Martedì 01 Dicembre 2020

Ultime News da il corriere

Rubrica di legge e di miti (1): gli atti persecutori

Persecuzioni amorose: Apollo e Zeus predatori e stalker

Dafne e Nemesi, una ninfa e una divinità costrette a una fuga ad armi impari, senza possibilità di scampo

Persecuzioni amorose: Apollo e Zeus predatori e stalker

Apollo e Dafne di Bernini

Comincia oggi una rubrica settimanale che interpreta i miti alla luce della legislazione vigente in Italia. Spesso infatti nei racconti greci si trovano prefigurati gli archetipi di alcuni reati. La mitologia fornisce immagini suggestive dei comportamenti umani, aiutando il lettore a conoscerne meglio l'animo e fornendo dei paradigmi immediati cui rivolgersi.

Apollo: «Non sono un nemico, è per amore che ti inseguo»
Ovidio


NELLA lingua greca il termine dàfne (δάφνη) indica la pianta dell’alloro. Le fonti antiche ne testimoniano un uso assai vario: di ornamento nell’Odissea, nautico nelle Argonautiche di Apollonio Rodio, magico nel mimo urbano le Incantatrici di Teocrito, dove entra a far parte del rito compiuto da Simeta (v. 23).

L’alloro è, però, soprattutto conosciuto per essere la pianta sacra ad Apollo. Il poeta greco di settimo secolo Esiodo, nella Teogonia, racconta di aver ricevuto l’investitura poetica dalle «Muse dell’Olimpo» proprio accettando da queste «un ramo di florido alloro», creando così un precedente tale per cui l’alloro (in latino laurus) darà il nome alla nostra "laurea" (durante la quale non di rado una folta corona di alloro svetta sul capo del laureato). La denominazione greca, secondo il mito, si deve alla bellissima quanto sfortunata ninfa Dàfne, Δάφνη, (il termine latino laurus pare derivi da alcune varianti dialettali della parola dàfne, in particolare da làfne, λάφνη). Ella era probabilmente figlia del fiume Ladone e di Gea, la Terra, ma in altre fonti viene i genitori sono il fiume tessalo Peneo e la ninfa Creusa: del mito, come spesso accade, esistono diverse versioni, che non ne mutano comunque la sostanza. Nelle sue linee essenziali è raccontato dal mitografo Igino, autore di 277 Fabulae: 



«Poiché Apollo perseguitava Dafne, figlia del fiume Peneo, quella chiese aiuto alla Terra, che la accolse in sé e la trasformò nella pianta dell’alloro. Apollo allora staccò un ramo da lì e se la mise sul capo».


Fab. 203



Il mito è conosciutissimo, ma in questa rubrica il focus si sposta su un dettaglio finora poco approfondito: il verbo latino persequi, utilizzato da Igino, è qui inteso come "perseguitare". Questo è il primo elemento per proporre un’ulteriore chiave di lettura, rispetto all’interpretazione classica che legge nel mito di Apollo e Dafne un’opposizione fra desiderio sessuale e castità. Esso può essere considerato il primo esempio nella letteratura occidentale di quel reato che oggi ha il nome di stalking, definito nella legislazione italiana, all’articolo 612 bis del codice penale:

«è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque con condotte reiterate minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura, ovvero, da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva, ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita. La pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge, legalmente separato o divorziato o da persona che sia stata legata da relazione affettiva, ovvero se il fatto è commesso attraverso strumenti informatici o telematici. La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, donna in stato di gravidanza, in stato di disabilità (…) ovvero con armi o da persona travisata».



La legge parla di condotte reiterate di minaccia o molestia nei confronti dell’altro, di stato di ansia e paura per la propria incolumità da parte della vittima, di cambiamento forzato delle proprie abitudini di vita: ebbene, il poeta latino Ovidio, nel suo suggestivo racconto del mito di Apollo e Dafne nelle Metamorfosi (I, 452 - 567), confermerà la presenza dei tre elementi su citati. Il racconto ovidiano si apre con l’antefatto: Cupido, dio dell’amore, per vendicarsi di essere stato preso in giro da Apollo forgerà due frecce, una con il potere di far innamorare chi ne fosse colpito, l’altra di effetto contrario:

«È d’oro, la freccia che induce [l’amore], e ha una punta affilata, lucente; è smussata, la freccia che scaccia, e sotto la canna è di piombo. Con questa il dio trafisse la ninfa, la figlia del Peneo; con l’altra ferì, trapassandogli le ossa, Apollo al midollo. E subito lui s’innamora».



Ovidio, a monte, giustifica il comportamento di Apollo, facendolo apparire indotto da Cupido: la giustificazione del reato di stalking ancora oggi avviene sulla stampa, spesso poco oggettiva nell’individuazione di colpe che, quasi sempre, vengono fatte ricadere sulla vittima. 

Dafne, però, custodisce gelosamente la propria castità:



«Lei fugge anche il nome di amante; non cerca che il folto dei boschi e le pelli strappate alle bestie che ha preso, seguendo l’esempio della vergine sorella di Febo [Artemide], nemica alle nozze. In molti l’hanno pretesa; ma lei, i pretendenti, li sprezza; insofferente degli uomini e libera, va a rifugiarsi nei boschi deserti: che siano Imene, l’amore, le nozze, non vuole saperlo». 



Condotte reiterate di minaccia o molestia nei confronti dell’altro



Il primo a "molestare" in maniera reiterata Dafne è proprio il padre, che vuole imporle il matrimonio e la maternità. Alla fine, di fronte alla supplica della figlia, il genitore le concede l’assenso circa il rifiuto del matrimonio, ma Ovidio avverte la ninfa e il lettore che la sua bellezza le impedirà di realizzare il desiderio: in qualche modo, giustifica le pretese su Dafne, troppo bella per restare pura.



«Suo padre ripete: "Mi devi un genero, figlia". E ripete: "Mi devi, figlia, dei nipoti". Ma lei, che aborrisce le fiaccole nuziali come un delitto, ogni volta arrossisce di vergogna nel volto bellissimo e, buttando le braccia supplichevoli al collo del padre: "Concedimi, padre amatissimo", diceva "che io goda in eterno la verginità, come a Diana l’ha concesso un tempo suo padre". Per lui, consente; ma è proprio la tua bellezza a impedirti di fare quello che vuoi: la tua grazia si oppone al tuo voto».



Ma per Dafne non c’è pace: dopo aver sconfitto le pretese avanzate dal padre, inizia il folle inseguimento di Apollo. «Phoebus amat, cupit». I verbi utilizzati da Ovidio indicano proprio il «desiderare qualcuno per amore». A conferma è possibile trovare l’efficace similitudine che paragona lo stato di forte desiderio del dio all'immediato accendersi delle stoppie o di una siepe a contatto con il fuoco:



«Febo ama: brama di unirsi a Dafne da quando l’ha vista, e spera in ciò che brama; lo inganna il suo dono profetico. E come, mietute le spighe, si dà fuoco alle stoppie leggere, come brucia una siepe se capita di accostarvi troppo la torcia un passante, o buttarla da parte, una volta spuntato il mattino, così il dio va in fiamme, così tutto il cuore gli avvampa e nutre il suo sterile amore di speranze».



Ovidio descrive anche i pensieri intimi di Apollo e il suo desiderio del corpo di Dafne: con una tecnica quasi cinematografica sembra che la telecamera si fissi di volta in volta su una parte del corpo della ninfa, che diventa quasi un’ossessione: «Vedere non basta».



«Le guarda i capelli scendere, trascurati, giù per il collo e si dice: “che capelli, a curarli!”. Le vede risplendere un fuoco negli occhi, simili a stelle, le vede la bocca; ma vedere non basta. Le ammira le dita e le mani, i polsi e le braccia, nude oltre il gomito; i punti nascosti li immagina ancora più belli».



I pensieri di Apollo diventano sempre più morbosi, alimentati inconsapevolmente dal diniego. Iniziano i tentativi verbali di convincere Dafne sempre più martellanti: «Non sono un nemico, non voglio farti del male, ti inseguo per amore, non sai da chi fuggi, sono figlio di Giove, non è colpa mia se sono innamorato, se scappi ti farai male, non voglio essere causa di dolore».



«Più lesta dell’aria leggera lei fugge e non vuole arrestarsi se lui la richiama: "Ninfa, ti supplico, figlia del Peneo, ferma il passo. A inseguirti non è un nemico. Fermati, ninfa! A scappare così è l’agnella dal lupo, la cerva dal leone, con ali tremanti le colombe dall’aquila, ognuna dal proprio nemico. Io t’inseguo, infelice che sono, per forza d’amore. Temo che nella corsa tu inciampi e cada e i rovi graffino le tue gambe che non meritano ferite e che proprio io divenga per te causa di dolore! I luoghi che attraversi sono aspri; Ti prego, rallenta la corsa, frena la fuga; anche io ti verrò dietro più lento. Ma devi sapere chi è a volerti: io non vivo in montagna, non sono un rozzo pastore, non capito qui a pascolare un gregge o un armento. Non sai, pazza, non sai da chi fuggi: per questo mi fuggi. (…) Giove è mio padre (…). La mia freccia va a segno, ma un’altra va più infallibile a segno: mi ha fatto lei questa piaga, nel petto fin qui senza amori. (…)"».



Nell’inseguimento cambiano gli appellativi riservati a Dafne apostrofata inizialmente con «Ninfa», poi con “temeraria” qui reso con «pazza», mentre Apollo si definisce “miser”, aggettivo usato dai poeti latini quando soffrono le pene d’amore. La fuga non fa altro che accendere ancor più il dio nel suo desiderio, Ovidio scrive, riportandone i pensieri: «La fuga l’ha resa più bella». 
Infine, non riuscendo a persuaderla con le parole, sempre più eccitato dal desiderio, Apollo si avvale della sua superiorità, come un levriero celtico si scaglia su una lepre:

«Ma rinuncia a sprecare altro fiato, il giovane dio, per sedurla: a spronarlo c’è amore in persona, così affretta il passo a inseguirla. Al modo in cui vede una lepre in campo aperto un levriero celtico e corre a cercare lui la preda, ma lei la salvezza, e convinto di stare per prenderla, l’uno conta di averla fra un attimo e allarga le fauci per azzannarle le zampe, ma l’altra gli sfugge tra i denti lasciandosi indietro quel morso che già la costringe e non sa se sia o non sia prigioniera, così corrono il dio e la ragazza (…)».



Stato di ansia e paura per la propria incolumità da parte della vittima

Ovidio, con la similitudine del levriero celtico e della lepre, ha introdotto anche lo stato d’animo di Dafne, finora non analizzato, che descriverà in modo efficace con absumptis viribus, expalluit, victa labore fugae (dissipate le forze, sbiancò in viso, vinta dalla fatica della fuga). Si potranno facilmente individuare nei versi seguenti lo stato d’ansia e timore per la propria incolumità descritti nel 612 bis del codice penale:

«Sospinto dalla speranza lui, spinta lei dal terrore. Ma le ali d’Amore sostengono quello che insegue: non le dà tregua, è più rapido e già le sta addosso, mentre lei scappa, alla schiena ansandole dentro i capelli sparsi sul collo. Dissipate le forze, sbiancò in viso, vinta dalla fatica della fuga ».



Cambiamento forzato delle proprie abitudini di vita

Dafne, in preda al terrore e allo stremo delle forze, invoca il padre di far svanire la sua bellezza, che anche lei ritiene la causa di questo eccessivo desiderio. Subirà così una definitiva metamorfosi, un cambiamento forzato e irreversibile delle sue sembianze e abitudini di vita, morendo in qualche modo alla vita umana e divenendo una pianta. Ovidio utilizza il verbo occupare, “impossessarsi, afferrare”, proprio per sottolineare quanto ostilmente la metamorfosi assalga Dafne, unica salvezza da un amore indesiderato, ma pur sempre aggressiva e distruttrice. In questo si può, con molta probabilità, intravedere la morte interiore ed il cambiamento esteriore delle vittime di stalking. Ma l’ossessione di Apollo non si placa neanche dopo la metamorfosi di Dafne, una vittima che non può in alcun modo salvarsi:

«Ma vede le onde del Peneo e lo invoca: “soccorrimi, padre! Se in voi c’è potere divino, fiume, trasforma e smarrisci questa bellezza che ha acceso un amore eccessivo”. Appena ha finito la supplica la invade un pesante torpore le membra, una lieve corteccia le cinge il morbido seno, i capelli si levano in foglie, le braccia si drizzano in rami, i piedi fin lì così rapidi si fissano in lente radici, la chioma le invade la faccia: non resta di lei che il fulgore. Anche così Febo l’ama e posando la mano sul tronco lo sente il cuore che palpita, sotto la nuova corteccia. Le stringe ai rami le braccia, come se fossero membra, le copre il legno di baci: ma il legno respinge i suoi baci». 
Un lieto fine? Non di certo. Dafne è diventata un vegetale, la sua volontà è stata annientata. Apollo ha vinto. 
Il dio: «“Se è vero”, le disse, “che non posso più averti per sposa, sarai, se non altro, il mio albero: ti porterò sempre addosso, alloro, dentro i capelli, sulla cetra e la faretra. Ai condottieri del Lazio farai compagnia nel Trionfo intonato da un coro festoso, e cortei interminabili vedrà il Campidoglio. Davanti alle porte di Augusto monterai fedelissima guardia, proteggendo la quercia nel mezzo; e come io non mi taglio i capelli, e la mia è la testa di un giovane, anche tu porterai l’ornamento di foglie perpetue”. Pean [Apollo] tacque; l’alloro annuì con i rami spuntati, e gli parve accennare col vertice, come se fosse una testa».



La legge parla, infine, di pena aumentata se il danno è commesso da parenti e coniugi e se la persona che commette il reato sia travisata. Il mito di Apollo e Dafne non offre questi spunti, tuttavia è possibile ritrovarli nel racconto della fuga di Nemesi da Zeus. Un frammento dei Canti Ciprii racconta:



«Non mi sfugge (…) che il poeta dei Canti Ciprî (…) rappresenta Nemesi inseguita da Zeus e trasformata in pesce in questi versi: “Dopo costoro [ovvero Castore e Polluce] per terza generò Elena, meraviglia tra i mortali. Nemesi dalle belle chiome, unitasi in amore con Zeus, re degli dei, la generò sotto una violenta costrizione; Fuggiva, non voleva essere mescolata in amore al padre Zeus Cronide. Infatti era tormentata in cuore dal pudore e dall’indignazione. Per la terra e per l’infeconda, nera acqua fuggiva, ma Zeus la inseguiva, desiderava fortemente nel cuore di prenderla, una volta nell’onda del mare che forte ruggisce, sconvolgendo il vasto mare, lei che era nelle sembianze di un pesce, una volta sino al fiume Oceano e ai confini della terra, un’altra sulla terra dalle fertili zolle, si trasformava sempre in quante bestie terribili la terra nutre, per fuggirlo». 



Inseguire donne contro la loro volontà pare essere un vizio di famiglia. Non si possiede, per questo antico racconto, una descrizione dettagliata quanto quella ovidiana, ma il frammento contiene tutti gli elementi riscontrati nel reato di stalking. Con le aggravanti: Zeus è parente di Nemesi (padre o zio) e la possiede sotto mentite spoglie. Eh già, l’inseguimento, anche questa volta, va a buon fine. Nemesi, che in greco vuol dire “vendetta”, genererà Elena, che causerà la decennale guerra di Troia. Ma questa è un’altra storia.

Il Castello Edizioni

Foggiani

Prezzo di vendita 15,00

Foggiani

di Gioacchino Rosa Rosa

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 
Forever 2018

Prezzo di vendita 20,00

Forever 2018

di Michele F. Panunzio


«La prevenzione nutrizionale è la più potente medicina, ma non ama la solitudine; ancelle le sono tutte le altre discipline mediche. Si accontenta di stare in disparte, ma in cuor suo sa di essere la padrona di casa per accogliere tutti. Non è esclusiva, né ha la puzza sotto il naso. La collettività e l’individuo, il gruppo e il singolo, i sani e i malati, la prevenzione nutrizionale è per tutti ed è per sempre»

 
I miti dei mitici alunni della I D

Prezzo di vendita 15,00

I miti dei mitici alunni della I D

di AA.VV.

«So che ogni interpretazione impoverisce il mito e lo soffoca: coi miti non bisogna aver fretta; è meglio lasciarli depositare nella memoria, fermarsi a meditare su ogni dettaglio, ragionarci sopra senza uscire dal loro linguaggio d’immagini. La lezione che possiamo trarre da un mito sta nella letteralità del racconto, non in ciò che vi aggiungiamo noi dal di fuori».

Italo Calvino

 
Salvatore Tatarella

Prezzo di vendita 15,00

Salvatore Tatarella

di Natale Labia

«Salvatore, mio fratello, la parte migliore di me, il superamento di me stesso, è sindaco di Cerignola» Pinuccio Tatarella (Cerignola 10.12.1993)

 
Son'io, Marina

Prezzo di vendita 15,00

Son'io, Marina

di Michele Sisbarra

Marina aveva sempre concepito la vita come un frammento di concretezza nell’immaterialità del nulla. Sì, il nulla, quello che la precede e che sarà dopo di lei, dopo ognuno di noi. Un peso che inconsapevolmente si portava dietro da troppo tempo

 
Antiquam exquirite matrem

Prezzo di vendita 25,00

Antiquam exquirite matrem

di AA.VV.

Da subito best-seller, alla pari del suo modello, l’Eneide si fa modello essa stessa, entrando nell’immaginario culturale e offrendosi quale inesauribile forziere di esemplarità, analogie, metafore, sentenze. Evidentemente, appartiene al ‘tesoro’ che ne deriva il titolo di questo nostro libro: antiquam exquirite matrem. L’emistichio è, notoriamente, stralciato dal comando del Timbreo a «cercar l’antica madre»: male inteso, l’oracolo fuorvia i Troiani, sicché, la trama che avrebbe potuto / dovuto essere svanisce a causa di (o semmai grazie a) questo fraintendimento, che genera errores e, con gli errores, la ‘vera’ storia del viaggio di Enea. Per altri versi, questa frase ci è parsa emblematica un po’ del lavoro esegetico, che ora spiega, ora tradisce il testo; un po’ di quello degli imitatori, che intendendo o fraintendendo, fanno comunque un testo nuovo.

 
Ama ciò che fai

Prezzo di vendita 15,00

Ama ciò che fai

di Michele F. Panunzio

Il cuore è la sede dell’intelligenza, la tavola quella dell’amore e della condivisione. E quando il cuore incontra la tavola tutto assume un sapore nuovo: il cibo, l’amicizia, l’amore e la salute. Il nostro rapporto con il cibo nasconde una dimensione spirituale che, quando trova un suo giusto equilibrio, nutre corpo e anima. Ama ciò che fai. La prevenzione nutrizionale dal cuore alla tavola è un libro per tutti. In borsa o a lavoro, a casa o in ufficio, non importa: chiunque merita di averlo con sé ovunque sia.

Antonio Russo (Presidenza Nazionale ACLI)

 
Follia d'amore

Prezzo di vendita 20,00

Follia d'amore

di Francesca Sivo

In che modo bisogna amare? Perché mai l’essere umano è spinto ad andare alla ricerca di una passione erotica che gli provoca sofferenza e che la ragione, invece, senza appello condanna?

 
In nome dell'olio italiano

Prezzo di vendita 25,00

In nome dell'olio italiano

di Colomba Mongiello

Un prodotto agroalimentare assolutamente tipico dell'Italia: l'olio. Una parlamentare appassionata e caparbia: Colomba Mongiello. 5 anni di lavoro per una giusta causa: tutelare la qualità e l'identità dell'extravergine made in Italy.

 
La grandezza dei nani

Prezzo di vendita 7,00

La grandezza dei nani

di Raffaele di Mauro

 
FOREVER

Prezzo di vendita 15,00

FOREVER

di Michele Panunzio

Questo libro è il frutto di un serio corteggiamento: tra Michele Panunzio, l'autore, e i suoi tantissimi e attentissimi lettori che ogni domenica mattina lo aspettano al varco di internet per leggere un suo nuovo post del blog "Forever" che tiene su "Il Mattino di Foggia"

 
Il socialista

Prezzo di vendita 30,00

Il socialista

di Gioacchino Albanese

Che importa la differenza tra amore e rivoluzione, se si viene ugualmente trascinati per passione da uno o da entrambi tanto da dedicarvi la vita. Il giovanissimo Peppino Di Vittorio e la sua compagna Lina, lui quindici, lei tredici anni, braccianti e figli di braccianti, pervasi da un giovanilissimo senso di giustizia sociale e da una voglia innata di cambiare il mondo, attuano un’istintiva ribellione verso le convenzioni sociali in un momento storico in cui, soprattutto nel meridione, la volontà di cambiamento è a rischio di repressione da parte dello Stato liberale che per reazione mette in atto eccidi proletari. 

 
Premio Lupo 2016 - Sezione pittura

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo 2016 - Sezione pittura

di AA. VV.

«L’arte è capace di esprimere e rendere visibile il bisogno dell’uomo di andare oltre ciò che si vede, manifesta la sete e la ricerca dell’infinito. Anzi, è come una porta aperta verso l’infinito, verso una bellezza e una verità che vanno al di là del quotidiano. E un’opera d’arte può aprire gli occhi della mente e del cuore, sospingendoci verso l’alto». (Papa Benedetto XVI)

 
Il ruolo della Scuola nella tradizione dei classici latini

Prezzo di vendita 40,00

Il ruolo della Scuola nella tradizione dei classici latini

di AA.VV.

Non si può non convenire sul fatto che l’analisi del Fortleben dei classici nel loro impiego scolastico costituisce una ulteriore occasione di riflessione sulla capacità impressionante degli antichi di precorrere i tempi anche in una sfera nevralgica e quanto mai attuale come quella didattica.

 
Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di AA.VV.

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Le storie dei SIAN

Prezzo di vendita 15,00

Le storie dei SIAN

di AA.VV.

Interviste ai direttori del Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione a margine del III Seminario Nazionale "Integrazione tra sicurezza alimentare e nutrizionale" (Foggia, 5-7 maggio 2016)

 
Eroi, dèi, condottieri

Prezzo di vendita 40,00

Eroi, dèi, condottieri

di Grazia Maria Masselli - Francesca Sivo (a cura di)

Terreno privilegiato di ‘intertestualità’ e di ‘multimedialità’, il mito costituisce il campo di indagine che, più di ogni altro, consente una fruizione comparativa dei testi classici: il confronto con opere (non soltanto letterarie) distanti fra loro nel tempo e nello spazio stimola, infatti, la ricerca delle “permanenze” quale viatico indispensabile per interpretare le variazioni subìte da uno stesso thema nel passaggio da un’epoca all’altra, da un’area geografica all’altra, da un linguaggio all’altro, creando occasioni di arricchimento multidisciplinare e di approfondimento dei meccanismi regolativi della cosiddetta “traduzione intersemiotica”.

 
Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

Prezzo di vendita 25,00

Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

di Marisa Squillante

Nel volume rifluiscono sette studi che indagano testi legati da un comune filo conduttore, costituito dalla riflessione sul massiccio riuso del classico operato, in modalità differenti, dai secoli della tarda antichità e dell’alto Medioevo.

 
In nome dell'olio italiano

Prezzo di vendita 25,00

In nome dell'olio italiano

di Colomba Mongiello

 
Turista per calcio (e non per caso)

Prezzo di vendita 10,00

Turista per calcio (e non per caso)

di Mara Cinquepalmi

La tv è fatta di riti, un po’ come il calcio. Ogni programma, come ogni partita, ha la sua liturgia, la sua scaletta da seguire e
rispettare. Lo spettatore conosce i tempi. Il rischio, però, è che quella scaletta diventi routine e tutte le puntate finiscano per assomigliarsi. In questo si può dire che Turista per calcio sia stato un’eccezione: impossibile dire che vista una puntata, le hai viste tutte.

 
VelEni

Prezzo di vendita 13,00

VelEni

di Fabio Amendolara

Poteri forti, fortissimi, che muovono soldi, faccendieri e barbe finte, che decidono le sorti energetiche ed economiche del Paese, e che hanno potere di vita e di morte. Un intrigo tutto italiano che ha sullo sfondo l’ombra della mafia siciliana. Personaggi di primo piano della Prima Repubblica, rimasti più o meno nascosti, muovono le pedine su uno scacchiere alla cui base ci sono potere e petrolio; figure importanti, poi annoverate tra i martiri dello Stato, mostrano un’altra faccia e intellettuali considerati tutti d’un pezzo si lasciano condizionare da un padrone o dal denaro. Un testimone importante viene ignorato, con molta probabilità conosceva una parte della storia che è rimasta segreta e che forse lo rimarrà per sempre.

 
Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

Prezzo di vendita 25,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di AA.VV.

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Vocabolario Italiano-Foggiano

Prezzo di vendita 40,00

Vocabolario Italiano-Foggiano

di Michele Frattulino

«La ricerca di un ponte fra i lemmi della lingua madre e i termini dialettali che possono trovare molteplici rappresentazioni nella traduzione: a volte buffe, a volte incentrate sull’uso di un vernacolo che, come tutto il resto, ha subito trasformazioni o nella raffinata ricercatezza di un termine arcaico, dimenticato, che ancora riesce come nessun altro a colpire nel segno. Che dire? Sorprendente come sempre. Magico come mai» (Stella Katia Iorio)

 
Ciccio Patino

Prezzo di vendita 20,00

Ciccio Patino

di Domenico Carella

Patino era un’ala di quelle di un tempo mai passato di moda che vivevano ai confini del rettangolo; quasi una sorta di reclusi dentro una striscia piccolissima di campo, per preparare poi gli scatti, i dribbling e gli allunghi, i cross per le teste dorate di Nocera e Oltramari, di Matteo Rinaldi che avanzava ad ogni calcio d’angolo come gli capitò di fare, tra l’incredulità collettiva, a Firenze nel debutto assoluto in serie A, segnando un gol che ammutolì lo stadio.

 
Il lumicino della Speranza

Prezzo di vendita 12,00

Il lumicino della Speranza

di Piero Cicolella

La storia d’amore tra Mattia e Carol è sconvolta da un evento lieto ma allo stesso tempo tragico, che ne cambierà radicalmente la vita sentimentale. Solo grazie alla forza della speranza e al loro grande amore i due protagonisti riusciranno ad affrontare e superare le avversità della vita.

 
Scienze umane tra ricerca e didattica vol. II

Prezzo di vendita 35,00

Scienze umane tra ricerca e didattica vol. II

di Giovanni Cipriani - Antonella Cagnolati (a cura di)

«Orbene, vedo trasfigurarsi ai miei occhi tutte le figure dei miei colleghi e amici e tutte le loro personalità in una grande e maestosa biblioteca: ognuna/ognuno di loro costituisce uno scaffale di libri a sé, ma al contempo confinante, orizzontalmente e verticalmente, con gli altri scaffali, dando vita a una straordinaria enciclopedia dei saperi umanistici, fonte di documentazione, ispirazione, eredità, trasmissione di quanto è stato scoperto e depositato da altri e di quanto è stato scoperto e messo a disposizione da loro stessi, in una continuità incessante di conoscenze, riflessioni, acquisizioni. Sono orgoglioso di farne parte, ma sono ancor più felice se penso che quello che abbiamo fatto in questi quasi vent’anni continuerà, grazie alla ricerca e alla didattica, a crescere e a diffondersi, in virtù di quella che i Latini avrebbero definito giustamente industria felix» (G. Cipriani)

 
Rico Garofalo, una vita per la musica

Prezzo di vendita 20,00

Rico Garofalo, una vita per la musica

di Marcello e Riccardo Garofalo

 


«Il suo rapporto con il piano era una straordinaria relazione d’amore: nelle mani del Maestro il piano subiva una trasfigurazione figurale, da oggetto inanimato ad essere vivente, da strumento musicale a confidente, ad interlocutore, testimone attento delle sue ricerche continue per ottenere brillanti esecuzioni».

Gaetano Zenga

 
Foggia, 28 aprile 1898

Prezzo di vendita 15,00

Foggia, 28 aprile 1898

di Raffele De Seneen

«Verso le 9 e mezza del 28 aprile una folla di persone si agglomerò dinanzi alla panetteria di certo Altieri con l’intenzione d’impossessarsi del pane. Ma intervenuto il Sindaco, comm. Perrone, la folla si allontanò da quel posto e, ingrossandosi, seguì il Sindaco che si era diretto alla Prefettura...»

 
Scienze umane tra ricerca e didattica vol. I

Prezzo di vendita 35,00

Scienze umane tra ricerca e didattica vol. I

di Giovanni Cipriani - Antonella Cagnolati (a cura di)

«Orbene, vedo trasfigurarsi ai miei occhi tutte le figure dei miei colleghi e amici e tutte le loro personalità in una grande e maestosa biblioteca: ognuna/ognuno di loro costituisce uno scaffale di libri a sé, ma al contempo confinante, orizzontalmente e verticalmente, con gli altri scaffali, dando vita a una straordinaria enciclopedia dei saperi umanistici, fonte di documentazione, ispirazione, eredità, trasmissione di quanto è stato scoperto e depositato da altri e di quanto è stato scoperto e messo a disposizione da loro stessi, in una continuità incessante di conoscenze, riflessioni, acquisizioni. Sono orgoglioso di farne parte, ma sono ancor più felice se penso che quello che abbiamo fatto in questi quasi vent’anni continuerà, grazie alla ricerca e alla didattica, a crescere e a diffondersi, in virtù di quella che i Latini avrebbero definito giustamente industria felix» (G. Cipriani)

 
Il carme su San Michele Arcangelo di Flodoardo di Reims

Prezzo di vendita 20,00

Il carme su San Michele Arcangelo di Flodoardo di Reims

di Francesca Sivo


Il poeta francese condensa gli elementi più significativi della leggenda micaelica di matrice garganica, seguendo l’ordine in cui essa viene narrata nel cosiddetto "Liber de apparitione sancti Michaelis in monte Gargano": l’anonima operetta agiografica che, narrando soprattutto le manifestazioni dell’Arcangelo sul promontorio dauno, rappresenta la leggenda di fondazione del più antico dei luoghi alti dell’Occidente europeo a lui dedicati

 
Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di Sergio Audano - Giovanni Cipriani (a cura di)

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 
Verba puerpera

Prezzo di vendita 20,00

Verba puerpera

di Giovanni Cipriani

 


L’inventario delle situazioni che controllano il momento del parto in Roma antica si sostanzia in uno stupefacente deposito di superstizioni e di ricette, in cui la magia spadroneggia con i suoi principi di carattere analogico e simpatetico e di cui il folklore locale conserva vivida traccia; non mancano altresì le specifiche ‘parole del parto’, connotate - ieri come oggi - da un sofferto intreccio di paura e di fede, com’è naturale nei delicati ‘riti di passaggio’.

 
Virgilio sul set

Prezzo di vendita 20,00

Virgilio sul set

di Andrea Musio

Se un classico si riconosce - come affermava Calvino - anche perché «non ha mai finito di dire quel che ha da dire», cosa avviene quando il classico più vitale e rappresentativo della latinità incontra il linguaggio contemporaneo più diffuso e prolifico? Quali sono gli avvincenti processi di riscrittura intervenuti fra i versi virgiliani e la loro trasposizione sul grande schermo? 

 
Non domini nostri sed duces

Prezzo di vendita 20,00

Non domini nostri sed duces

di Andrea Musio - Tiziana Ragno - Antonella Tedeschi

«I rapporti di forza tra antico e moderno sembrano pendere in favore della modernità o, per meglio dire, della sua capacità di rifarsi ai modelli modificandone contenuti e connotati. Il presente, insomma, condiziona – è ovvio – la percezione del passato. E, questo, anche in vista della costruzione di identità e immaginari comuni: il ricorso a paradigmi già noti garantisce – o, dovremmo dire, dovrebbe garantire – che si realizzi un’immagine coerente e condivisa dell’attualità. 

 
Metamorfosi di metamorfosi

Prezzo di vendita 25,00

Metamorfosi di metamorfosi

di G. M. Masselli - F. Sivo (a cura di)

In occasione del bimillenario della morte di Ovidio, si è tenuto a Foggia un convegno dedicato alle ‘meraviglie letterarie’ che il poeta delle "Metamorfosi" ha compiuto e, attraverso la penna di altri autori, continua ancora a compiere. Questo volume ne raccoglie i frutti: un viaggio affascinante, alla scoperta del potere generativo e trasformativo della scrittura, per ascoltare, ancora una volta, la voce di un Classico e non dimenticare.

 
Processo farsa: un'invenzione di Terenzio e Molière

Prezzo di vendita 15,00

Processo farsa: un'invenzione di Terenzio e Molière

di Antonella Tedeschi

L’indagine relativa agli aspetti strutturali, linguistici e tematici delle sezioni della fabula terenziana, che maggiormente hanno influenzato la stesura di Molière, gettano luce sulla fucina dove ha lavorato il commediografo francese, che sapientemente ha adattato molteplici elementi e ha ‘confuso’ echi antichi e moderni, dotandoli di stilemi comici personalissimi.

 
La salute vien mangiando

Prezzo di vendita 15,00

La salute vien mangiando

di Michele F. Panunzio

«La prevenzione nutrizionale è la più potente medicina, ma non ama la solitudine; ancelle le sono tutte le altre discipline mediche. Si accontenta di stare in disparte, ma in cuor suo sa di essere la padrona di casa per accogliere tutti. Non è esclusiva, né ha la puzza sotto il naso. La collettività e l'individuo, il gruppo e il singolo, i sani e i malati, la prevenzione nutrizionale è per tutti ed è per sempre».

 
Premio Lupo 2016

Prezzo di vendita 20,00

Premio Lupo 2016

di AA.VV.

Quattro parole, “Facciamo un concorso letterario”. La sfida era stata aperta. “Lo chiameremo “Premio Lupo” - dissi, in onore del nostro territorio che, per similitudine, ha visto nello scorso secolo una netta diminuzione della presenza dei suoi abitanti e del braccato animale, migrati a fiotti altrove. Eravamo tutti perplessi e non solo per il nome del concorso... Ma per sfida o per incoscienza intraprendemmo un percorso che, pur essendo molto impegnativo, è ricco di grandi soddisfazioni. Seminare su terreno incolto è sempre impresa ardua, ne sanno qualcosa i nostri contadini, ma a volte loro stessi, scarpe grosse e cervello fino, ci hanno dimostrato di saper ottenere, da incolti e pascoli, grandi risultati. Tanto sta avvenendo per il progetto “Premio Lupo”. Impensabile concepire nel lontano 2006 il ‘raccolto’ del 2016...

 
Multas per gentes: il confronto con l'altro

Prezzo di vendita 20,00

Multas per gentes: il confronto con l'altro

di AA.VV.

«A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che “ogni straniero è nemico”. Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente; [...] quando questo avviene, [...] allora, al termine della catena, sta il Lager» (Primo Levi, Se questo è un uomo, 1947).

 
Donne di carta

Prezzo di vendita 18,00

Donne di carta

di Mara Cinquepalmi