Venerdì 28 Gennaio 2022

Ultime News da il corriere

20/07/2016

Il bilancio della due giorni nazionale a Viggiano, devastata dall'ENI

Non solo "No Triv": così gli ambientalisti lavorano al futuro ecosostenibile

Ne parliamo con Tiziana Medici, tra i fondatori del movimento nel 2012, esperta in Pianificazione strategica e sviluppo locale. Per la sua attività ha ricevuto il premio 'Donne, Pace e ambiente Wangara

Non solo "No Triv": così gli ambientalisti lavorano al futuro ecosostenibile

Tiziana Medici

«Applicare il principio di precauzione in modo che l'interesse alla salute prevalga rispetto agli interessi economici, fin tanto che sussista il dubbio che questi ultimi possano danneggiare il primo. Qui non si tratta di difendere solo il diritto alla salute, ma a vivere in una democrazia garante di trasparenza e partecipazione».

La prima volta dei No Triv nazionali in Basilicata, meglio: per la prima volta il movimento sceglie la Lucania per un incontro nazionale; e il luogo è altamente simbolica: Viggiano, sede della Madonna Nera, protettrice dei Lucani ma anche del centro oli Eni, centro nevralgico dell’oro nero. Ma i No Triv non credono che sia l’estrazione degli idrocarburi né il futuro né il presente dello sviluppo economico della regione. E ora, dopo il mancato quorum del referendum di aprile, gli ambientalisti e volontari anti trivelle fanno il punto della situazione. Due giorni intensi per parlare non solo di ambiente e perforazioni, ma anche  di salute, referendum costituzionale.

Ne parliamo con Tiziana Medici, tra i fondatori del movimento nel 2012, originaria di Polla (ma attualmente residente a Potenza), esperta in Pianificazione strategica e sviluppo locale; da anni impegnata anche nella divulgazione della cultura digitale nelle pubbliche amministrazioni. Un’attività che svolge assieme alla difesa dell’ambiente; tra le sue lotte quella contro le concessioni petrolifere nel Vallo di Diano. Per la sua attività  ha  ricevuto il premio 'Donne, Pace e ambiente Wangara

Subito una domanda a bruciapelo: il centro oli deve aprire?

No. La Raffineria o impianto di desolforizzazione, altro che centro oli, non solo non deve riaprire ma non può riaprire. E non è una posizione dell’ultima ora. Dal 2012, da quando siamo nati ufficialmente, in Basilicata il Centro Oli è stato sempre il perno intorno a cui si sono concentrate le attenzioni. Per i continui incidenti definiti dall’ENI “eventi”, per le continue segnalazioni di disagio che arrivavano dalla Valle e poi con la conferma della magistratura che sta indagando proprio su quegli incidenti ben nascosti dall’ENI. Non ci fidiamo di chi dice che in tre mesi risolverà il problema e non vogliamo che la raffineria petrolifera situata in Val d’Agri continui a lavorare.

Ma la Basilicata ha settori  e servizi che sono finanziati con le royalties e certo da subito non è pensabile ad una alternativa. Che strategia pensate per il futuro.

Proprio di questo si è parlato nell’assemblea No Triv a Viaggiano, in particolare nella relazione di Vincenzo Ritunnano, agronomo, Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica, No Triv Basilicata che in pochi punti ha elencato le priorità e delle proposte concrete dei no triv in basilicata: ristabilire le condizioni minime di legalità e di vivibilità nei territori esposti ai danni ed ai rischi; soccorrere le popolazioni esposte. Per esempio introdurre in tutte le mense pubbliche alimenti biologici. Fermare le attività industriali in essere almeno fino a che non siano definiti chiaramente danni, responsabilità, azioni correttive. Applicare il principio di precauzione in modo che l'interesse alla salute prevalga rispetto agli interessi economici, fin tanto che sussista il dubbio che questi ultimi possano danneggiare il primo (vedi ordinanza sindacale del Comune di Grassano del 23 Maggio scorso, che fa divieto dell'avvio di ogni attività di ricerca o sfruttamento di idrocarburi a fronte del permesso di ricerca “Torrente Acqua Fredda”. E poi: risarcire i danni,bonificare i siti inquinati, indennizzare i soggetti danneggiati. Serve un monitoraggio efficace, trasparente, indipendente, finalizzato alla zonizzazione del territorio, in modo da suddividerlo per classi di rischio e identificare le zone interdette alla produzione di alimenti. Pianificare le politiche di sviluppo rurale in modo da mantenere e riconvertire le attività agricole in aree a rischio verso attività di manutenzione ambientale, rigenerazione dei suoli, fitodepurazione delle acque, riduzione delle emissioni di gas climalteranti, produzioni no food.  Avviare la riconversione dei territori: l'agricoltura biologica, il modello del  "biodistretto"

Avete lanciato un allarme per la salute specie nella Val D’agri. Su quali dati?

Giambattista Mele, medico di Viggiano e rappresentante ISDE, sempre nell’Assemblea No Triv a Viaggiano,  ha riportato i risultati Arpab delle analisi dei fumi dei camini del COVA del 8 e 9 giugno e del 18 e 19 dello stesso mese. I dati allarmanti sono quelli degli idrocarburi non gassosi che superano i 3877 microgrammi/mcubo, quota straordinaria che fa pensare a un'attività a pieno regime, non ad un'attività sospesa da oltre tre mesi. C'è da chiedersi come stiano realmente le cose, dice Mele; quanto ai 66 “ incidenti” (fiammate) denunciati alle autorità, paradossalmente sono i denuncianti quelli che sono stati perseguiti. Il dipartimento ambiente è latitante, quando non dichiaratamente colluso, come la recente indagine della magistratura sta accertando in capo al responsabile del Dipartimento Compatibilità Ambientale della Regione Basilicata. E’ impensabile, conclude Mele, che solo attraverso la magistratura si possano vincere le opposizioni delle amministrazioni, alla stregua dei regimi che hanno negato ogni diritto. Qui non si tratta di difendere solo il diritto alla salute, ma a vivere in una democrazia garante di trasparenza e partecipazione.

Parliamo dei No Triv Nazionali; il movimento è unito oppure ci sono delle sfilacciature?

Il Coordinamento No Triv non nasce, né vuole essere l’ennesima associazione ambientalista di scopo, ma un luogo dinamico di elaborazione, di lotte, di ricomposizione con altri movimenti, nella prospettiva antiliberista e della trasformazione necessaria dei rapporti sociali attuali, partendo dalla difesa degli spazi di democrazia e per la conquista di maggiore libertà collettiva ed individuale.

Però, dopo il mancato quorum al referendum di aprile e dopo i risultati negativi di affluenza anche nelle zone direttamente interessate, si pone un problema di direzione strategica e politica del movimento.

In occasione del Referendum del 17 aprile più di 13 milioni di italiani hanno detto SI ad una totale inversione di rotta nella Strategia Energetica Nazionale. Non solo. Hanno ribadito la netta contrarietà ad un sistema di governance che esclude ogni forma di partecipazione dei cittadini e delle istituzioni di prossimità (enti locali e Regioni) alle scelte che interessano i territori. Ben tre dei sei quesiti referendari No Triv approvati dalla Corte di Cassazione – due dei quali recepiti nella Legge di Stabilità ed un terzo eluso dal Governo - riguardavano non a caso il grande tema della difesa della democrazia nel nostro Paese e, nello specifico, il rapporto tra Stato e Regioni in materia di opere ed infrastrutture energetiche. In questo solco cammina il coordinamento e la sua visione strategica e politica non solo è chiara ma oggi è ancora più evidente.

Per Viggiano vi è stata una massiccia adesione di associazioni, una buona partecipazione da fuori regione ma pochi lucani: come mai?

In primis va ricordato che l’assemblea era nazionale e non regionale. La Basilicata ha ospitato le altre Regioni. Per ciò che concerne la  Basilicata vi sono molte anime, molti comitati e molti semplici cittadini che da anni si battono nel silenzio. A questo proposito, mi auguro di tutto cuore che il riferimento in campo ambientale lucano, la OLA, riapra al più presto il suo sito e riprenda le attività che ha momentaneamente sospeso. Insomma in Basilicata c’è molto fermento e ci sono molte anime, quindi è normale che ci si scontri o che non si sia tutti sulla stessa linea! Il coordinamento nazionale promuove la realizzazione di una rete nazionale organizzata su base regionale. E’ antifascista e  chi si riconoscerà nelle ragioni esplicitate nello Statuto (provvisorio e da discutere e rivedere subito dopo il referendum di autunno) potrà liberamente associarsi.

Avete discusso anche di riforme costituzionali e del prossimo referendum. Quali sono i motivi del vostro no?

Bloccare la Controriforma della Costituzione è passo necessario nell'ottica del contrasto alla Strategia Energetica Nazionale in cui si prevede che la ridefinizione del rapporto tra Stato e Regioni ed enti locali debba passare anche attraverso una modifica dell'art. 117 della Costituzione che elimini la legislazione concorrente.

In conclusione, dopo il week end di Viggiano cosa faranno i No Triv d'Italia?

In Basilicata il programma è fitto e prevede la necessità di sviluppo di specifiche campagne, 4 gruppi di lavoro, cui i presenti hanno già iniziato ad aderire e a cui sarà possibile aderire tramite segnalazione in mailing list "No Triv". I gruppi sono: Campagna per la produzione biologica, le attività zootecniche, fondate su modelli circolari, a km Zero; Campagna per la Transizione Energetica, verso fonti rinnovabili pulite, la formazione, un piano occupazionale; Campagna per l’anagrafe delle aree e dei siti da bonificare e per la tutela precauzionale della qualità dell’Acqua e degli acquiferi; Campagna per una moratoria nazionale dei permessi di ricerca di idrocarburi. A livello zazionale, poi, la campagna referendaria Costituzionale su cui già da un mese è iniziato il lavoro.

Il Castello Edizioni

Prezzo di vendita 20,00

Non domini nostri sed duces

di Andrea Musio - Tiziana Ragno - Antonella Tedeschi

«I rapporti di forza tra antico e moderno sembrano pendere in favore della modernità o, per meglio dire, della sua capacità di rifarsi ai modelli modificandone contenuti e connotati. Il presente, insomma, condiziona – è ovvio – la percezione del passato. E, questo, anche in vista della costruzione di identità e immaginari comuni: il ricorso a paradigmi già noti garantisce – o, dovremmo dire, dovrebbe garantire – che si realizzi un’immagine coerente e condivisa dell’attualità. 

 

Prezzo di vendita 20,00

Ciccio Patino

di Domenico Carella

Patino era un’ala di quelle di un tempo mai passato di moda che vivevano ai confini del rettangolo; quasi una sorta di reclusi dentro una striscia piccolissima di campo, per preparare poi gli scatti, i dribbling e gli allunghi, i cross per le teste dorate di Nocera e Oltramari, di Matteo Rinaldi che avanzava ad ogni calcio d’angolo come gli capitò di fare, tra l’incredulità collettiva, a Firenze nel debutto assoluto in serie A, segnando un gol che ammutolì lo stadio.

 

Prezzo di vendita 25,00

Premio Lupo 2016 - Sezione pittura

di AA. VV.

«L’arte è capace di esprimere e rendere visibile il bisogno dell’uomo di andare oltre ciò che si vede, manifesta la sete e la ricerca dell’infinito. Anzi, è come una porta aperta verso l’infinito, verso una bellezza e una verità che vanno al di là del quotidiano. E un’opera d’arte può aprire gli occhi della mente e del cuore, sospingendoci verso l’alto». (Papa Benedetto XVI)

 

Prezzo di vendita 10,00

Turista per calcio (e non per caso)

di Mara Cinquepalmi

La tv è fatta di riti, un po’ come il calcio. Ogni programma, come ogni partita, ha la sua liturgia, la sua scaletta da seguire e
rispettare. Lo spettatore conosce i tempi. Il rischio, però, è che quella scaletta diventi routine e tutte le puntate finiscano per assomigliarsi. In questo si può dire che Turista per calcio sia stato un’eccezione: impossibile dire che vista una puntata, le hai viste tutte.

 

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di AA.VV.

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 

Prezzo di vendita 7,00

La grandezza dei nani

di Raffaele di Mauro

 

Prezzo di vendita 15,00

FOREVER

di Michele Panunzio

Questo libro è il frutto di un serio corteggiamento: tra Michele Panunzio, l'autore, e i suoi tantissimi e attentissimi lettori che ogni domenica mattina lo aspettano al varco di internet per leggere un suo nuovo post del blog "Forever" che tiene su "Il Mattino di Foggia"

 

Prezzo di vendita 20,00

Catilina duplex

di Antonella Tedeschi

Il presente lavoro, composto da quattro saggi, prende le mosse dalla ben nota consonanza tra actio rhetorica e actio scaenica, sottolineata dai retori antichi, esercitata nella pratica oratoria e sublimata nella prassi scolastica mediante l’esercizio dell’etopea, per ripercorrerne gli esiti generativi nel teatro moderno.

 

Prezzo di vendita 25,00

Antiquam exquirite matrem

di AA.VV.

Da subito best-seller, alla pari del suo modello, l’Eneide si fa modello essa stessa, entrando nell’immaginario culturale e offrendosi quale inesauribile forziere di esemplarità, analogie, metafore, sentenze. Evidentemente, appartiene al ‘tesoro’ che ne deriva il titolo di questo nostro libro: antiquam exquirite matrem. L’emistichio è, notoriamente, stralciato dal comando del Timbreo a «cercar l’antica madre»: male inteso, l’oracolo fuorvia i Troiani, sicché, la trama che avrebbe potuto / dovuto essere svanisce a causa di (o semmai grazie a) questo fraintendimento, che genera errores e, con gli errores, la ‘vera’ storia del viaggio di Enea. Per altri versi, questa frase ci è parsa emblematica un po’ del lavoro esegetico, che ora spiega, ora tradisce il testo; un po’ di quello degli imitatori, che intendendo o fraintendendo, fanno comunque un testo nuovo.

 

Prezzo di vendita 20,00

Multas per gentes: il confronto con l'altro

di AA.VV.

«A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che “ogni straniero è nemico”. Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente; [...] quando questo avviene, [...] allora, al termine della catena, sta il Lager» (Primo Levi, Se questo è un uomo, 1947).

 

Prezzo di vendita 15,00

Ama ciò che fai

di Michele F. Panunzio

Il cuore è la sede dell’intelligenza, la tavola quella dell’amore e della condivisione. E quando il cuore incontra la tavola tutto assume un sapore nuovo: il cibo, l’amicizia, l’amore e la salute. Il nostro rapporto con il cibo nasconde una dimensione spirituale che, quando trova un suo giusto equilibrio, nutre corpo e anima. Ama ciò che fai. La prevenzione nutrizionale dal cuore alla tavola è un libro per tutti. In borsa o a lavoro, a casa o in ufficio, non importa: chiunque merita di averlo con sé ovunque sia.

Antonio Russo (Presidenza Nazionale ACLI)

 

Prezzo di vendita 25,00

Metamorfosi di metamorfosi

di G. M. Masselli - F. Sivo (a cura di)

In occasione del bimillenario della morte di Ovidio, si è tenuto a Foggia un convegno dedicato alle ‘meraviglie letterarie’ che il poeta delle "Metamorfosi" ha compiuto e, attraverso la penna di altri autori, continua ancora a compiere. Questo volume ne raccoglie i frutti: un viaggio affascinante, alla scoperta del potere generativo e trasformativo della scrittura, per ascoltare, ancora una volta, la voce di un Classico e non dimenticare.

 

Prezzo di vendita 20,00

Verba puerpera

di Giovanni Cipriani

 


L’inventario delle situazioni che controllano il momento del parto in Roma antica si sostanzia in uno stupefacente deposito di superstizioni e di ricette, in cui la magia spadroneggia con i suoi principi di carattere analogico e simpatetico e di cui il folklore locale conserva vivida traccia; non mancano altresì le specifiche ‘parole del parto’, connotate - ieri come oggi - da un sofferto intreccio di paura e di fede, com’è naturale nei delicati ‘riti di passaggio’.

 

Prezzo di vendita 18,00

Donne di carta

di Mara Cinquepalmi

 

Prezzo di vendita 20,00

Rico Garofalo, una vita per la musica

di Marcello e Riccardo Garofalo

 


«Il suo rapporto con il piano era una straordinaria relazione d’amore: nelle mani del Maestro il piano subiva una trasfigurazione figurale, da oggetto inanimato ad essere vivente, da strumento musicale a confidente, ad interlocutore, testimone attento delle sue ricerche continue per ottenere brillanti esecuzioni».

Gaetano Zenga

 

Prezzo di vendita 15,00

Son'io, Marina

di Michele Sisbarra

Marina aveva sempre concepito la vita come un frammento di concretezza nell’immaterialità del nulla. Sì, il nulla, quello che la precede e che sarà dopo di lei, dopo ognuno di noi. Un peso che inconsapevolmente si portava dietro da troppo tempo

 

Prezzo di vendita 20,00

Forever 2018

di Michele F. Panunzio


«La prevenzione nutrizionale è la più potente medicina, ma non ama la solitudine; ancelle le sono tutte le altre discipline mediche. Si accontenta di stare in disparte, ma in cuor suo sa di essere la padrona di casa per accogliere tutti. Non è esclusiva, né ha la puzza sotto il naso. La collettività e l’individuo, il gruppo e il singolo, i sani e i malati, la prevenzione nutrizionale è per tutti ed è per sempre»

 

Prezzo di vendita 25,00

Filologia e letteratura in san Gerolamo (nel XVI centenario della morte)

di Fabio Gasti (a cura di)

Nel solco della consuetudine delle Giornate Ghisleriane, che hanno visto succedersi incontri a tema e altri dedicati a una singola figura di letterato, quella del 2020 intendeva celebrare il sedicesimo centenario della morte di Gerolamo, emblematica figura di Padre della Chiesa e insieme di filologo, attivo e polemico nel dibattito dottrinale non meno che in quello relativo alla problematica ricezione e divulgazione dei testi fondamentali del magistero cristiano in lingua greca.

 

Prezzo di vendita 15,00

Foggia, 28 aprile 1898

di Raffele De Seneen

«Verso le 9 e mezza del 28 aprile una folla di persone si agglomerò dinanzi alla panetteria di certo Altieri con l’intenzione d’impossessarsi del pane. Ma intervenuto il Sindaco, comm. Perrone, la folla si allontanò da quel posto e, ingrossandosi, seguì il Sindaco che si era diretto alla Prefettura...»

 

Prezzo di vendita 40,00

Vocabolario Italiano-Foggiano

di Michele Frattulino

«La ricerca di un ponte fra i lemmi della lingua madre e i termini dialettali che possono trovare molteplici rappresentazioni nella traduzione: a volte buffe, a volte incentrate sull’uso di un vernacolo che, come tutto il resto, ha subito trasformazioni o nella raffinata ricercatezza di un termine arcaico, dimenticato, che ancora riesce come nessun altro a colpire nel segno. Che dire? Sorprendente come sempre. Magico come mai» (Stella Katia Iorio)

 

Prezzo di vendita 20,00

Premio Lupo 2016

di AA.VV.

Quattro parole, “Facciamo un concorso letterario”. La sfida era stata aperta. “Lo chiameremo “Premio Lupo” - dissi, in onore del nostro territorio che, per similitudine, ha visto nello scorso secolo una netta diminuzione della presenza dei suoi abitanti e del braccato animale, migrati a fiotti altrove. Eravamo tutti perplessi e non solo per il nome del concorso... Ma per sfida o per incoscienza intraprendemmo un percorso che, pur essendo molto impegnativo, è ricco di grandi soddisfazioni. Seminare su terreno incolto è sempre impresa ardua, ne sanno qualcosa i nostri contadini, ma a volte loro stessi, scarpe grosse e cervello fino, ci hanno dimostrato di saper ottenere, da incolti e pascoli, grandi risultati. Tanto sta avvenendo per il progetto “Premio Lupo”. Impensabile concepire nel lontano 2006 il ‘raccolto’ del 2016...

 

Prezzo di vendita 15,00

La salute vien mangiando

di Michele F. Panunzio

«La prevenzione nutrizionale è la più potente medicina, ma non ama la solitudine; ancelle le sono tutte le altre discipline mediche. Si accontenta di stare in disparte, ma in cuor suo sa di essere la padrona di casa per accogliere tutti. Non è esclusiva, né ha la puzza sotto il naso. La collettività e l'individuo, il gruppo e il singolo, i sani e i malati, la prevenzione nutrizionale è per tutti ed è per sempre».

 

Prezzo di vendita 20,00

Alfieri e il volgarizzamento dell'Eneide

di Giovanni Cipriani - Noemi Corlito - Grazia Maria Masselli

Nelle vesti di cultore dei Classici e meticoloso filologo, Vittorio Alfieri, alle prese con la traduzione della contesa verbale tra Enea e Didone nel IV libro dell’Eneide, si affida, nelle sue scelte lessicali e nella ricostruzione di un persuasivo ordo verborum, ai commenti che corredano le edizioni virgiliane in suo possesso e, in particolare, all’esegesi del grammaticus Mauro Servio Onorato e del rhetor Tiberio Claudio Donato.

 

Prezzo di vendita 20,00

Il carme su San Michele Arcangelo di Flodoardo di Reims

di Francesca Sivo


Il poeta francese condensa gli elementi più significativi della leggenda micaelica di matrice garganica, seguendo l’ordine in cui essa viene narrata nel cosiddetto "Liber de apparitione sancti Michaelis in monte Gargano": l’anonima operetta agiografica che, narrando soprattutto le manifestazioni dell’Arcangelo sul promontorio dauno, rappresenta la leggenda di fondazione del più antico dei luoghi alti dell’Occidente europeo a lui dedicati

 

Prezzo di vendita 40,00

Eroi, dèi, condottieri

di Grazia Maria Masselli - Francesca Sivo (a cura di)

Terreno privilegiato di ‘intertestualità’ e di ‘multimedialità’, il mito costituisce il campo di indagine che, più di ogni altro, consente una fruizione comparativa dei testi classici: il confronto con opere (non soltanto letterarie) distanti fra loro nel tempo e nello spazio stimola, infatti, la ricerca delle “permanenze” quale viatico indispensabile per interpretare le variazioni subìte da uno stesso thema nel passaggio da un’epoca all’altra, da un’area geografica all’altra, da un linguaggio all’altro, creando occasioni di arricchimento multidisciplinare e di approfondimento dei meccanismi regolativi della cosiddetta “traduzione intersemiotica”.

 

Prezzo di vendita 13,00

VelEni

di Fabio Amendolara

Poteri forti, fortissimi, che muovono soldi, faccendieri e barbe finte, che decidono le sorti energetiche ed economiche del Paese, e che hanno potere di vita e di morte. Un intrigo tutto italiano che ha sullo sfondo l’ombra della mafia siciliana. Personaggi di primo piano della Prima Repubblica, rimasti più o meno nascosti, muovono le pedine su uno scacchiere alla cui base ci sono potere e petrolio; figure importanti, poi annoverate tra i martiri dello Stato, mostrano un’altra faccia e intellettuali considerati tutti d’un pezzo si lasciano condizionare da un padrone o dal denaro. Un testimone importante viene ignorato, con molta probabilità conosceva una parte della storia che è rimasta segreta e che forse lo rimarrà per sempre.

 

Prezzo di vendita 15,00

Processo farsa: un'invenzione di Terenzio e Molière

di Antonella Tedeschi

L’indagine relativa agli aspetti strutturali, linguistici e tematici delle sezioni della fabula terenziana, che maggiormente hanno influenzato la stesura di Molière, gettano luce sulla fucina dove ha lavorato il commediografo francese, che sapientemente ha adattato molteplici elementi e ha ‘confuso’ echi antichi e moderni, dotandoli di stilemi comici personalissimi.

 

Prezzo di vendita 35,00

Scienze umane tra ricerca e didattica vol. II

di Giovanni Cipriani - Antonella Cagnolati (a cura di)

«Orbene, vedo trasfigurarsi ai miei occhi tutte le figure dei miei colleghi e amici e tutte le loro personalità in una grande e maestosa biblioteca: ognuna/ognuno di loro costituisce uno scaffale di libri a sé, ma al contempo confinante, orizzontalmente e verticalmente, con gli altri scaffali, dando vita a una straordinaria enciclopedia dei saperi umanistici, fonte di documentazione, ispirazione, eredità, trasmissione di quanto è stato scoperto e depositato da altri e di quanto è stato scoperto e messo a disposizione da loro stessi, in una continuità incessante di conoscenze, riflessioni, acquisizioni. Sono orgoglioso di farne parte, ma sono ancor più felice se penso che quello che abbiamo fatto in questi quasi vent’anni continuerà, grazie alla ricerca e alla didattica, a crescere e a diffondersi, in virtù di quella che i Latini avrebbero definito giustamente industria felix» (G. Cipriani)

 

Prezzo di vendita 35,00

Scienze umane tra ricerca e didattica vol. I

di Giovanni Cipriani - Antonella Cagnolati (a cura di)

«Orbene, vedo trasfigurarsi ai miei occhi tutte le figure dei miei colleghi e amici e tutte le loro personalità in una grande e maestosa biblioteca: ognuna/ognuno di loro costituisce uno scaffale di libri a sé, ma al contempo confinante, orizzontalmente e verticalmente, con gli altri scaffali, dando vita a una straordinaria enciclopedia dei saperi umanistici, fonte di documentazione, ispirazione, eredità, trasmissione di quanto è stato scoperto e depositato da altri e di quanto è stato scoperto e messo a disposizione da loro stessi, in una continuità incessante di conoscenze, riflessioni, acquisizioni. Sono orgoglioso di farne parte, ma sono ancor più felice se penso che quello che abbiamo fatto in questi quasi vent’anni continuerà, grazie alla ricerca e alla didattica, a crescere e a diffondersi, in virtù di quella che i Latini avrebbero definito giustamente industria felix» (G. Cipriani)

 

Prezzo di vendita 40,00

Il ruolo della Scuola nella tradizione dei classici latini

di AA.VV.

Non si può non convenire sul fatto che l’analisi del Fortleben dei classici nel loro impiego scolastico costituisce una ulteriore occasione di riflessione sulla capacità impressionante degli antichi di precorrere i tempi anche in una sfera nevralgica e quanto mai attuale come quella didattica.

 

Prezzo di vendita 15,00

Salvatore Tatarella

di Natale Labia

«Salvatore, mio fratello, la parte migliore di me, il superamento di me stesso, è sindaco di Cerignola» Pinuccio Tatarella (Cerignola 10.12.1993)

 

Prezzo di vendita 20,00

Virgilio sul set

di Andrea Musio

Se un classico si riconosce - come affermava Calvino - anche perché «non ha mai finito di dire quel che ha da dire», cosa avviene quando il classico più vitale e rappresentativo della latinità incontra il linguaggio contemporaneo più diffuso e prolifico? Quali sono gli avvincenti processi di riscrittura intervenuti fra i versi virgiliani e la loro trasposizione sul grande schermo? 

 

Prezzo di vendita 30,00

Il socialista

di Gioacchino Albanese

Che importa la differenza tra amore e rivoluzione, se si viene ugualmente trascinati per passione da uno o da entrambi tanto da dedicarvi la vita. Il giovanissimo Peppino Di Vittorio e la sua compagna Lina, lui quindici, lei tredici anni, braccianti e figli di braccianti, pervasi da un giovanilissimo senso di giustizia sociale e da una voglia innata di cambiare il mondo, attuano un’istintiva ribellione verso le convenzioni sociali in un momento storico in cui, soprattutto nel meridione, la volontà di cambiamento è a rischio di repressione da parte dello Stato liberale che per reazione mette in atto eccidi proletari. 

 

Prezzo di vendita 25,00

In nome dell'olio italiano

di Colomba Mongiello

 

Prezzo di vendita 25,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di AA.VV.

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 

Prezzo di vendita 20,00

Aspetti della Fortuna dell'Antico nella Cultura Europea

di Sergio Audano - Giovanni Cipriani (a cura di)

Si avverte oggi il bisogno urgente di una concreta proposta culturale, etica, politica che contribuisca a ricostruire il tessuto connettivo di una società troppo sfilacciata e angosciata. Può questo volume offrire un contributo in questa direzione? È un tentativo. Ogni momento di crisi apre grandi interrogativi che coinvolgono in radice l’esistenza umana, nelle sue problematiche e nelle sue dinamiche: vale, quindi, la pena intensificare il dialogo tra noi, che viviamo questa fase complessa del XXI secolo, e la civiltà antica attraverso le tante mediazioni ed esperienze che sono state elaborate nel corso del tempo.

 

Prezzo di vendita 25,00

Presenze del classico tra Tarda Antichità e Medioevo

di Marisa Squillante

Nel volume rifluiscono sette studi che indagano testi legati da un comune filo conduttore, costituito dalla riflessione sul massiccio riuso del classico operato, in modalità differenti, dai secoli della tarda antichità e dell’alto Medioevo.

 

Prezzo di vendita 20,00

Follia d'amore

di Francesca Sivo

In che modo bisogna amare? Perché mai l’essere umano è spinto ad andare alla ricerca di una passione erotica che gli provoca sofferenza e che la ragione, invece, senza appello condanna?

 

Prezzo di vendita 15,00

Le storie dei SIAN

di AA.VV.

Interviste ai direttori del Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione a margine del III Seminario Nazionale "Integrazione tra sicurezza alimentare e nutrizionale" (Foggia, 5-7 maggio 2016)

 

Prezzo di vendita 25,00

In nome dell'olio italiano

di Colomba Mongiello

Un prodotto agroalimentare assolutamente tipico dell'Italia: l'olio. Una parlamentare appassionata e caparbia: Colomba Mongiello. 5 anni di lavoro per una giusta causa: tutelare la qualità e l'identità dell'extravergine made in Italy.