, capace quindi di sfruttare nuove tecnologie e con contenuti speciali come le sezioni dei reperti in formato 3D.

 

Si svolgerà il 20 settembre alle ore 18.30 l’inaugurazione della ‘Sala del Camino’ del Castello di Deliceto e, contestualmente, l’associazione ‘Hericool Digitools’ presenterà l’app “Il Castello di Deliceto” nata grazie al finanziamento “Bollenti Spiriti - Principi Attivi 2012” della Regione Puglia, assessorato alle Politiche Giovanili. L’associazione, composta da Lorenzo Baldassarro, Andrea Fratta, Cristiano A. Moscaritolo, ha stipulato con il comune di Deliceto, nella persona del sindaco Antonio Montanino, dell’sssessore alla Cultura Michele Biccarino e all’sssessore ai Lavori Pubblici Alessandro Capano,una convezione e un patrocinio a titolo gratuito per proseguire il lavoro di ricerca e approfondimento sul Castello di Deliceto.

‘Il Castello di Deliceto’ ha  la forma grafica e narrativa di un libro ma su un motore grafico tipico di un app da smartphone e tablet, capace quindi di sfruttare nuove tecnologie e con contenuti speciali come le sezioni dei reperti in formato 3D.

"Nell’immaginario collettivo il settore dei Beni Culturali rappresenta l’antitesi delle nuove tecnologie, chiuso in polverose biblioteche, spesso ridotto in pessime condizioni. All’incuria che purtroppo minaccia il patrimonio italiano, della Puglia ed in particolare del contesto della Daunia, si aggiunge la perdita di contatto e di conoscenza nei confronti del patrimonio culturale.Avvalersi di strumenti innovativi ed interattivi di comunicazione caratterizzati da una spiccata vocazione per l’edutainment, può essere una pratica per sopperire alle operazioni di valorizzazione, che seppur necessarie, richiedono un ingente sforzo in termini di risorse e di tempi", affermano Fratta, Baldassarro e Moscaritolo.

"Lo sviluppo dell’app ‘Il Castello di Deliceto’ prosegue il lavoro già svolto in precedenza dallo stesso team di ricerca e in collaborazione con l’Università degli Studi di Foggia, Dipartimento di Studi Umanistici, il Laboratorio di Archeologia Digitale e Medievale e il Comune di Deliceto ossia “History HUB” che permette all’utente di ‘passeggiare’ nel Castello ed accedere in maniera dinamica a tutta una serie di informazioni che descrivono i principali momenti di vita della fortificazione. Durante la navigazione - spiegano i ragazzi che si sono formati nell'Università del capoluogo dauno - il visitatore potrà intercettare piccole torri stilizzate, cheal contatto attiveranno delle schede informative, oppure potrà visitare la mostra fotografica con scatti deglistudiosi tedeschi Haseloff e Wackernagel e persino ammirare gli interni dell’intera torrecircolare detta del “Parasinno”.Questo progetto  è nato con l’obiettivo di far conoscere un gioiello di Capitanata, come il Castello di Deliceto, un patrimonio da rivalutare e da far valorizzare, grazie all’impiego di tecnologie che possano rendere la visita più agevole e soprattutto possano stimolare il coinvolgimento, il ricordo e l’apprendimento degli utenti", concludono i rappresentanti dell'associazione.

L’app ‘Il Castello di Deliceto’ è disponibile gratuitamente su Google Play Store per dispositivi Android e su Apple Store per dispositivi IOS.